1- SIGNORI, A VIALE MAZZINI SI CAMBIA. NON ANCORA LA GOVERNANCE, ANCHE SE RIGOR MONTIS HA RISPOLVERATO L’IPOTESI DI UNA RIVOLUZIONE ANTI-LOTTIZZAZIONE CON UN CDA A TRE. IN ATTESA DELL’INOSABILE, CI PENSA IL DIRETTORE INTRATTENIMENTO, NONCHÉ VICE DIRETTORE GENERALE, GIANCARLO LEONE A CAMBIARE I POSTI IN TAVOLA - 2- E COSÌ BIBI BALLANDI VA A SANREMO SCALZANDO LUCIO PRESTA CHE ANDRÀ AD OCCUPARSI DELLE SERATE DI MISS ITALIA, CHE NON È PROPRIAMENTE UN BUFFETTO di CONSOLAZIONE: TRATTASI DEL SECONDO SFORZA PRODUTTIVO DELLA RAI, DOPO IL FESTIVAL APPUNTO - 3- LA SMANIA DI GIANNI MORANDI: VUOLE CONDURRE IL FESTIVAL PER I PROSSIMI SECOLI - 4- A MASSIMO GILETTI MICA È ANDATO GIÙ IL PROSSIMO SBARCO DI GIOVANNI MINOLI AL POSTO DEPUTATO DEL GIOVEDÌ DI MICHELE SANTORO. PROPRIO NO: CI VOLEVA ANDARE LUI -

Condividi questo articolo


DAGOREPORT

PAOLA PEREGO E LUCIO PRESTAPAOLA PEREGO E LUCIO PRESTA GIANCARLO LEONE DIAMARA PARODIGIANCARLO LEONE DIAMARA PARODI

Signori, a viale Mazzini si cambia. Non ancora la governance, anche se Rigor Montis ha rispolverato l'ipotesi di una rivoluzione anti-lottizzazione con un cda a tre: un presidente, un amministratore delegato e un solo consigliere. In attesa dell'inosabile, ci pensa il direttore Intrattenimento, nonché vice direttore generale, Giancarlo Leone a cambiare i posti in tavola.

E così Bibi Ballandi va a Sanremo scalzando Lucio Presta che andrà ad occuparsi delle serate di Miss Italia, che non è propriamente un buffetto sulla guancia perché trattasi del secondo sforza produttivo della Rai, dopo il Festival appunto.

Leone archivia come può l'era Mazza-Mazzi-Presta che ha tenuto banco sul palco del teatro Ariston per annni e anni, tra polemiche e malignità di ogni genere, inzeppata com'era da personaggi della scuderia del manager Presta, da Antonella Clerici a Bonolis, passando per Benigni, Belen e Canalis.

GIANCARLO LEONEGIANCARLO LEONE

Il direttore di Raiuno Mauro Mazza galleggia senza poteri aspettando il colpo di grazia, Mazzi ha traslocato definitivamente all'arena di Verona e presso la corte di Maria De Filippi, dove si prenderà cura di "Amici" (quanti sono i singhiozzatori, da Mario Carta a Emma, che dal talent sono volati vincenti a Sanremo?).

BIBI BALLANDIBIBI BALLANDI

Ed ora il supermanager Presta va ad occupparsi del decadentismo progressivo di ascolti che ha trafitto negli anni anni la kermesse della Mirigliani family. Con Miss Italia, in compenso, il manager calabro avrà più facilità di infilare - rispetto al Festival - la mogliera Paola Perego alla conduzione.

A prendere le redini del carrozzone sanremino sarà il più celebre impresario italiano, il casiniano-democristiano Bibi Ballandi, reduce dal trionfo di Fiorello. Con un problema: il suo cliente Gianni Morandi smania dalla voglia di ritornare a condurre Sanremo per i secoli a venire. Ormai è una fissazione, non ci dorme la notte. E Ballandi balla.

MASSIMO GILETTI DI BACCALAMASSIMO GILETTI DI BACCALA

Altro giro, altro tiro. A Massimo Giletti mica è andato giù il prossimo sbarco di Giovanni Minoli al posto deputato del giovedì sera di Michele Santoro. Proprio no: ci voleva andare lui, forte degli ascolti dell'"Arena", lo spazio che conduce all'interno di "Domenica in". Ma con Minoli, suo ex mentore epoca "Mixer", è stata una sfida inutile: troppo il divario di potere e di poteri.

GIOVANNI MINOLI E CESARE ROMITIGIOVANNI MINOLI E CESARE ROMITI

In cambio, Giletti di baccalà potrebbe ottenere un cambio di guida per la prossima edizione 2013 del contenitore domenicale di Raiuno: dentro Mara Venier, fuori la Cuccarini, che tra l'altro fa parte della scuderia di Presta.

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! LA VENDETTA DEL CALTA – DOPO AVER RICEVUTO DUE PORTE IN FACCIA AL TENTATIVO DI CONQUISTARE PRIMA GENERALI E POI MEDIOBANCA, IL COLPO FATALE AI SOGNI DI GLORIA VENEZIANI DI CALTAGIRONE È STATO AFFONDATO DA “FURBIZIO” PALENZONA, CHE HA SPOSTATO CRT E BENETTON A SUPPORTO DI DONNET E NAGEL - CON MILLERI CHE SI SAREBBE RIAVVICINATO A NAGEL, CALTA “HA RIMASTO” SOLO CON FAZZOLARI A TRASTULLARSI COL DL CAPITALI – QUANDO LA MILIARDARIA VENDITA DELLA PRELIOS DI PALENZONA AL PIGNATARO RIMANE INCAGLIATA, PARTE LA VENDETTA DI CALTA. E SUL SUO “MESSAGGERO” DI IERI….

DAGOREPORT! - TRATTENETE IL RESPIRO. GOVERNATE LO SHOCK. AVVISATE I CITTADINI ABRUZZESI: IL CICLONE SARDO AVANZA E NON PERDONA - SECONDO L’ULTIMO SONDAGGIO, IL DISTACCO CHE SEPARA IL MELONE MARSILIO DAL CAMPO LARGHISSIMO DI D’AMICO SI È RIDOTTO ALLA MISERIA DELL’1,2% (APPENA QUATTRO MESI FA IN ABRUZZO LA DESTRA GODEVA DI UN VANTAGGIO DI BEN 20 PUNTI) - PARADOSSALMENTE, IN CASO DI DISFATTA, CON DUCETTA RIBASTONATA, PER MATTEO SALVINI POTREBBE ESSERE L’OCCASIONE DI AVER MAGGIOR POTERE NEL GOVERNO (FERROVIE, CDP, AISI) - SE INVECE “FASCIO TUTTO IO!” VINCE CON IL SUO MARSILIO, PER IL CAPITONE SI AVVICINA IL CAPOLINEA - A QUEL PUNTO TUTTO PUO’ SUCCEDERE: ANCHE CHE GLI PARTA L’EMBOLO DI UN PAPEETE2 SFANCULANDO IL GOVERNO MELONI (QUANTI PARLAMENTARI LO SEGUIREBBERO, SAPENDO CHE IN CASO DI VOTO ANTICIPATO, QUELLO SCRANNO NON LO VEDREBBERO PIÙ?)

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…