DISCO-MUSIC REVOLUTION - CON DONNA SUMMER E GRACE JONES IL MONDO È CAMBIATO MA GLI INTELLO' ITALIANI NON SE NE SONO ACCORTI - LA DIFFIDENZA DEL MONDO DEL ROCK, TOM PETTY: “NEI ’70 IL NOSTRO OBIETTIVO ERA DISTRUGGERE LA DISCO”

In un libro la carica liberatoria della disco e l’atteggiamento sdegnoso della cultura italiana- Camilla Cederna stronca la “biondona” Amanda Lear, Giovanni Arpino demolisce la "leggenda abusiva" Grace Jones e Luca Goldoni in un pezzo intitolato “Ventitre orgasmi su mezzo disco” insinua che Donna Summer sia solo un’anonima bella ragazza...

Condividi questo articolo


Giuseppe Pollicelli per “Libero Quotidiano”

DONNA SUMMER 1 DONNA SUMMER 1

 

Come capita spesso, la figura peggiore la fanno gli intellettuali. Sentite qua. «Ecco la biondona che racconta d’aver cominciato la carriera come mannequin, mentre, scrollando la testa, si osserva l’andar su e giù del suo pomo d’Adamo…»: è Camilla Cederna che, su un numero del 1978 di TV Sorrisi e Canzoni, parla di Amanda Lear. O anche: «Poveretta… Leggenda abusiva, fatta di lustrini, sudori e nessuna sostanza».

 

Parole dello scrittore Giovanni Arpino, il quale, sempre dalle pagine di TV Sorrisi e Canzoni, si diffonde su Grace Jones. E poi Luca Goldoni, che in un pezzo intitolato Ventitré orgasmi su mezzo disco (il settimanale è sempre lo stesso, così come l’anno, il 1978) insinua che Donna Summer sia solo un’anonima bella ragazza la cui voce è stata artificialmente elaborata, in uno studio di registrazione, grazie a non meglio precisati macchinari ipertecnologici.

DONNA SUMMER DONNA SUMMER

 

È in questo modo che, al suo affacciarsi sulla scena musicale internazionale, la disco music è stata accolta in Italia, con l’atteggiamento sdegnoso che il mondo della cultura tende a riservare a quei fenomeni che, oltre a esser nuovi, presentano tratti dirompenti e «barbari». Ma a opporre un’ottusa chiusura nei confronti della disco music non fu soltanto l’Italia e non furono soltanto gli intellettuali: a riservare al genere una spaventata diffidenza fu lo stesso mondo del rock. Basteranno, per rendersene conto, le parole di Tom Petty: «Il nostro obiettivo negli anni Settanta era distruggere la disco, una vera minaccia per la musica».

 

COVER LIBRO DISCO MUSIC COVER LIBRO DISCO MUSIC

La disco music, in virtù di artisti di sconfinato e duraturo successo come i già citati Donna Summer e Grace Jones, oltre a Barry White, Diana Ross, i Village People e l’italiano Giorgio Moroder, ha provveduto da sola a riscattarsi da queste maldicenze e a diffondere ovunque la sua carica liberatoria, ma a storicizzarla e consacrarla in modo definitivo provvede ora un superbo libro scritto dagli appassionati Andrea Angeli Bufalini e Giovanni Savastano (coordinati da Francesco Coniglio): La Disco. Storia illustrata della disco music (Arcana, pp. 400, euro 58), in cui della disco si passano scrupolosamente in rassegna le tappe, gli autori e i brani più significativi.

12 amanda lear foto david bailey ago1971 12 amanda lear foto david bailey ago1971

 

 Il tutto è valorizzato da accurate discografie e da un apparato iconografico da urlo per numero e qualità delle fotografie proposte (su carta patinata e a colori). Un volume semplicemente epocale, di cui è peraltro già annunciato un seguito dedicato a «meteore e satelliti», cioè agli esponenti della disco music considerati a torto o a ragione minori. Una notizia che mette voglia di ballare.

GIORGIO MORODER E DONNA SUMMER GIORGIO MORODER E DONNA SUMMER disco music studio 54 9 disco music studio 54 9 disco music studio 54 1 disco music studio 54 1 LA REGINA DELLA DISCO MUSIC DONNA SUMMER LA REGINA DELLA DISCO MUSIC DONNA SUMMER GRACE JONES A RICCIONE GRACE JONES A RICCIONE Grace Jones Grace Jones

 

disco music studio 54 4 disco music studio 54 4 disco music studio 54 5 disco music studio 54 5

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

DAGONEWS! – COSA BOLLE NELLA TESTA TRICOLOGICAMENTE SVANTAGGIATA DI ENRICO LETTA? IN VISTA DELLE ELEZIONI DEL 2023, OLTRE A UNA LEGGE ELETTORALE PROPORZIONALE CON SBARRAMENTO AL 4%, IL CAMPO LARGO COL M5S SARÀ SOSTITUITO DAL “CAMPETTO CIVICO” CON LE LISTE DEI SINDACI PD (GORI, GUALTIERI, TOMMASI, DE CARO, SALA, MANFREDI, ETC) - SE L'EGO DI CALENDA GIOCA IN PROPRIO, RENZI È IL PARIA DI TURNO: ITALIA MORTA NESSUNO LA VUOLE, AL PUNTO CHE È COSTRETTO A ELEMOSINARE ATTENZIONI ALL’EX NEMICO, LUIGI DI MAIO…

business

CHE SENSO HA FARE L’AMAZON ITALIANA SE C’È GIÀ QUELLA ORIGINALE, CHE FUNZIONA MEGLIO? – SE LO DOVEVA CHIEDERE CHI HA BUTTATO UNA MAREA DI SOLDI IN “EPRICE”: PAOLO AINIO DI BANZAI, MATTEO ARPE, PIETRO BOROLI E ALTRI FINANZIERI E IMPRENDITORI, CHE SOGNAVANO DI CREARE UN SITO DI E-COMMERCE PARAGONABILE AL COLOSSO DI BEZOS. E INVECE, DOPO LA QUOTAZIONE E TANTE SPERANZE, IL SITO È AL COLLASSO: IL PATRIMONIO È AZZERATO E L’UNICA ANCORA DI SALVEZZA SONO GLI EMIRATINI DI “NEGMA”, CHE HANNO PROMESSO 20 MILIONI DI LIQUIDITÀ

cronache

"I TASSISTI DICHIARANO AL FISCO POCO PIU' DI MILLE EURO AL MESE E COMPRANO LICENZE CHE NE COSTANO 180 MILA" – SELVAGGIA LUCARELLI VA ALL'ATTACCO DEI TASSISTI: “È ORA DI APRIRE IL MERCATO E CHIUDERE DEFINITIVAMENTE LO SPORTELLO DEI TAXI CHE SI SPACCIANO PER SERVIZIO PUBBLICO, BEN ATTENTI A TUTELARE SOLO IL PRIVATO. AMMANTANO LA LORO ARROGANZA DI NOBILI RAGIONI” – E DAI TASSISTI DI NAPOLI ARRIVA L'INDECENTE RISPOSTA CON IL CORO “SELVAGGIA LUCARELLI È UNA PUTTANA!” – VIDEO

sport

"TUTTA LA MIA CARRIERA È INGHIOTTITA IN QUEI 7 SECONDI DI URLO" – MARCO TARDELLI RILASCIA UN'INTERVISTA "CORE A CORE" ALLA COMPAGNA MYRTA MERLINO, SU "OGGI", E TORNA PER L'ENNESIMA VOLTA A PARLARE DEL GOL IN FINALE DEL MUNDIAL DELL'82: "QUELL’URLO HA RISCATTATO OGNI ITALIANO E HA INTRAPPOLATO ME PER SEMPRE, NEL BENE E NEL MALE" (TRANQUILLO, HA INTRAPPOLATO ANCHE NOI) - "MOLTI CREDONO CHE QUELL’URLO FOSSE DI GIOIA, DI ESULTANZA. IN REALTÀ C’ERA MOLTO DI PIÙ. ERA UNA LIBERAZIONE, UNA RIBELLIONE, UNA RIVINCITA… ANCHE SULL’IMMENSO GIANNI BRERA"

cafonal

PABLITO, L’UOMO CHE FECE PIANGERE IL BRASILE – UNA MOSTRA AL CONI CELEBRA PAOLO ROSSI A 40 ANNI DA ITALIA-BRASILE 3-2 – MALAGO’ SOTTOLINEA IL VIZIO ITALIANO DI CORRERE IN SOCCORSO DEL VINCITORE: “LA POLITICA SI AVVICINÒ ALLA NAZIONALE SOLO NEL MOMENTO DELLA VITTORIA PRIMA AVEVA CHIESTO ADDIRITTURA CHE L’ITALIA SI RITIRASSE. BEARZOT HA FATTO UN'IMPRESA STORICA CHE HA SAPUTO UNIRE UN INTERO PAESE” – I RICORDI DI TARDELLI, DELL’ARBITRO KLEIN E DELLA MOGLIE DI PAOLO ROSSI, FEDERICA CAPPELLETTI – FOTO+VIDEO

viaggi

salute