LA CANNES DEI GIUSTI - "THE SHROUDS" È UN FILM FATICOSO, VERBOSO, DOVE I POCHI PERSONAGGI PARLANO TROPPO COME FOSSE UN DRAMMA RADIOFONICO, MA CI MOSTRA UN DAVID CRONENEBERG A TRATTI ANCORA IN FORMA - QUANDO IL REGISTA COSTRUISCE LE SCENE AD EFFETTO TUTTO FUNZIONA E DIMOSTRA UNA MACCHINA CINEMA RARA E PERFETTAMENTE FUNZIONANTE. NON È CHE SMETTIAMO DI AMARLO PERCHÉ QUA E LÀ CI ANNOIA. MAGARI FOSSE SEMPRE QUELLA LA NOIA... - VIDEO

-

Condividi questo articolo


Marco Giusti per Dagospia

 

the shrouds the shrouds

"How dark do you want to go?". Mortifero lo è sicuramente. A cominciare dall'inizio, bellissimo, dove Karsh, Vincent Cassel, truccato come David Cronenberg, vede il cadavere della moglie, Diane Kruger, nella tomba urla e lo troviamo dal dentista. O dall'idea di costruire dei cimiteri dove puoi vedere su internet come si decompone il caro estinto. O dalla scena, magistrale con Cassel che immagina di far l'amore con la moglie malata, nuda ma senza un seno e senza un braccio. Come la stringe le si rompe un'analisi.

 

the shrouds 1 the shrouds 1

Anche se è un film faticoso, verbòso, dove i pochi personaggi parlano troppo come fosse un dramma radiofonici, "The Shrouds " ci mostra un David Cronenebrg a tratti ancora in forma. È vero che i meccanismi di racconto, una sorta di giallo che vede interessi cinesi negli affari di Karsh, un fratello, Guy Pearce, votato all'autodistruzione che configura ambigui avatar da computer, una cognata, sempre Diane Kruger, paranoica e pazza del protagonista, Cassel, non certo meno scombinato di loro, una bellissima coreana cieca, Sandrine Holt, che riporta al sesso il protagonista, ma quando Cronenberg costruisce le scene ad effetto tutto funziona, e dimostra una macchina cinema rara e perfettamente funzionante.

 

THE SHROUDS THE SHROUDS

In quale altro film troviamo la musica favolosa di Howard Shore o andiamo così a fondo sul body horror che lui ha seguito tutta la vita? O riesci a fare cinema partendo dalle cellule impazzite del cancro. Non scopriamo oggi quanto sia malato il suo cinema. Ma non è che smettiamo di amarlo perché qua e là ci annoia. Magari fosse sempre quella la noia...

THE SHROUDS THE SHROUDS the shrouds 2 the shrouds 2 THE SHROUDS THE SHROUDS THE SHROUDS THE SHROUDS

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DOVE ABBIAMO GIÀ VISTO LA VERSIONE SPECIALE DELLA FIAT 500 CON CUI GIORGIA MELONI È ARRIVATA SUL PRATO DI BORGO EGNAZIA? È UN MODELLO SPECIALE REALIZZATO DA LAPO ELKANN E BRANDIZZATO “GARAGE ITALIA”. LA PREMIER L’HA USATA MA HA RIMOSSO IL MARCHIO FIAT – A BORDO, INSIEME ALLA DUCETTA, L’INSEPARABILE PATRIZIA SCURTI E IL DI LEI MARITO, NONCHÉ CAPOSCORTA DELLA PREMIER – IL POST DI LAPO: “È UN PIACERE VEDERE IL NOSTRO PRIMO MINISTRO SULLA FIAT 500 SPIAGGINA GARAGE ITALIA DA ME CREATA...”

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE