CAFONALINO - IL MESTO TRAMONTO DI GIANNI LETTA FINITO ORMAI A CONSEGNARE INUTILI PREMI A ZAVOLI E FRANCO LOI - IL POETA EROTICO CORRADO CALABRÒ CON GLI OCCHIALI DA X-MEN

Il premio ai migliori compositori di versi è stato consegnato al Quirinale, in quello che fu il guardaroba di Margherita di Savoia - In platea troneggia l’internazionale democrista, con Ciocchetti, Staderini, Casini e pure la sua ex moglie Roberta Lubich - Giuppy Izzo e Francesco Venditti leggevano le poesie…

Condividi questo articolo


Foto di Mezzelani - GMT

Roberta Petronio per "Il Messaggero"

Il Premio Laurentum conquista il Palazzo del Quirinale alla ventisettesima edizione. «E' cresciuto molto velocemente, soprattutto dal 2007 con il coinvolgimento dei nuovi media. E poi con la presenza di grandi personalità». Roberto Sergio, fondatore del Centro Culturale Laurentum e direttore della storica rassegna, è visibilmente soddisfatto. C'è Gianni Letta che consegna il Premio alla Carriera al senatore Sergio Zavoli. Il teatro della cerimonia quest'anno è più intimo, e più prestigioso.

zavoli tognazzi foto mezzelani gmtzavoli tognazzi foto mezzelani gmt

Giurati, premiati e pubblico si ritrovano nella Biblioteca, voluta da Luigi Einaudi nei locali occupati in passato dal guardaroba di Margherita di Savoia. L'effetto è di un elegante salotto, dove Giuppy Izzo e Francesco Venditti, attori e doppiatori, hanno letto e interpretato le poesie dei primi classificati Rita Pacilio, Barbara Troise Rioda e Giuseppe Muscetta.

zavoli izzo foto mezzelani gmtzavoli izzo foto mezzelani gmt

E dove a Franco Loi è andato il Premio Dante Alighieri, annunciato da Olivia Tassara, giornalista tv chiamata a condurre l'evento. Per applaudire gli autori dei migliori componimenti è arrivata parte della Giuria: Corrado Calabrò, Maurizio Cucchi, Simona Izzo con Ricky Tognazzi, Mauro Miccio, e Davide Rondoni, che si aggiudica anche il Premio Valori della Cultura. Nel parterre trovano posto Pier Ferdinando Casini, Fiamma Izzo, il presidente del Centro Culturale Laurentum Giovanni Tarquini, Marco Staderini, la direttrice della Biblioteca del Quirinale Lucrezia Ruggi d'Aragona.

 

venditti izzo foto mezzelani gmtvenditti izzo foto mezzelani gmt Sergio Zavoli Letta foto mezzelani gmtSergio Zavoli Letta foto mezzelani gmt

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

media e tv

politica

SILVIO BERLUSCONI, PERCHÉ CHIAMARLO ANCORA CAVALIERE? – FRANCESCO MERLO PROPONE L’ANTOLOGIA DI NOMIGNOLI CON CUI APPELLARE IL BANANA: “NANEFROTTOLO, PSICONANO, CAIMANO, CAINANO, SILVIOLO, AL TAPPONE, BELLICAPELLI, BERLOSCO, BERLUSCA, BERLUSCAZ, BURLESQUONI, BUNGAMAN, CAVALIER BANANA, CAVALIERE DEL CIALIS, CAVOLIERE, PAPINO, IL RIFATTO DI DORIAN GRAY, PAPINO IL BREVE, PIRLUSCONI, PSICOPAPI, REO SILVIO, SUA BREVITÀ, SUA EMITTENZA, SUA IMPUNITÀ, TESTA D'ASFALTO, VIAGRASCONI, BERLUSCKAISER, L'UNTO DEL SIGNORE, ER CATRAME, FROTTOLINO AMOROSO…”

business

IL SECONDO ADDIO IN QUATTRO MESI DI FRANCESCO GAETANO CALTAGIRONE DAL CDA GENERALI NON È NÉ ESTEMPORANEA NÉ IMPROVVISATA. ARRIVA DOPO UNA LUNGA SERIE DI SCAZZOTTATE, ESPLOSE NELLA PARTITA CHE HA PORTATO ALLA CONFERMA DELL'AD PHILIPPE DONNET - ENTRO UN MESE UN PAIO DI SCADENZE DIRANNO SE “CALTARICCONE” POTRÀ TORNARE A COLLABORARE CON IL SOCIO MEDIOBANCA, IL CDA E IL MANAGEMENT OPPURE RESTERÀ MINORANZA IN COMPAGNIA DI LEONARDO DEL VECCHIO (CHE HA COME LUI QUASI IL 10% DELLE QUOTE)

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute