C'E' VITA NELL'EDITORIA: FIRMATO UN ACCORDO TRA LAPRESSE E ASSOCIATED PRESS - LO HA ANNUNCIA MARCO DURANTE, FONDATORE E AZIONISTA DELL'AGENZIA: “DAL 2020 SAREMO I LORO PARTNER IN ITALIA E NEL MONDO. SE IL MERCATO DELLA STAMPA CLASSICA NON PREVEDE ESPANSIONI BISOGNA GUARDARE A NUOVI CONTESTI” - “IL MIO PIANO INDUSTRIALE PREVEDE DUE PUNTI: IL PRIMO RIGUARDA LE AZIENDE CHE DEVONO FARSI CONOSCERE, IL SECONDO È SVILUPPARE LA PARTE TV”

-

Condividi questo articolo

Da “il Giornale”

 

MARCO DURANTE MARCO DURANTE

Una notizia importante nel mondo dell' editoria. Si tratta dell' accordo fra LaPresse e Associated Press. Lo ha annuncia Marco Durante, fondatore e azionista dell' agenzia italiana, che dalle pagine del numero di maggio di Prima comunicazione ne spiega i dettagli: «È un rapporto win win. Dal 2020 saremo i loro partner in Italia e anche nel mondo. Se il mercato della stampa classica non prevede espansioni bisogna guardare a nuovi contesti che possono essere redditizi».

 

Per formalizzare in modo pubblico questo «fidanzamento» internazionale, LaPresse ha organizzato una cena di gala per oggi a Milano con ben 400 ospiti.

Ci saranno politici, imprenditori, manager, editori, giornalisti, comunicatori, italiani e anche internazionali, e naturalmente il presidente di AP Gary Pruitt e altri rappresentanti del Cda, i nuovi partner che, il giorno dopo, insieme a Durante saranno ricevuti a pranzo dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

marco durante, thea arpea marco durante, thea arpea

 

Parlando del suo futuro dell' agenzia, l'editore spiega: «Il mio piano industriale prevede due punti: il primo riguarda il corporate, le aziende che devono farsi conoscere in Italia e nel mondo, come abbiamo già sperimentato con Fca, il secondo è sviluppare la parte televisiva. Che vuol dire produrre news, servizi e programmi per la televisione e per il web».

 

«Proprio per questo è venuta a lavorare con noi Elisa Ambanelli, ex direttrice generale di Endemol Shine in Italia», spiega Durante. Che aggiunge: «La macchina funziona molto bene: nell' ultimo anno abbiamo lavorato intensamente per Discovery, per Mediaset, per tanti altri, e vanno bene anche i ricavi. Per quanto riguarda poi la parte televisiva, ormai sugli schermi i microfoni con la scritta LaPresse sono sempre più presenti, a confermare la nostra copertura degli eventi e per i contenuti video. La Rai ha le teche, ma anche noi abbiamo un archivio di immagini di 38 anni. Tutto digitalizzato».

 

LaPresse LaPresse

L' impegno americano di Durante ha anche un altro obiettivo, quello di quotare in Borsa a New York LaPresse per diventare parte del mondo dell' informazione d' oltre oceano con cui nell' ultimo anno ha stretto relazioni proprio attraverso l' Ap, che è un consorzio di editori americani tra cui Jeff Bezos, nel suo ruolo di proprietario del Washington Post. Una testata mitica che evoca tutto il meglio della tradizione giornalistica americana: una storia fatta di indipendenza e credibilità cui il sodalizio LaPresse-Associated Press è già degno erede.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

COME CI HA FREGATO MARCHIONNE – RICCARDO RUGGERI ALZA IL SIPARIO SUGLI ULTIMI ANNI DEL GRUPPO FIAT, QUELLI DELLA GESTIONE MARCHIONNE E DELL’OPERAZIONE CHRYSLER: “DETROIT È RIMASTA UNA DELLE CAPITALI DELL’AUTO MONDIALE, TORINO È DIVENTATA CITTÀ DELLA CULTURA. L’ITALIA NON HA PIÙ UN’INDUSTRIA DELL’AUTO, È COME LA SPAGNA” – LE MAGIE DI “MARPIONNE”, CON I FINTI PIANI INDUSTRIALI E LE “FAKE TRUTH”, E IL CAMBIO DI STRATEGIA INIZIATO CON IL TENTATO ACCORDO CON RENAULT

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute