LA CANNES DEI GIUSTI - NON È PIACIUTO A TUTTI L’ASINO DI JERZY SKOLIMOWSKI. CI PUÒ STARE, MA È UNA BELLA LEZIONE DI VITA CHE IL VECCHIO MAESTRO, A 84 ANNI SUONATI, CON “EO”, CI VUOLE DARE - NESSUN MORALISMO, NESSUNA VERITÀ DA SPIEGARE. SOLO LO SCORRERE DELLA VITA, BRUTTA BELLA, GLI AMORI, LA VIOLENZA, LA FORTUNA, GLI ORRORI, VISTI ATTRAVERSO L’OCCHIO DI UN ANIMALE DOCILE, CHE COME UNA CINEPRESA SI LIMITA A OSSERVARE PIÙ CHE A REAGIRE...

-

Condividi questo articolo


eo di jerzy skolimowski eo di jerzy skolimowski

Marco Giusti per Dagospia

 

Cannes. Eccolo l’asino di Jerzy Skolimowski. Non è piaciuto a tutti, ci può stare, ma è una bella lezione di vita che il vecchio maestro, a 84 anni suonati, con “Eo”, ci vuole dare. Nessun moralismo, nessuna verità da spiegare. Solo lo scorrere della vita, brutta bella, gli amori, la violenza, la fortuna, gli orrori, visti attraverso l’occhio di un animale docile, che come una cinepresa ci limita a osservare più che a reagire.

 

Rispetto all’asino di Robert Bresson in “Au hasard Balthazar”, non c’è una visione cattolica dell’accettazione della vita, ripeto, l’occhio dell’asino è come una cinepresa, anche se non si sa cosa stia prendendo dalla realtà.

 

E cosa lui stesso capisca di quello che vede. Non un film alla Terrence Malick, però, che Skolimowski non ama, giustamente, grondante estetismi e grandi cieli, e neanche uno scherzo operistico, anche se il modello è decisamente musicale, per accompagnare il raccontino oltre ai pochi ragli del protagonista.

eo di jerzy skolimowski eo di jerzy skolimowski

 

Tra la Polonia e l’Italia, l’asino di Skolimowski, che poi è interpretato da un collettivo di sei-sette animali identici, passa da un circo, e dall’amore, ricambiato, con un’artista a una banda di tifosi teppisti, pensando che abbia portato fortuna a una squadra è prima esaltato come mascotte e poi menato a sangue dai tifosi avversari per vendetta. Viene salvato, poi scappa, poi viene venduto a un venditore di carne malavitoso che vuole farne del salame e attraversa la Polonia su un camion pieno di bestie.

 

eo di jerzy skolimowski eo di jerzy skolimowski

 Finisce ancora nelle mani di una sorta di bel ragazzo ricco italiano, tal Lorenzo Zurzolo, l’attore di “Baby” e “Morrison”, figlio del giornalista del Tg3 Federico Zurzolo (ma pensa…) che lo porta nella villa della mamma, un’Isabelle Huppert un po’ nevrotica che rompe i piatti di casa e urla contro il figlio che, nella follia generale, dice pure messa. E questo andrebbe spiegato, magari, anche se nulla ci viene spiegato.

 

eo di jerzy skolimowski eo di jerzy skolimowski

Inoltre non ci sono vere storie compiute, ma solo frammenti di storie, come sono frammenti di immagini di vita quelle che vede il ciuchino. Skolimowski alterna così sperimentazioni visive a una voglia di raccontare irrefrenabile. Si sfoga così con immagine di grande bellezza, paesaggi, ponti, un mondo magnifico dove le vere bestie, ovviamente, non sono gli animali che l’asino incontra, i cavalli eccitati, le volpi, le mucche, ma ovviamente gli uomini con la loro violenza e la loro impossibilità di accettare la vita.

 

eo di jerzy skolimowski eo di jerzy skolimowski

 Magari non sarà un film di grandi possibilità popolari, ma dimostra quanto sia ancora in forma Skolimowski, che venne per la prima volta a Cannes nel 1972, l’anno che vinse Elio Petri con l’odiatissimo, dai Cahiers, “La classe operaia va in paradiso”, con una stravaganza anche maggiore, cioè “King, Queen, Knave”, tratto da un racconto di Vladimir Nabokov con Gina Lollobrigida (Queen), divisa tra il marito David Niven (King) e il giovane nipote di lui John Moulder Brown che la vuole a tutti i costi (Knave). Il film non venne capito, anzi, fu un totale disastro. Da noi arrivò come “Un ospite molto gradito per mia moglie”. Con “Eo”, va detto, pur da produttore, almeno Skolimowski rischia davvero poco. In concorso, comunque. E è l’unico film davvero animalista che si è visto.

jerzy skolimowski jerzy skolimowski eo di jerzy skolimowski eo di jerzy skolimowski jerzy skolimowski jerzy skolimowski

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

L'UNICO SCUDETTO CHE HA VINTO L'INTER È QUELLO DEI DIRITTI TV - I NERAZZURRI HANNO INTASCATO 84,2 MILIONI CONTRO I 77,9 DELLA JUVENTUS E I 77,8 DEI CAMPIONI D’ITALIA DEL MILAN - I MOTIVI? LE PRESENZE MAGGIORI A SAN SIRO E LE MIGLIORI PERFORMANCE NEGLI ULTIMI CINQUE ANNI - DOPO LE TRE STORICHE BIG C’È UNO STACCO DI QUASI 10 MILIONI. A QUOTA 68,5 MILIONI IL NAPOLI, SEGUITO DA ROMA (64,1) E LAZIO (58,9) - STABILE IL RAPPORTO TRA LA PRIMA E L’ULTIMA: 3,2 A 1, CON L’INTER A PERCEPIRE IL TRIPLO DEL VENEZIA. RIMANGONO LONTANI I MODELLI “DEMOCRATICI” DELLA PREMIER (1,6 A 1) E DELLA BUNDESLIGA (2,4 A 1)…

cronache

sport

C’E’ UNA QUESTIONE DI VILE MONETA DIETRO L'ADDIO TRA SHAKIRA E PIQUÉ - PARE CHE IL DIFENSORE ABBIA CHIESTO ALL'EX COMPAGNA UNA GROSSA SOMMA DI DENARO PER APRIRE ALCUNE ATTIVITÀ IMPRENDITORIALI ALLE BAHAMAS E IN COLOMBIA: RICHIESTA ALLA QUALE SHAKIRA, DOPO UN CONSULTO CON I SUOI GENITORI, AVREBBE REPLICATO CON UNA SONORA PERNACCHIA - LA CANTANTE NON E' MAI STATA ACCETTATA DALL’ENTOURAGE PIQUÉ CHE LA CHIAMAVA "LA PATRONA" - I PESSIMI RAPPORTI CON LA MOGLIE DI MESSI ANTONELLA ROCCUZZO...

cafonal

CAFONALINO D'ARGENTO - LA LUNGA NOTTE DEI NASTRI D'ARGENTO CONSEGNATI AL MAXXI DI ROMA: GRANDE RESSA NEL GIARDINO DEL RISTORANTE MEDITERRANEO, PER INGOZZARSI CON L'APERITIVO PRIMA DEL VIA ALLA CONSEGNA DEI PREMI ASSEGNATI DAL SINDACATO NAZIONALE GIORNALISTI CINEMATOGRAFICI ITALIANI - OLTRE ALLA PADRONA DI CASA, GIOVANNA MELANDRI, HANNO SFILATO UNA DRUSILLA FOER IN GRANDE FORMA, PAOLO SORRENTINO, EDOARDO LEO, MIRIAM LEONE, TERESA SAPONANGELO, L'ASSESSORE ALLA CULTURA DI ROMA MIGUEL GOTOR E… - FOTO

viaggi

salute

CHI SONO I RICOVERATI IN TERAPIA INTENSIVA DELLA NUOVA ONDATA DI COVID? HANNO IN MEDIA PIÙ DI 75 ANNI, NOVE VOLTE SU DIECI SONO VACCINATI CON ALMENO DUE DOSI E OTTO SU DIECI SONO RICOVERATI IN INTENSIVA PER “ALTRO” – I PAZIENTI CON POLMONITE SONO MOLTO RARI E LA GRANDE MAGGIORANZA ARRIVA PER ALTRE PATOLOGIE CHE COMPROMETTONO LE FUNZIONI VITALI, COME ICTUS, IPERTENSIONE POLMONARE, INSUFFICIENZA CARDIACA O TRAUMI E INTERVENTI: IN CERTI CASI IL VIRUS FAVORISCE GLI SCOMPENSI E…