CAFONALINO - FESTA ALL’OPEN COLONNA PER IL PRIMO MESE DI UNA RIVISTA CHE NON VUOLE FARE LA FINE DEL TACCHINO: SI CHIAMA ‘O’ E CI SCRIVONO VITTORIO MACIOCE, MARIA GIOVANNA MAGLIE, MARIO GIORDANO, MARINO BARTOLETTI, ANTONELLO COLONNA, GIANCARLO PERNA, CRISTINA MISSIROLI. ILLUSTRAZIONI CHIC DI ANDREA ASTE. ANDREA MANCIA, IL DIRETTORE, VIENE DA ‘THE RIGHT NATION’. EDITORI CIOCIARI PER STORIE GLOBALI

-

Condividi questo articolo


 

Foto di Andrea Sellari

 

Maria Giovanna Maglie per Dagospia

 

vittorio macioce vittorio macioce

Festa all’Open Colonna  per il primo mese di una rivista che non vuole fare la fine del tacchino. Si chiama O’, ma Oprah Winfrey, la show woman americana che tutti vorrebbero presidente contro Trump, non c'entra niente, nonostante l'omonimia col titolo della sua rivista.

 

 Potrebbe essere O’, come quello splendido spettacolo messinscena del Cirque du Soleil tutto realizzato sull'acqua. Eau, e lo leggi O.

 

 In fin dei conti l'editoriale si chiama “Come l'acqua per i 5 stelle “, e il sommario recita che “in Italia democrazia e rivoluzioni  sono scritte sull'acqua e i vincitori non sanno come governare, mentre gli sconfitti non lasciano il passo'.

marco ceccarelli mimmo fagiolo augusto dipani marco perfili andrea amata marco ceccarelli mimmo fagiolo augusto dipani marco perfili andrea amata

 

 Se fosse più che una considerazione storica una indicazione premonitrice? Saper galleggiare, se non speditamente nuotare nelle difficoltà dell'editoria odierna, converrà agli assertivi progettisti e realizzatori del magazine O, mensile di cultura che ha nell l’ossatura Longanesi, lo sguardo temerariamente rivolto al New Yorker dei radical chic d'oltreoceano, le gambe saldamente piantate nella buona provincia italiana troppo spesso dimenticata, anche quando come la Ciociaria produce cultura, talenti e denaro.

 

il direttore di 'o andrea mancia il direttore di 'o andrea mancia

Sono orgogliosamente su carta pesante e di lusso, ma tanto l'online non sfugge se vuoi stare sul mercato e non essere solo testimonianza colta di nicchia, ci scommetto. Sono anche in prevalenza  vecchi ragazzi della Luiss orgogliosamente liberali.

 

Andrea Mancia, il direttore , viene dall'esperienza di The Right Nation, e chi non ricorda l'invenzione geniale e la sana presa per il culo del silenzio elettorale delle corse di cavalli, con Fan faron che continua a credere di vincere, ed è il blocco della gara.

 

giulio prosperetti maria giovanna maglie alessandra di legge carlo spallino cetonze e isabella stoppani giulio prosperetti maria giovanna maglie alessandra di legge carlo spallino cetonze e isabella stoppani

Editorialista ed ispiratore del progetto Vittorio Macioce, che di mestiere fa il caporedattore de “Il Giornale”, ma tiene molto  alla sua creatura da dilettante, il “Festival delle storie”, rassegna culturale orgogliosamente ciociara che vince il silenzio abituale  sulle cronache letterarie per forza di ospiti e qualità del programma, e coinvolge l'intera Valle del Comino. Tra i collaboratori nomi robusti come Mario Giordano, Marino Bartoletti, Antonello Colonna, Giancarlo Perna, Cristina Missiroli. Illustrazioni chic di Andrea Aste.

 

copertina di 'o copertina di 'o

Ognuno in un tomo così denso, e con tanto tempo com'è un mese, legge prima quello che gli pare. Io mi sono buttata su Gay Talese, l’italo newyorkese del New journalism, sull' Austria Felix, su Montecassino e il software benedettino, su Roma stuprata dalla speculazione edilizia, questa volta le villette di inizio 900 abbattute per costruire palazzi di 8 o 10 piani con tanto di complicità della Regione Lazio e ruolo ambiguo della Chiesa. Per cominciare.

 

Dice, ma che c'entra il festone da Antonello Colonna, con Dj, chiacchiere e danze fino a notte, un sacco di bella gioventù calata dalla Ciociaria e trovata a Roma, mescolata ma neanche tanto ad alcuni seriosi magistrati, avvocati, politici e giornalisti, con una rivista di cacciatori di futuro? C'entra, se gli editori hanno meno di 30 anni, come Giulia Perfili, dall'azienda di famiglia che si occupa di energia approdata a lidi lontani per seguire la curiosità; se ad animare il cocktail di presenze c'è un personaggio bigger than life come Alessandra di Legge, di giorno giurista a Palazzo Chigi, di sera  pr e ballerina instancabile. In bocca al lupo

carlo spallino cetonze e il giudice costituzionale giulio prosperetti carlo spallino cetonze e il giudice costituzionale giulio prosperetti amici degli editori amici degli editori il presidente della provincia di frosinone antonio pompeo e gli editori il presidente della provincia di frosinone antonio pompeo e gli editori l'illustratore della rivista andrea aste con laura collinoli l'illustratore della rivista andrea aste con laura collinoli elisabetta mirabella elisabetta mirabella ospiti nella sala eventi ospiti nella sala eventi sabrina lantezzi elena tanase e luca sellari sabrina lantezzi elena tanase e luca sellari sergio brio alessandra di legge e luigia casertano sergio brio alessandra di legge e luigia casertano ospiti sala eventi dall'alto ospiti sala eventi dall'alto il deputato francesca gerardi e paolo polletta il deputato francesca gerardi e paolo polletta marco perfili e leonardo ambrosi marco perfili e leonardo ambrosi luigi coni e marcel vulpis luigi coni e marcel vulpis laura collinoli michele di lollo giulia perfili antonello colonna vittorio macioce (1) laura collinoli michele di lollo giulia perfili antonello colonna vittorio macioce (1) alessandra di legge l'imitatrice gabriella germani il caporedattore ufficio stampa rai dario fabiani e fabrzio casinelli direttore del radiocorriere tv alessandra di legge l'imitatrice gabriella germani il caporedattore ufficio stampa rai dario fabiani e fabrzio casinelli direttore del radiocorriere tv giulia perfili dario facci marco perfili (1) giulia perfili dario facci marco perfili (1) gio' brunetti dj gio' brunetti dj enzo e antonella altobelli enzo e antonella altobelli ennio de vellis alessandra di legge tiziana perfili marco perfili antonio scino (1) ennio de vellis alessandra di legge tiziana perfili marco perfili antonio scino (1) alessandra di legge sergio brio vittorio macioce enzo altobelli marcel vulpis alessandra di legge sergio brio vittorio macioce enzo altobelli marcel vulpis

 

s.e. emilia zarrilli, prefetto di frosinone e marco perfili s.e. emilia zarrilli, prefetto di frosinone e marco perfili ospiti ospiti ospiti in sala ospiti in sala michele e alba mongili michele e alba mongili massimo pizzuti mauro e loredana vicano massimo pizzuti mauro e loredana vicano i fotoreporter alberto cellitti e andrea sellari i fotoreporter alberto cellitti e andrea sellari gli editori di 'o marco e giulia perfili con la madre tiziana gli editori di 'o marco e giulia perfili con la madre tiziana

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…

DAGOREPORT! - IL VENTO STA CAMBIANDO? A OTTOBRE, SI RITORNA ALLE URNE? SALVINI MOLLA MELONI? - DELIRIO PER I SONDAGGI CHOC DELLE REGIONALI IN SARDEGNA: ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, AVREBBE DUE PUNTI DI VANTAGGIO SUL MELONIANO TRUZZU - IN VISTA DELLE EUROPEE, UNA SCONFITTA SAREBBE UN PESSIMO SEGNALE PER LA MELONA - SALVINI AL MURO: SE LA LEGA VA SOTTO L’8%, POTREBBE TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO - IN CASO DI CRISI, NESSUN GOVERNO TECNICO: SI VOTA SUBITO, A SETTEMBRE/OTTOBRE. LA MELONA VUOLE CAPITALIZZARE IL CONSENSO, PRIMA DELL'ARRIVO DELLA CRISI ECONOMICA - RESO INERTE TAJANI, PER GOVERNARE, LA DUCETTA HA BISOGNO DI UNA LEGA DESALVINIZZATA - E NON È DETTO CHE IL CAPITONE RIMANGA AL SUO POSTO: LA BASE ELETTORALE DEL CARROCCIO HA UN DNA MODERATO E PRAGMATISTA, E NE HA PIENE LE PALLE DELLA POLITICA DESTRORSA, AFFOLLATA DI LE PEN E NAZISTOIDI. I FEDRIGA, I ZAIA, I FONTANA, I GIORGETTI SONO LEGHISTI BEN COMPATIBILI CON GIORGIA “FASCIO TUTTO IO!”. E’ SALVINI CHE SI È ESTREMIZZATO

DAGOREPORT! FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI. ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, RAGGIUNGE IL 45% MENTRE PAOLO TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI, SI DEVE ACCONTENTARE DEL 42,5%. SEMPRE A SINISTRA, RENATO SORU, CON LA SUA 'COALIZIONE SARDA’, INTASCA L'11,2% - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER IL FATIDICO “CAMPOLARGO” PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ NAZIONALE-. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? “IO SO’ GIORGIA” HA QUASI DEL TUTTO CASSATO L’IDEA SULLA SUA CANDIDATURA ALLE EUROPEE. FRATELLI D'ITALIA CHE NON SUPERA IL 30% CON LA LEADER IN CAMPO SAREBBE VISSUTO ALLA STREGUA DI UN CLAMOROSO FLOP