1. L’ALTRA SERA SULLA PIAZZETTA DI CAPALBIO EZIO MAURO HA LASCIATO I PRESENTI A BOCCA APERTA E CON I CAPELLI DRITTI. SECCO COME UN COLPO DI FRUSTA, E’ RIUSCITO A RENDERE LA VERVE ANTI-RENZIANA DI TRAVAGLIO E SALVINI VIGOROSA COME UN PIATTO DI SEMOLINO
2. IN BREVE, IL DIRETTORE DI “REPUBBLICA” HA SIBILATO: È ARRIVATO AL GOVERNO DALLA PORTA DI SERVIZIO, IL PREMIER NON HA UN PROGETTO POLITICO E COMUNICA SOLO A COLPI DI TWEET, DOVREBBE RIFLETTERE E DIRE LA SUA SUL VENTENNIO BERLUSCONIANO
3. CACCIARI, STUPITO DI TANTA DUREZZA, LO GUARDAVA PERPLESSO PERÒ NON HA OBIETTATO
4. L’ALTRA SORPRESA PORTA IL NOME DI ELEONORA DANIELE: CHE CI FACEVA SUL PALCO, TRA MAURO E CACCIARI, LA PIMPANTE CONDUTTRICE DI RAIUNO, BEN NOTA ALLE CRONACHE DI “NOVELLA “2000” E SITI PETTEGOLI? È STATA PREMIATA PER UN LIBRO! ITALIA, MISTERO BUFFO...

Condividi questo articolo


  • DAGOREPORT

     

    federica de sanctis– daniele – serri – bellumori federica de sanctis– daniele – serri – bellumori federica de sanctis – maramao – bellumori – cacciari – mauro federica de sanctis – maramao – bellumori – cacciari – mauro

    Sabato sera sulla piazzetta di Capalbio Ezio Mauro è riuscito a lasciare i presenti convenuti per la quarta edizione del Premio Internazionale Capalbio a bocca aperta e con i capelli dritti. Il direttore di ‘’Repubblica’’, salito sul palco per ritirare il premio come coautore con Zygmunt Bauman di "Babel. Il disincanto della democrazia" (Laterza), ha superato Travaglio e Salvini come anti-renzismo. In breve, in greve: è arrivato al governo dalla porta di servizio, il premier non ha un progetto politico e comunica solo a colpi di twitter, dovrebbe riflettere e dire la sua sul ventennio berlusconiano.

     

    Il bel tenebroso Cacciari, perplesso di tanta durezza, lo guardava perplesso però non ha mai obiettato. E una certa freddezza tra Mauro e l’ex sindaco di Venezia, premiato nella sezione filosofia per il suo "Labirinto Filosofico", Adelphi, era lampante. Anche tra i presenti sulla piazzetta erano assolutamente sorpresi. Qualcuno invece non ha fatto una piega: in tasca aveva ancora la copia del giorno di “Repubblica” dove brillava in prima pagina le affermazioni di Prodi contro il parolaio toscano.

    eleonora daniele – mauro eleonora daniele – mauro

     

    Verso la fine della cerimonia Cacciari si è infastidito perché è stato definito commentatore, politico, scrittore e filosofo e ha ribadito di voler essere definito esclusivamente come filosofo.

     

    cacciari marramao cacciari marramao bonaccorti – daniele – poggi bonaccorti – daniele – poggi sbandieratori portano i vincitori al centro storico sbandieratori portano i vincitori al centro storico premiati gruppo premiati gruppo la bella di capalbio la bella di capalbio pubblico dagli spalti pubblico dagli spalti il regista piero maccarinelli e l'ex moglie di casini, roberta lubich il regista piero maccarinelli e l'ex moglie di casini, roberta lubich manifesto sagra manifesto sagra federica de sanctis – serri mauro e bellumori federica de sanctis – serri mauro e bellumori eleonora daniele – poggi eleonora daniele – poggi donne e uomini vestiti anni 1950 donne e uomini vestiti anni 1950 daniele e bellumori 2 daniele e bellumori 2

    L’altra sorpresa porta il nome di Eleonora Daniele: che ci faceva sul palco, tra Mauro e Cacciari, la pimpante conduttrice di RaiUno, ben nota alle cronache di “Novella “2000” e siti pettegoli? Tranquilli: anche la partner tv di Salvo Sottile è stata premiata per un libro! Certo, di "Storie vere. Tra cronaca e romanzo", edizioni Rai Eri, nessuno sapeva nulla. Ma la vita italiana è davvero un mistero buffo…

     

    Condividi questo articolo

    FOTOGALLERY

    media e tv

    politica

    LICIA RONZULLI E MARTA FASCINA SONO I BERSAGLI GROSSI NELLA FAIDA DI FORZA ITALIA: “HANNO L'ARROGANZA DELL'ASSO PIGLIA TUTTO” – BERLUSCONI, ORMAI ANNEBBIATO, E’ INFLUENZABILE E I SUOI L’HANNO CAPITO: “GLI FILTRANO LE TELEFONATE, NEANCHE PARLAMENTARI DI VECCHIA DATA RIESCONO A PARLARGLI. PUNTANO A LIQUIDARE CHIUNQUE NON STIA CON LORO, METTONO NEL MIRINO PERFINO GIANNI LETTA E ANTONIO TAJANI” – “SILVIO È ORMAI TAGLIATO FUORI DAL MONDO, CONTROLLATO DAL FILTRO A MAGLIE STRETTE DI UN TANDEM MAGICO CHE GLI DETTA L'AGENDA E AGISCE IN SUO NOME”, “BERLUSCONI PRENDE DECISIONI CHE TENDE A CREDERE SIANO FARINA DEL SUO SACCO MA CHE GLI VENGONO INVECE SUBDOLAMENTE SUGGERITE”

    business

    IL SECONDO ADDIO IN QUATTRO MESI DI FRANCESCO GAETANO CALTAGIRONE DAL CDA GENERALI NON È NÉ ESTEMPORANEA NÉ IMPROVVISATA. ARRIVA DOPO UNA LUNGA SERIE DI SCAZZOTTATE, ESPLOSE NELLA PARTITA CHE HA PORTATO ALLA CONFERMA DELL'AD PHILIPPE DONNET - ENTRO UN MESE UN PAIO DI SCADENZE DIRANNO SE “CALTARICCONE” POTRÀ TORNARE A COLLABORARE CON IL SOCIO MEDIOBANCA, IL CDA E IL MANAGEMENT OPPURE RESTERÀ MINORANZA IN COMPAGNIA DI LEONARDO DEL VECCHIO (CHE HA COME LUI QUASI IL 10% DELLE QUOTE)

    cronache

    sport

    cafonal

    viaggi

    salute