CAFONALINO “FUNERAL PARTY” - ALLA “MILANO DESIGN WEEK” SI FOLLEGGIA CON LA COLLEZIONE CHOC DI "POTALOVE" FATTA DI BARE E URNE CHE SI TRASFORMANO IN OGGETTI DI DESIGN - ROSALBA PICCINNI: "BISOGNA CAMBIARE L'ESTETICA DELLA MORTE" - E BALLI A PIEDI NUDI SU UNA PISTA COMPLETAMENTE RIVESTITA DI TERRA...

-

Condividi questo articolo


Foto di Carmine Conte

thomas costantin thomas costantin

 

Ivan Rota per Dagospia

 

Ieri, venerdì 13 aprile 2018 , data non casuale, Rosalba Piccinni, la Cantafiorista fondatrice del bistrot milanese Potafiori, ha presentato il suo ultimo progetto Potalove, una vera e propria funeral collection, con un evento inaspettato e fuori dagli schemi: un Funeral Party.

 

All’evento top secret organizzato in uno spazio ex industriale di Milano sono stati numerosi gli ospiti che hanno partecipato, accolti da un sottofondo di Bach suonato dai pianisti Danilo Rea e Ramin Bahrami, tra cui: Alessandro Taffo – partner della serata , Marco Balich, Stefano Seletti, Paolo Stella, Paride Vitale, Marisa Passera, Guido Taroni.

thomas costantin thomas costantin

 

Sulle note di ''Personal Jesus'' cantata da Johnny Cash un vero corteo funebre, realizzato in collaborazione con l’irriverente Taffo Funeral Services, ha dato il via alla serata, svelando la collezione Potalove. Dall’interno delle bare, musicisti hanno dato origine ad una performance musicale improvvisando brani ispirati alle feste funebri di New Orleans, a cui si è unita Rosalba Piccinni cantando Lascia che io pianga.

stefano seletti rosalba piccinni stefano seletti rosalba piccinni

 

Gli ospiti a piedi nudi, su una superficie completamente rivestita di terra, hanno ballato per tutta la serata su deejay set di Thomas Costantin. La collezione Potalove,visibile in occasione della Milano Design Week presso Potafiori, si compone di bare e urne dal design essenziale nelle linee, che si trasformano in oggetti di interior dall’estetica unica: sono  infatti interamente personalizzabili in termini di finiture (colori, rivestimenti, customizzazione delle superfici) così da potersi fare espressione della personalità degli acquirenti.

 

stefano seletti rosalba piccinni stefano seletti rosalba piccinni

“Ho deciso di sviluppare Potalove dopo aver vissuto negli ultimi anni la morte di diverse persone a me care”, afferma Rosalba Piccinni. “La morte non dovrebbe essere solo un momento di dolore, ma anche di condivisione con i propri familiari e amici: per poterlo essere, mi sono sempre più convinta che fosse necessario cambiare l’estetica legata a questa occasione, a partire dalle bare, che dovrebbero essere l’ultimo oggetto di design a cui una persona nella sua vita si lega”.

rosalba piccinni rosalba piccinni rosalba piccinni 2 rosalba piccinni 2 potalove funeral party 11 potalove funeral party 11 dino vannini annalisa inzana paride vitale dino vannini annalisa inzana paride vitale marisa passera paride vitale marisa passera paride vitale marco balich marco balich paolo stella paolo stella potalove funeral party 16 potalove funeral party 16 paride vitale paride vitale potalove funeral party 1 potalove funeral party 1 potalove funeral party 10 potalove funeral party 10 potalove funeral party 13 potalove funeral party 13 potalove funeral party 12 potalove funeral party 12 potalove funeral party 17 potalove funeral party 17 potalove funeral party 15 potalove funeral party 15 potalove funeral party 18 potalove funeral party 18 potalove funeral party 14 potalove funeral party 14 potalove funeral party 19 potalove funeral party 19 potalove funeral party 2 potalove funeral party 2 potalove funeral party 3 potalove funeral party 3 potalove funeral party 4 potalove funeral party 4 potalove funeral party 5 potalove funeral party 5 potalove funeral party 6 potalove funeral party 6 potalove funeral party 7 potalove funeral party 7 potalove funeral party 8 potalove funeral party 8 potalove funeral party 9 potalove funeral party 9 rosalba piccinni alessandro taffo rosalba piccinni alessandro taffo rosalba piccinni alessandro taffo rosalba piccinni alessandro taffo

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

SCOOP! GAME OVER FRA CHIARA FERRAGNI E FEDEZ. IL RAPPER, DOMENICA SCORSA, SE NE È ANDATO DI CASA E NON È PIÙ TORNATO. DAL SANREMO DELL’ANNO SCORSO, LA STORIA D’AMORE TRA I DUE S’ERA INCRINATA MA L’INFLUENCER AVEVA RIMANDATO QUALSIASI DECISIONE PER STARE VICINA AL MARITO MALATO. NEL MOMENTO IN CUI LEI SI È TROVATA IN DIFFICOLTÀ, INVECE, FEDEZ SI È MOSTRATO MENO GENEROSO, RINFACCIANDOLE CHE I SUOI PROBLEMI GIUDIZIARI AVESSERO EFFETTI NEGATIVI ANCHE SUI SUOI AFFARI - COSI' FINISCE L'EPOPEA DEI "FERRAGNEZ"

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…