CAFONALINO EBRAICO – DALL’OPERAZIONE MOSÈ ALLA VISITA DI PRIMO LEVI AD AUSCHWITZ: AL TEATRO GHIONE DI ROMA SONO STATI PROIETTATI I SERVIZI TELEVISIVI PIU’ SIGNIFICATIVI DI “SORGENTE DI VITA”, LA TRASMISSIONE DELLA RAI SULLA CULTURA EBRAICA CHE FESTEGGIA 50 ANNI – AVVISTATI L'AD RAI, CARLO FUORTES, IL MINISTRO DELLA CULTURA, GENNY SANGIULIANO, IL PREFETTO DI ROMA, BRUNO FRATTASI. MA IL VERO PROTAGONISTA DELLA SERATA È STATO L'AMBASCIATORE ISRAELIANO, ALON BAR…

-

Condividi questo articolo


Foto di Luciano Di Bacco per Dagospia

 

David Di Segni per www.shalom.it

 

noemi di segni francesca nocerino foto di bacco noemi di segni francesca nocerino foto di bacco

Il Teatro Ghione di Roma ha ospitato i festeggiamenti del cinquantenario di Sorgente di Vita, la rubrica di cultura ebraica nata dalla collaborazione fra l’Unione delle Comunità Ebraiche italiane e la RAI nel gennaio 1973. Luci soffuse, pubblico in sala, gli occhi rapiti dal grande schermo su cui appaiono le clip dei più importanti servizi video rimasti impressi nella storia televisiva italiana. L’Operazione Mosè, la visita di Primo Levi ad Auschwitz e tanto altro ancora.

 

“Da mezzo secolo questo programma racconta storia e prospettive delle Comunità ebraiche italiane, ed ha segnato un’epoca con le sue 1.300 puntate ed oltre 650 ore di trasmissione – ha sottolineato Carlo Fuortes, Amministratore Delegato Rai - La conoscenza delle culture è lo strumento più efficace per sconfiggere pregiudizio e antisemitismo”.

 

gennaro sangiuliano alon bar noemi di segni carlo fuortes foto di bacco gennaro sangiuliano alon bar noemi di segni carlo fuortes foto di bacco

Sorgente di Vita è stata spettatrice e protagonista del progresso televisivo. È passata dalla pellicola al digitale, mantenendo sempre lo stesso scopo: raccontare l’ebraismo con strumenti al passo coi tempi. Di questo, e molto altro, hanno dibattuto sul palco relatori come Emanuele Ascarelli e Daniele Toaff, autori storici del programma, la scrittrice Lia Levi, il critico Aldo Grasso, l’attuale autore del programma Marco Di Porto, ed infine il Direttore Rai Cultura & Educational Silvia Calandrelli, che ha espresso la propria ammirazione per il progetto ribadendo l’importanza della sua messa in onda in un orario più centrale del palinsesto.

gennaro sangiuliano alon bar foto di bacco gennaro sangiuliano alon bar foto di bacco

 

Moderato dalla giornalista Francesca Nocerino, il dialogo ha rievocato le sfide presenti agli albori del programma e l’importanza che tutt’oggi questo ricopre nella diffusione dell’ebraismo, pilastro fondamentale della cultura italiana.

 

“La vita, rievocata nel titolo della trasmissione, sgorga dalla cultura, che è fatta di monumenti, reperti archeologici e musei, ma anche di opere che le singole persone hanno realizzato. E la cultura ebraica, che è quella di tutti noi, ha tanto da insegnare in termini di crescita umana e spirituale” ha aggiunto il Ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano, esprimendo la propria ammirazione per la trasmissione.

 

carlo fuortes foto di bacco (2) carlo fuortes foto di bacco (2)

Oltre la presidente UCEI Noemi Di Segni, che ha portato i saluti dell’ebraismo italiano, presenti anche la presidente della Comunità Ebraica di Roma Ruth Dureghello e l’Ambasciatore di Israele in Italia e San Marino, Alon Bar.

bruno frattasi ruth dureghello foto di bacco bruno frattasi ruth dureghello foto di bacco bruno frattasi prefetto di roma foto di bacco bruno frattasi prefetto di roma foto di bacco bruno frattasi gennaro sangiuliano ruth dureghello foto di bacco bruno frattasi gennaro sangiuliano ruth dureghello foto di bacco valerio d angeli e valeria zanatta foto di bacco valerio d angeli e valeria zanatta foto di bacco ruth dureghello presidente comunita ebraica di roma foto di bacco ruth dureghello presidente comunita ebraica di roma foto di bacco ruth dureghello giordana moscati foto di bacco ruth dureghello giordana moscati foto di bacco roberto natale alon bar foto di bacco roberto natale alon bar foto di bacco roberto natale foto di bacco roberto natale foto di bacco paola severini melograni foto di bacco paola severini melograni foto di bacco raffaella spizzichino foto di bacco raffaella spizzichino foto di bacco noemi di segni presidente ucei foto di bacco noemi di segni presidente ucei foto di bacco miriam meghnagi foto di bacco miriam meghnagi foto di bacco milo hasbani presidente comunita ebraica di milano foto di bacco milo hasbani presidente comunita ebraica di milano foto di bacco maurizio caprara carlo fuortes foto di bacco maurizio caprara carlo fuortes foto di bacco invitati invitati gennaro sangiuliano ruth dureghello foto di bacco gennaro sangiuliano ruth dureghello foto di bacco gennaro sangiuliano francesca nocerino foto di bacco gennaro sangiuliano francesca nocerino foto di bacco gennaro sangiuliano foto di bacco gennaro sangiuliano foto di bacco gennaro sangiuliano carlo fuortes foto di bacco gennaro sangiuliano carlo fuortes foto di bacco francesca nocerino foto di bacco francesca nocerino foto di bacco alon bar ambasciatore d israele in italia foto di bacco alon bar ambasciatore d israele in italia foto di bacco bruno frattasi foto di bacco bruno frattasi foto di bacco carlo fuortes foto di bacco carlo fuortes foto di bacco

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA BATOSTA DELL’ITALIA NELLA CORSA A EXPO 2030 È UN BOCCONE AMARISSIMO PER GIORGIA MELONI: ERA CONVINTA CHE ROMA STRAPPASSE ALMENO IL BALLOTTAGGIO, E INVECE L'HANNO ABBANDONATA ANCHE I PAESI UE (SU 27, SOLO 5/6). A COMPLICARE LA CORSA È STATO ANCHE L’ESPLICITO SOSTEGNO DI ISRAELE A ROMA – SUBITO È CACCIA AL CAPRONE ESPIATORIO, CHE A DESTRA VEDONO IN GUALTIERI, L’UNICO INSIEME A MASSOLO CHE SI È SPESO PER LA CITTÀ – PERCHÉ NON È STATO COINVOLTO MATTARELLA? – IL MANCATO SOSTEGNO DEI PAESI UE E' UN BRUTTO SEGNALE PER LA PARTITA DEL PATTO DI STABILITÀ – L’ULTIMATUM DEL PPE ALLA DUCETTA...

UN ATTO POLITICO. IL RITORNO IN PUBBLICO DI MARIO DRAGHI, SEDUTO COME UN PAPA DI FRONTE ALL’ALTARE DI SANT’IGNAZIO DI LOYOLA PER LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI ALDO CAZZULLO, HA SIMBOLEGGIATO UN ATTO DI DISSENSO ALL'ATTUALE REGIME POLITICO - IL SUO PROGRAMMA “ELETTORALE” (“PER L’EUROPA È IL MOMENTO DI DIVENTARE STATO” - ALTRIMENTI NON C’È SALVEZZA), E’ UN’ALTERNATIVA ALLA DERIVA SOVRANISTA IN ATTO. E LA FOLLA CHE SI È SCAPICOLLATA ALLE 16.30 NELLA CHIESA DEI GESUITI ERA LÌ IN CERCA DI UN ESORCISMO CHE SPAZZI VIA QUESTO INCUBO NERO COL FEZ - COSA CHE NON AVRÀ FATTO PIACERE A MELONI E SALVINI. NÉ A QUELLA PARTE DEL ‘’CORRIERE DELLA SERA’’ CHE TIFA PER LA DUCETTA, CHE HA SBATTUTO UN EVENTO MAI VISTO IN ITALIA A PAGINA 15 - NEMMENO UN DRAGHI CHE ROMPE IL SILENZIO DALLA SUA USCITA DA PALAZZO CHIGI (22 OTTOBRE 2022), INTERVISTATO DAL VICE DIRETTORE E PRIMA FIRMA CAZZULLO, PRESENTE IL SUO EDITORE CAIRO, HA CONVINTO IL CORRIERONE A SPARARE L’EVENTO IN PRIMA PAGINA. DEL RESTO, DEL PD ERANO PRESENTI SOLO GUERINI E ZANDA…

CSM: IL CONSIGLIO SUPERIORE DI MANTOVANO – AVVISO AI NAVIGATI: SI E' SPEZZATO IL FILO ROSSO CHE DOVEVA COLLEGARE IL SOTTOSEGRETARIO ALLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO CON IL QUIRINALE - DOPO IL PREMIERATO CHE DIMEZZA I POTERI DEL COLLE, OGGI L'ATTACCO ALLE TOGHE, FREGANDOSENE ALTAMENTE CHE MATTARELLA RICOPRA IL RUOLO DI CAPO DEL CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA - ED ORA MANTOVANO CALZA IL FEZ E PIAZZA I SUOI FEDELISSIMI NEI POSTI CHIAVE, A PARTIRE DAL CSM: DA DANIELA BIANCHINI, CONSIGLIERA LAICA IN QUOTA FDI A MIMMO AIROMA – COMUNQUE, FANNO BENE GIORGIA E CAMERATI A PREOCCUPARSI DELLA MAGISTRATURA, PERCHÉ PRIMA O POI TUTTI I FASCI ARRIVANO AL PETTINE…

MILANO E LA “ROMA SANTA E DANNATA” – PROIETTI: “IL FILM DI DAGO & GIUSTI NON È SOLO CAZZEGGIO A TINTE FORTI, MA UN PICCOLO SAGGIO DI “ANTROPOLOGIA SPICCIOLA” SULLA METAMORFOSI DI UNA CITTÀ A MISURA DUOMO CHE NON SA PIU’ RIDERE DI SÉ STESSA DOV’È FINITO LO SPIRITO “SCAPIGLIATO” DI CARLO DOSSI O DI CARLO PORTA, CON LE LORO POESIE OSCENE? - COSA RESTA DEL MONDO DI CAMILLA (CEDERNA) E DELLE “SCIURE” IRRISE DALLA SIGNORINA SNOB DELLA VALERI? - TRA I MERITI DELL’OPERETTA (A)MORALE C’È PURE QUELLO DI AVER SDOGANATO GLI ANNI ’70-’80, CHE NON FURONO SOLTANTO ANNI DI PIOMBO E “MILANO DA BERE” MA SPECCHIO DI UNA NUOVA REALTÀ: DA AVANTI POPOLO AD AVANTI POP, TRA SOGNI SESSO E CONTROCULTURA’’