COME SI CAMPA ALL’AGENZIA DI STAMPA? (MALE)/2 – CAOS ALLA “DIRE”: I GIORNALISTI HANNO INDETTO DUE GIORNI DI SCIOPERO (DOMANI 3 APRILE E GIOVEDÌ 11 APRILE) PER LA SOSPENSIONE DAL LAVORO DI 17 GIORNALISTI LA NOTTE DI CAPODANNO - LA LETTERA DI STAMPA ROMANA E FNSI: “AD ALCUNI DI QUESTI DIPENDENTI È STATO CONSEGNATO A MANO IL CEDOLINO E  VENIVA LORO PROPOSTA LA CONSEGNA DI UN ASSEGNO CIRCOLARE DI PARI IMPORTO DELLA COMPETENZA NETTA. TUTTO QUESTO È ILLEGITTIMO…”

-

Condividi questo articolo


ARTICOLI CORRELATI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

MAIL DELL’ASSEMBLEA DEI REDATTORI DELL’AGENZIA DIRE

 

agenzia dire agenzia dire

Le giornaliste e i giornalisti dell’Agenzia di stampa Dire si asterranno dal lavoro per l’intera giornata di domani, mercoledì 3 aprile, e del prossimo giovedì 11 aprile, alla luce della posizione di chiusura, da parte dell’azienda, rispetto alla richiesta di sanare in maniera definitiva la questione dei 17 giornalisti della sede di Roma sospesi dal lavoro la notte del 31 dicembre. Si tratta delle prime due giornate di sciopero di un pacchetto di 5 giorni affidati dall'Assemblea al CdR.

 

L'Assemblea dei redattori, con questa mobilitazione, chiede nuovamente che la Com.e, azienda editoriale proprietaria dell'agenzia Dire, paghi gli stipendi del mese di gennaio per intero anche ai colleghi che sono stati sospesi dal servizio dall'1 al 26 gennaio scorsi.

 

Stefano Valore Stefano Valore

L'Assemblea, supportata dai sindacati, ritiene infatti illegittimo il provvedimento di sospensione e pertanto privo di effetti, come del resto dimostrato dalla regolare presenza al lavoro di tutti i colleghi interessati anche nel mese di gennaio. Il riscontro è evidente dai lanci di notiziario e dagli articoli del sito usciti, in gennaio, siglati e firmati anche dai colleghi destinatari di tale decisione.

 

L'Assemblea chiede inoltre all'azienda di proseguire con l'opera di reintegro dei colleghi licenziati a seguito del piano di esuberi dell'autunno scorso, di regolarizzare il pagamento degli stipendi (che ancora avviene in ritardo e in due o tre tranche) e di aprire una nuova stagione di rapporti costruttivi con le rappresentanze sindacali e il corpo redazionale nella sua interezza.

 

agenzia dire agenzia dire

Dopo quasi due anni di solidarietà, con un taglio fino al 30% per gli stipendi di giornalisti e grafici, ci sono stati i licenziamenti arrivati il 28 dicembre. Poi con la vicenda del fermo amministrativo è arrivata la sospensione dei contributi da parte di Palazzo Chigi (sbloccata a fine gennaio). Poi le sospensioni. I giornalisti dell'agenzia Dire vorrebbero poter guardare oltre una stagione conflittuale e di tensioni che non hanno cercato, e sperano di poterlo fare trovando una rinnovata disponibilità al dialogo da parte dell'editore.

 

Lettera di Stampa romana e Fnsi alla Com.e comunicazione, editore dell’agenzia Dire

Siamo venuti a conoscenza che a 17 giornalisti della Dire è stato decurtato lo stipendio relativo al mese di gennaio u.s. di 22 giornate lavorative con causale sospensione non retribuita. 

 

Ad alcuni di questi dipendenti, convocati dall'azienda, è stato consegnato a mano il cedolino con questa indicazione fuori da ogni previsione di legge e proposta una lettera a firma dell'editore, da controfirmare, nella quale veniva spiegato il provvedimento. 

Stefano Valore Stefano Valore

In aggiunta veniva loro proposta la consegna di un assegno circolare - emesso all'editore - di pari importo della competenza netta che i singoli avrebbero dovuto ricevere per quelle giornate. Come saprete, tutto questo è illegittimo. 

 

La busta paga non può contenere conteggi illegittimi né indicazioni senza fondamento giuridico e parte dello stipendio non può essere corrisposto con modalità irricevibili. Oltretutto è da considerare anche il danno contributivo arrecato ai 17 giornalisti 

Ricordiamo, sul punto, che i 17 giornalisti nelle asserite 22 giornate di sospensione hanno effettuato le loro prestazioni - documentate dalle sigle inserite nelle agenzie, dagli ordini di servizio di direttore e caporedattore, dalle testimonianze dei colleghi che li hanno visti al lavoro - e, ai sensi di legge, è dovuta la loro retribuzione.

 

Pertanto Vi chiediamo di emettere cedolini regolari e di pagare, entro 5 giorni dal ricevimento della presente, lo stipendio correttamente. In difetto, i giornalisti saranno costretti ad agire nelle competenti sedi. Cordiali saluti. Alessandra Costante e Stefano Ferrante

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…

DAGOREPORT –  PER SALVARE IL "CAMERATA" ROSSI, PROSSIMO A.D. RAI, UNA MELONI INCAZZATISSIMA VUOLE LA TESTA DEL COLPEVOLE DEL CASO SCURATI PRIMA DEL 25 APRILE: OGGI SI DECIDE IL SILURAMENTO DI PAOLO CORSINI, CAPO DELL'APPROFONDIMENTO (DESTINATO AD ESSERE SOSTITUITO DOPO LE EUROPEE DA ANGELA MARIELLA, IN QUOTA LEGA) – SERENA BORTONE AVEVA PROVATO A CONTATTARE CORSINI, VIA TELEFONO E MAIL, MA SENZA RICEVERE RISPOSTA - ROSSI FREME: PIÙ PASSA IL TEMPO E PIU’ SI LOGORA MA LA DUCETTA VUOLE LE NOMINE RAI DOPO IL VOTO DEL 9 GIUGNO SICURA DEL CROLLO DELLA LEGA CON SALVINI IN GINOCCHIO…)