ANGELUCCI, DITECI “LA VERITÀ”! ANTONIO E GIAMPAOLO ANGELUCCI SONO TORNATI ALL’ATTACCO DEL QUOTIDIANO "LA VERITÀ" – DOPO L’INCONTRO, PIZZICATO DA DAGOSPIA, ALL'HOTEL ST. REGIS DI ROMA TRA BELPIETRO E L’EDITORE-DEPUTATO, IL DIRETTORE DE “LA VERITA” AVREBBE INCONTRATO ANCHE GIAMPAOLO, IL FIGLIO DEL PARLAMENTARE -  GLI ANGELUCCI NON SAREBBERO INTERESSATI A RILEVARE LE ALTRE TESTATE DEL GRUPPO DI BELPIETRO. È SU QUESTO PUNTO CHE UN ANNO FA SALTO’ LA PRIMA TRATTATIVA…

-

Condividi questo articolo


Vincenzo Bisbiglia per "il Fatto Quotidiano" - Estratti

 

 

MAURIZIO BELPIETRO MAURIZIO BELPIETRO

Antonio e Giampaolo Angelucci sono tornati all’attacco del quotidiano La Verità. Il deputato leghista, re delle cliniche laziali (e non solo), e il suo rampollo al vertice di Tosinvest, da qualche settimana hanno ripreso i contatti con il direttore-editore Maurizio Belpietro.

 

Da quanto risulta al Fatto, dopo l’incontro “pizzicato” da Dagospia all ’Hotel St. Regis di Roma con Angelucci senior, l’ex “Antipatico” di Mediaset questa settimana si sarebbe visto anche con il figlio del parlamentare.

 

Sul tavolo, appunto, la vendita del quotidiano di destra. Gli Angelucci, già proprietari di Libe ro, Il Giornale e Il Tempo e in trattativa per l’acquisizione dall ’Eni dell’agenzia Agi, sarebbero interessati a rilevare il quotidiano ma non le altre testate del gruppo Sei di Belpietro, che oltre al settimanale d’inchiesta Panorama annovera anche magazine più leggeri come Sale e Pepe, Confidenze, Style, Starbe ne e Cucina Moderna. È proprio su questo punto che più di un anno fa è saltata la prima trattativa tra gli Angelucci e Belpietro, con il giornalista stavolta più possibilista.

 

giampaolo e antonio angelucci giampaolo e antonio angelucci

Il ritorno di fiamma, secondo quanto risulta al Fatto, ha anche tifosi d’eccezione. Tra le figure chiave, c’è Vincenzo Gesmundo, segretario generale di Coldiretti e molto amico di Antonio Angelucci. Gesmundo è anche vicino a Federico Vecchioni, da qualche mese socio di Belpietro: il patron del colosso Bonifiche Ferraresi, attraverso Newspaper Srl, a novembre 2023 ha investito nel 25% di Sei, mentre il mese successivo, a dicembre, la Tosinvest degli Angelucci ha partecipato all’aumento di capitale di Bf.

 

 

Insomma, è proprio il caso di dire che il terreno è ben seminato. Il Fatto ha provato a contattare sia Belpietro sia l’entourage degli Angelucci, non ricevendo alcuna risposta: resta la smentita a un articolo del 12 aprile di Affaritaliani.it in cui si affermava che il deputato avrebbe messo “sul piatto 25 milioni, si chiude a fine mese”

 

(...)

antonio angelucci foto di bacco antonio angelucci foto di bacco ANTONIO ANGELUCCI A PALAZZO CHIGI ANTONIO ANGELUCCI A PALAZZO CHIGI

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)

DAGOREPORT - RINNEGANDO LE SVASTICHELLE TEDESCHE DI AFD, MARINE LE PEN SPERAVA DI NON ESSERE PIU' DISCRIMINATA DAGLI EURO-POTERI: MA CONTRO DI LEI C’È MACRON, CHE LA DETESTA - IL TOYBOY DELL’ELISEO HA LA LEADERSHIP DELL'UNIONE EUROPEA E DARÀ LE CARTE DOPO IL 9 GIUGNO. INSIEME CON SCHOLZ E IL POLACCO TUSK NON VUOLE LE DESTRE TRA LE PALLE: UNA SCHICCHERA SULLE RECCHIE DI GIORGIA MELONI, CHE, CON LA SUA ECR, SARÀ IRRILEVANTE E DOVRA' ACCONTENTARSI, AL PARI DI LE PEN, DI UN COMMISSARIO DI SERIE B – LA FUSIONE A FREDDO TRA GLI “IDENTITARI” DI LE PEN E I “CONSERVATORI” DELLA “SÒLA GIORGIA” POTREBBE AVVENIRE, MA SOLO DOPO LE ELEZIONI EUROPEE. MA TRA LE DUE CI SONO SOLO OPPORTUNISMI