ARSENICO E VECCHI DISPETTI - LISERGICO! L’EX MOGLIE DI CARY GRANT, DYAN CANNON, SCODELLA UNA ‘ODIOGRAFIA’ DEL DIVO FETICCIO DI HITCHCOCK - IL SEDUTTORE PIÙ ELEGANTE DI HOLLYWOOD NE ESCE CON LE OSSA ROTTE: UN’ANIMA TORMENTATA, SOFFRIVA DI CRISI DEPRESSIVE E SI RIFUGIAVA NELL’LSD, RAPPORTO DIFFICILISSIMO CON LA MADRE FINITA IN UNA CLINICA PER MALATI DI MENTE - PREMIO DI CONSOLAZIONE: LA VEDOVA NEGA I RUMORS SULLA PRESUNTA FROCIAGGINE DI GRANT…

Condividi questo articolo


Claudio Angelini per "Il Messaggero"

Cary Grant con Dyan CannonCary Grant con Dyan Cannon cary grantcary grant

Riemerge dalla nebbia dei miti Cary Grant, il seduttore più elegante e raffinato che il cinema abbia mai avuto. Ad evocarlo è la biografia di una sua ex moglie, Dyan Cannon, che s'intitola «Dear Cary» e racconta cinque anni di vita tempestosi. Recentemente la Canalis ha seppellito un pallido emulo di Grant, ovvero George Clooney, definendolo una sorta di padre. La Cannon non scarica, incensa, e impiega centinaia di pagine per farci entrare, attraverso il suo rapporto, nei misteri della vera Hollywood. Nel '61 Cary convocò Dyan. Lei era a Roma, proprio mentre Fellini stava facendo casting per la «Dolce Vita», ma non resistette all'idea di fare un salto a Los Angeles per incontrare un mito.

E il mito le pagò anche il viaggio. Lei resistette, lui persistette. Dopo di che se la sposò e ebbe da lei una figlia di nome Jennifer. Dyan incensa Grant, tuttavia il suo libro è un po' al miele e un po' al vetriolo. Il suo ex sposo, passato a miglior vita nel 1986, ne esce con delle belle definizioni ma con le ossa rotte. Sì, aveva classe e intelligenza, ma anche un'anima tormentata, soffriva di crisi depressive e si rifugiava nell'LSD, sperando di trovarvi una panacea a tutti i suoi problemi, tra i quali spiccava un rapporto difficilissimo con la madre, data per morta, ma in realtà finita in una clinica per malati di mente.

DYAN CANNONDYAN CANNON cary grant 0001cary grant 0001

La mogliettina, a furia di prendere allucinogeni per esaudirlo, entrò in una crisi senza fondo e la commedia romantica sfiorò il dramma. Cary era più anziano di Dyan di 33 anni, ma non si scompose troppo. La lasciò per la sua quinta moglie, di nome Barbara. Alla fine di una lunga tribolazione, la Cannon si riprese da una vicenda psicologica che l'aveva ridotta nelle stessi condizioni della madre di Grant e, nonostante tutto, serbò un buon ricordo dello sposo, tanto da dedicargli nobili pensieri, traditi però da frasi come questa: «Avere a che fare con lui era come leccare il miele dalla lama del rasoio».

CARY GRANT E LA FIGLIA JENNIFERCARY GRANT E LA FIGLIA JENNIFER

L'autrice nega certi «rumors» sulla presunta omosessualità di Cary o meglio precisa che lui, come amante e sposo, fu inappuntabile. E si rivelò anche un padre devoto. Insomma fu sempre british, come poi doveva essere, perché non era nato in America ma in Inghilterra, e si chiamava Archibald Alexander Leach. Le sue origini erano modeste però cercò di apparire un baronetto, sia sulle scene del cinema che su quelle della vita. Un sir, appena isterico e un po' all'idrogeno.

hepburn katherine cary granthepburn katherine cary grant

 

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

L'HARDOCORE DE MI' NONNO – DOMINATRICI ARMATE DI FRUSTA, SCENE LESBO E SPANKING. QUESTE FOTO DEGLI ANNI ’20 CI RICORDANO CHE NON ABBIAMO INVENTATO NIENTE. I DILDO NON ERANO ANCORA ARRIVATI, MA C’ERANO I CANDELIERI E I MANICI DI SCOPA - GIA' LO SCRITTORE CINQUECENTESCO PIETRO ARETINO, CONSIDERATO “IL PADRE DELLA PORNOGRAFIA”, AVEVA INSERITO NELLE SUE OPERE “DESCRIZIONI DETTAGLIATE DEL SESSO OMO ED ETEROSESSUALE, PARLÒ DI ORGE E MASTURBAZIONE IN MODO DIRETTO E SENZA RICORRERE A PERIFRASI O EUFEMISMI”.

Per molte persone la pornografia è un argomento tabù. Nonostante il sesso e l’immaginario sessuale facciano ormai parte della nostra cultura, tendiamo a considerare il materiale erotico ancora come qualcosa di privato, da nascondere in uno scaffale o dietro la televisione e da consumare di nascosto...

politica

FIATO ALLE TOMBE! L’ITALIA RIAPRE! – TUTTO QUELLO CHE DOVETE SAPERE PER RICOMINCIARE A VIVERE DAL 26 APRILE: VIA LIBERA AGLI SPOSTAMENTI TRA REGIONI DELLO STESSO COLORE, MENTRE CI VORRÀ UN PASS PER ANDARE IN AREE DI COLORE DIVERSO – TORNA IL GIALLO RINFORZATO. IL COPRIFUOCO RIMANE ALLE 22, MA BAR E RISTORANTI CON TAVOLI ALL'APERTO RIMANGONO APERTI PURE LA SERA. PER GLI ALTRI LOCALI LA DATA DELLA LIBERAZIONE SCATTERÀ IL 1 GIUGNO. COME PER LE PALESTRE - CINEMA, TEATRI E I MUSEI AL 50% DELLA CAPIENZA E…

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute