LA CANNES DEI GIUSTI - SVEGLIATE DAGO PERCHE' "THE APPRENTICE" È IL FILM PER LUI. UN'OPERA CHE CI DICE MOLTO SULLA COSTRUZIONE MOSTRUOSA DA KILLER DI DONALD TRUMP, SUL COME È ARRIVATO, DOVE È ARRIVATO E SUL CAPITALISMO AMERICANO - NELLA PRIMA PARTE ASSISTIAMO A UN'OPERA DI GRANDE COSTRUZIONE NARRATIVA E DI GRANDE INTRATTENIMENTO. CI DISPIACE SOLO CHE DA NOI NON SI RIESCANO A FARE FILM DI QUESTO TIPO. PENSIAMO SOLO A COSA SI POTREBBE FARE COI PROCESSI A BERLUSCONI E FIGURE COME PREVITI…

-

Condividi questo articolo


Marco Giusti per Dagospia

 

the apprentice 4 the apprentice 4

Svegliate Dago perché questo è il film per lui. Sono tre le regole per diventare un vincente, spiega lo spietato avvocato di ultra destra Roy Cohn, quello che ha mandato alla sedia elettrica i Rosenberg, uno strepitoso Jeremy Strong da Oscar, a un giovane Donald Trump, Sebastian Stan, ancora falloccone, figlio di papà, che non sa come staccarsi dal padre e fare l'immobiliarista di successo a New York. 1. Attaccare attaccare attaccare. 2. Negare qualsiasi cosa. 3. Ostentare la vittoria anche quando hai perso.

the apprentice 1 the apprentice 1

 

Anche se leggo critiche non così esaltanti, questo "The Apprentice", film più tradizionale del non così tradizionale Ali Abbasi di "Border", magistralmente scritto da Gabriel Sherman e magistralmente interpretato da Stan e Strong come fossimo in un film anni 70 o 80 di Sidney Lumet o di James Toback, è finalmente un'opera che ci dice molto sulla costruzione mostruosa da killer di Trump, sul come è arrivato dove è arrivato e sul capitalismo americano come barriera al totalitarismo comunista.

 

E già sappiamo che tutto quello che dirà e farà fare  Donald Trump il suo avvocato e burattinaio Roy Cohn, anni dopo Trump lo presenterà come suo. Ovvio che, esattamente come i biopic di Pablo Larrain dedicati a Jackie e a Lady D, anche questo sia un film di produzione, meno d'autore dei precedenti, ma, specialmente nella prima parte, quando il rapporto tra l'avvocato, spregiudicato, apertamente gay, gran corruttore, legato alla mafia italiana, e il bamboccione incapace di avere una sua strategia, è il vero tema della storia, assistiamo a un'opera di grande costruzione narrativa e di grande intrattenimento.

 

the apprentice the apprentice

Nella seconda parte, quella che vede Trump legarsi a Ivana, modella e folle interiore designer, interpretata da Maria Bakanova, e diventare un vero asshole che non aiuta ne' il fratello in difficoltà ne' un Roy Cohn già malato di AIDS e ormai espulso dai giochi di potere di New York, il film perde un po' di interesse, ma rimane sempre a un livello molto alto di macchina cinematografica. Francamente meglio vedere "The Apprentice" e farsi raccontare bene la nascita di Trump, c'è anche una scena incredibile con Andy Warhol a una festa, che piangere sulla fine mortifera dei grandi maestri.

the apprentice the apprentice

 

Jeremy Strong, abituato da anni di Succession al mondo dei mostri del capitalismo, è perfetto, ma funziona bene anche Sebastian Stan che sa cogliere il lato più fragile, odioso, prepotente di Trump e tutta la sua falsità. Ci dispiace solo che da noi non si riescano a fare film di questo tipo. Pensiamo solo a cosa si potrebbe fare coi processi a Berlusconi e figure come Previti.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DOVE ABBIAMO GIÀ VISTO LA VERSIONE SPECIALE DELLA FIAT 500 CON CUI GIORGIA MELONI È ARRIVATA SUL PRATO DI BORGO EGNAZIA? È UN MODELLO SPECIALE REALIZZATO DA LAPO ELKANN E BRANDIZZATO “GARAGE ITALIA”. LA PREMIER L’HA USATA MA HA RIMOSSO IL MARCHIO FIAT – A BORDO, INSIEME ALLA DUCETTA, L’INSEPARABILE PATRIZIA SCURTI E IL DI LEI MARITO, NONCHÉ CAPOSCORTA DELLA PREMIER – IL POST DI LAPO: “È UN PIACERE VEDERE IL NOSTRO PRIMO MINISTRO SULLA FIAT 500 SPIAGGINA GARAGE ITALIA DA ME CREATA...”

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE