ATTENZIONE, GIORNALI ‘’BAGNATI’’! – TRAVAGLIO HA UN SERIO RIVALE: URBANO CAIRO - IL LECCA-CONTE DEL “CORRIERE”: “VUOLE ESSERE GIUDICATO DALLA STORIA, NON DALLA CRONACA. E VUOLE CHE GLI ITALIANI GLI RICONOSCANO DI NON AVER MAI GUARDATO ALLE CURVE DEL CONSENSO, MA SOLO A QUELLE DELLA PANDEMIA…“FIERO DI ESSERE UN CITTADINO ITALIANO” E ORGOGLIOSO DEL SUO INCARICO A PALAZZO CHIGI…” SLURP! SLURP!

-

Condividi questo articolo

Monica Guerzoni per “il Corriere della Sera”

 

URBANO CAIRO E GIUSEPPE CONTE URBANO CAIRO E GIUSEPPE CONTE

Vuole essere giudicato dalla storia, non dalla cronaca. E vuole che gli italiani gli riconoscano di non aver mai guardato alle curve del consenso, ma solo a quelle della pandemia. Giuseppe Conte a tutto campo, dal sollievo per la prima frenata del virus alla promessa che il governo non rallenterà il passo sul Recovery plan , «fiero di essere un cittadino italiano» e orgoglioso del suo incarico a Palazzo Chigi. 

 

Se guarda indietro, fino ai primi giorni della pandemia, c'è qualcosa che non rifarebbe?

GIUSEPPE CONTE URBANO CAIRO GIUSEPPE CONTE URBANO CAIRO

«Non ritengo di essere infallibile. Abbiamo adottato un metodo, le nostre decisioni non sono mai state avventate o sconclusionate, mai prese guardando ai sondaggi, ma ponderate su basi scientifiche». 

 

Il presidente del Consiglio chiude i lavori dell'assemblea annuale dell'Anci (l'associazione dei Comuni italiani) rilanciando l'appello alla responsabilità del capo dello Stato, Sergio Mattarella. Stretto tra le critiche delle opposizioni e quelle, più dolorose, dei partiti della sua maggioranza, Conte ricorda che la «leale collaborazione» tra i vari livelli dello Stato «è fondamentale per uscire dall'emergenza coronavirus, anche in prospettiva di rilancio del Paese». 

CONTE COMANDA COLORE CONTE COMANDA COLORE

 

Il primo passaggio è il Natale, con le Regioni e le categorie produttive che spingono per le riaperture. Il premier è sollevato perché «si rilevano i primi segnali positivi delle misure adottate», ma vuole andarci cauto: «Neppure gli scienziati si azzardano a dire quale sarà l'evoluzione della curva, per avere un quadro dobbiamo arrivare in prossimità. Non abbiamo la palla di vetro, ci stiamo preparando a vari scenari». 

 

Sugli allentamenti il premier non fa promesse, ma se da una parte descrive «un Natale più sobrio», dall'altra si augura che sotto le Feste «l'economia possa svilupparsi, che si possano fare acquisti e scambiarsi anche doni». E qui si impegna a sospendere la tassa per l'occupazione di suolo pubblico (Tosap) anche nel 2021, come invocano i gestori di bar e ristoranti. 

 

L ULTIMO DPCM DI CONTE – MEME L ULTIMO DPCM DI CONTE – MEME

Nessuno però si faccia illusioni, perché questo Natale non somiglierà a quelli passati: «Baci, abbracci, festini e festone non sono pensabili, indipendentemente dalla curva». Un forte e insistito richiamo «al buon senso», perché non accada quel che è successo in estate con la movida e le discoteche, leggerezze che hanno avuto conseguenze drammatiche. 

 

Conte meme Osho Conte meme Osho

«Una settimana di socialità scatenata significherebbe pagare a gennaio un innalzamento brusco della curva, in termini di decessi e stress sulle terapie intensive - ammonisce Conte -. Non ce lo possiamo permettere». I presidenti delle Regioni chiedono al governo di semplificare gli indicatori delle fasce di rischio e il premier li bacchetta: «Non decide la politica, ma la scienza. Vedremo se si può migliorare il sistema di monitoraggio, però passare da 21 a 5 indicatori, o dire io ne voglio 10, io ne voglio 8, non ha molto senso. Cercheremo di rendere ancora più chiari e trasparenti i parametri, senza che diventi confusione». 

MEME SU GIUSEPPE CONTE MEME SU GIUSEPPE CONTE

 

Ad Antonio Decaro, presidente dell'Anci, Conte assicura che «i Comuni saranno protagonisti del Recovery plan » e Decaro rivela di aver chiesto scusa al premier per l'attacco di metà ottobre sui controlli dei prefetti: «Ho usato toni non opportuni». C'è ancora il tempo per smentire che il governo sia in ritardo sul Recovery : «È una fake news, l'Italia sta lavorando alacremente - tranquillizza l'avvocato -. Dobbiamo augurarci che i rallentamenti non vengano da quel soffio di sovranismo che ancora alita in via più marginale in Europa». 

 

GIUSEPPE CONTE DPCM MODE BY CARLI GIUSEPPE CONTE DPCM MODE BY CARLI

E se Polonia e Ungheria insistono nel minacciare il veto, Conte si mostra pronto a dare battaglia per ottenere quei preziosi 209 miliardi destinati all'Italia: «È una posizione radicale, che paradossalmente danneggerebbe gli interessi di quegli stessi Paesi. Dobbiamo evitarlo». La giornata del presidente finisce che è notte, con il vertice europeo in videoconferenza e poi la riunione con i capi delegazione su ristori e scostamento di bilancio.

 

LA CHIUSURA DEI RISTORANTI BY GIUSEPPE CONTE LA CHIUSURA DEI RISTORANTI BY GIUSEPPE CONTE giuseppe conte meme 1 giuseppe conte meme 1 giuseppe conte meme leghista giuseppe conte meme leghista conte meme conte meme

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

IL RESTO? "MANK"! - CHI SCRISSE DAVVERO "QUARTO POTERE", CONSIDERATO IL FILM PIU' BELLO IN ASSOLUTO? – DOMANI SU NETFLIX LO STUPENDO FILM DI DAVID FINCHER SUL COMPLESSO RAPPORTO FRA DUE GENI NELLA HOLLYWOOD DEGLI ANNI '30: ORSON WELLES E LO SCENEGGIATORE HERMAN MANKIEWICZ  – AGLI OSCAR A MANK SAREBBE PIACIUTO RINGRAZIARE COSI': "SONO MOLTO LIETO DI ACCETTARE QUESTO PREMIO IN ASSENZA DEL SIGNOR WELLES, PERCHÉ LA SCENEGGIATURA È STATA SCRITTA IN ASSENZA DEL SIGNOR WELLES" – VIDEO

politica

ATTENTI, GHEDINI È NERVOSO! - “SUL SITO DAGOSPIA È APPARSO UN ARTICOLO DOVE SI PROSPETTA FALSAMENTE DI UN MIO ASSERITO INTERVENTO SULLA DECISIONE DEL PRESIDENTE BERLUSCONI IN MERITO AL VOTO SUL MES - È RISIBILE OLTRE CHE DIFFAMATORIO PROSPETTARE UNA MIA SUDDITANZA NEI CONFRONTI DEL SEN. SALVINI O UNA CONTRAPPOSIZIONE CON IL DR. LETTA - IL CONTINUO TENTATIVO DI CREARE DISSIDI ALL’INTERNO DI FORZA ITALIA PER EVIDENTEMENTE FAVORIRE ALTRI È DAVVERO DIVENUTO INTOLLERABILE E DIFFAMATORIO E AGIRÒ NELLE SEDI COMPETENTI”

business

cronache

sport

DIEGO, MI MANCHI - FAUSTO LEALI RACCONTA L'AMICIZIA CON MARADONA E IL SUO MATRIMONIO DA FAVOLA: "IO E CALIFANO ERAVAMO GLI UNICI MUSICISTI INVITATI. TUTTA BUENOS AIRES ERA PER STRADA PER SALUTARE DIEGO, IN CHIESA CI TROVAMMO IMMERSI NEL LUSSO PIÙ SFRENATO. 200 MUSICISTI E 200 CORISTI A SUONARE LA NONA DI BEETHOVEN, CLAUDIA VESTITA DAI MIGLIORI STILISTI DEL MONDO. E IL PRANZO SUCCESSIVO… - MARADONA IMPAZZIVA PER ME. IN ARGENTINA GUARDAVA UNA TELENOVELA SOLO PERCHE’ LA SIGLA ERA MIA. POI VENNE IN ITALIA E…"

cafonal

viaggi

salute