CAFONALINO - STEVE JOBS CI HA ROVINATO LA VITA? SE LO SONO CHIESTO SUL PALCO DEI ‘PROCESSI ALLA STORIA’ IN SALSA MENEGHINA, CON ARTURO ARTOM NEI PANNI DEL FONDATORE DELLA APPLE, UMBERTO AMBROSOLI (UN ALTRO DEI TENTATIVI FALLITI DI CONQUISTA DELLA REGIONE LOMBARDIA DA PARTE DEL CENTROSINISTRA), KLAUS DAVI, IL MAGISTRATO FABIO ROIA E L’AVVOCATONE FRANCO TOFFOLETTO - IL VERDETTO?

-

Condividi questo articolo


 

Michela Proietti per il ‘Corriere della Sera - Milano’

 

umberto ambrosoli umberto ambrosoli

Steve Jobs colpevole o innocente? La sua tecnologia ha migliorato o minato per sempre le nostre vite? Al Teatro Manzoni di Milano il pubblico è stato chiamato a rispondere al quesito durante l’appuntamento dei Processi alla Storia, evento conclusivo di una rassegna a cura di Elisa Greco che ha processato personaggi storici come Lady Diana. Steve Jobs, interpretato dall’imprenditore Arturo Artom, è stato riconosciuto innocente per i due capi d’accusa a lui imputati.

 

elisa greco arturo artom inchino elisa greco arturo artom inchino

«Se l’imputato era Steve Jobs - ha commentato Elisa Greco, autrice e curatrice del format - il quesito, quanto mai attuale proprio in riferimento alle ultime vicende, era invece focalizzato su quanto le nuove tecnologie stiano cambiando e plasmando le nostre vite». I capi di imputazione hanno messo in discussione gli elementi del nostro vivere sociale e sono stati al centro del dibattito processuale condotto con ironia dal Presidente della Corte, il magistrato Fabio Roia, Presidente di Sezione Tribunale di Milano, che ha anche dato il via con il pubblico in sala a un esperimento extra giudiziale a conforto delle tesi in dibattimento.

cast selfie cast selfie

 

Tesi sostenute da Klaus Davi, massmediologo e giornalista, negli inediti panni di Pubblico Ministero, e confutate dall’ Avvocato e saggista Umberto Ambrosoli nel ruolo di Avvocato Difensore. Per l‘accusa, il giornalista Edoardo Di Biasi ha sottolineato gli stravolgimenti economici in atto, mentre Serena Danna, vice direttore digital di Vanity Fair, ha sottolineato la sindrome da dipendenza da smartphone, soprattutto in riferimento ai bambini.

 

arturo artom elisa greco arturo artom elisa greco

A loro si è aggiunto, proprio come consulente di parte, con le sue dichiarazioni Riccardo Bettiga, Presidente dell’ordine degli Psicologi della Lombardia. Per la difesa gli interventi della creative producer e storica della televisione - Università Cattolica di Milano Erika Brenna e di Fiorenzo Galli, Direttore Generale del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano, con il noto avvocato Franco Toffoletto che ha apportato il suo contributo come consulente per la difesa.

 

«Non possiamo imputare a Steve Jobs la colpa di aver inventato strumenti potenti e veloci - ha detto Ambrosoli durante la sua requisitoria -, ma che per l’uso richiedono una cosa fondamentale: il nostro personale senso di responsabilità, che nessuno, tranne noi, può esercitare».

alessandro arnone giovanna salza arturo artom alessandra repini elisa greco alessandro arnone giovanna salza arturo artom alessandra repini elisa greco teatro manzoni processi alla storia teatro manzoni processi alla storia processi alla storia votazione processi alla storia votazione processi alla storia steve jobs processi alla storia steve jobs processi alla storia foyer2 processi alla storia foyer2 processi alla sotria foyer processi alla sotria foyer processi alla storia cast sul palco processi alla storia cast sul palco klaus davi klaus davi klaus davi arturo artom klaus davi arturo artom elisa greco elisa greco greco micheli ambrosoli artom davi greco micheli ambrosoli artom davi beppe convertini beppe convertini elisa greco steve jobs elisa greco steve jobs cast sul palco cast sul palco

 

cast steve jobs cast steve jobs cast backstage cast backstage arturo artom arturo artom

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…

DAGOREPORT! - IL VENTO STA CAMBIANDO? A OTTOBRE, SI RITORNA ALLE URNE? SALVINI MOLLA MELONI? - DELIRIO PER I SONDAGGI CHOC DELLE REGIONALI IN SARDEGNA: ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, AVREBBE DUE PUNTI DI VANTAGGIO SUL MELONIANO TRUZZU - IN VISTA DELLE EUROPEE, UNA SCONFITTA SAREBBE UN PESSIMO SEGNALE PER LA MELONA - SALVINI AL MURO: SE LA LEGA VA SOTTO L’8%, POTREBBE TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO - IN CASO DI CRISI, NESSUN GOVERNO TECNICO: SI VOTA SUBITO, A SETTEMBRE/OTTOBRE. LA MELONA VUOLE CAPITALIZZARE IL CONSENSO, PRIMA DELL'ARRIVO DELLA CRISI ECONOMICA - RESO INERTE TAJANI, PER GOVERNARE, LA DUCETTA HA BISOGNO DI UNA LEGA DESALVINIZZATA - E NON È DETTO CHE IL CAPITONE RIMANGA AL SUO POSTO: LA BASE ELETTORALE DEL CARROCCIO HA UN DNA MODERATO E PRAGMATISTA, E NE HA PIENE LE PALLE DELLA POLITICA DESTRORSA, AFFOLLATA DI LE PEN E NAZISTOIDI. I FEDRIGA, I ZAIA, I FONTANA, I GIORGETTI SONO LEGHISTI BEN COMPATIBILI CON GIORGIA “FASCIO TUTTO IO!”. E’ SALVINI CHE SI È ESTREMIZZATO

DAGOREPORT! FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI. ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, RAGGIUNGE IL 45% MENTRE PAOLO TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI, SI DEVE ACCONTENTARE DEL 42,5%. SEMPRE A SINISTRA, RENATO SORU, CON LA SUA 'COALIZIONE SARDA’, INTASCA L'11,2% - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER IL FATIDICO “CAMPOLARGO” PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ NAZIONALE-. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? “IO SO’ GIORGIA” HA QUASI DEL TUTTO CASSATO L’IDEA SULLA SUA CANDIDATURA ALLE EUROPEE. FRATELLI D'ITALIA CHE NON SUPERA IL 30% CON LA LEADER IN CAMPO SAREBBE VISSUTO ALLA STREGUA DI UN CLAMOROSO FLOP