IL DIVANO DEI GIUSTI/1 - CHE VEDIAMO STASERA SULLE PIATTAFORME? SE VI È PIACIUTA LA SERIE ULTRASOFISTICATA ARGENTINA DI DISNEY+ “NOTHING”/”NADA” CON IL CRITICO CULINARIO DANDY E INSOPPORTABILE AMICO DI ROBERT DE NIRO, RESTERETE INCANTATI ANCHE DA “IL BOSS DEL CONDOMINIO”, GIRATA PIÙ O MENO CONTEMPORANEAMENTE E CHE NE RIPETE LA STESSA GRAZIA DI SCRITTURA E REGIA. MA QUANTI ATTORI BRAVI HANNO IN ARGENTINA? VE LA CONSIGLIO… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


Marco Giusti per Dagospia

 

nothing nothing

Che vediamo stasera? Beh, se vi è piaciuta la serie ultrasofisticata argentina di Disney+ “Nothing”/”Nada” della coppia di sceneggiatori e registi Gaston Duprat  & Mariano Cohn, quella con il critico culinario dandy e insopportabile amico di Robert De Niro, resterete incantati anche a “Il boss del condominio” o “The Boss” o “El encargado”, girata più o meno contemporaneamente e che ne ripete la stessa grazia di scrittura e regia. Protagonista è Eliseo, interpretato dal favoloso Guillermo Francella (“Il clan”, “Il segreto dei suoi occhi”), ma quanti attori bravi hanno in Argentina?, un vecchio portiere di un ricco condominio di Buenos Aires che domina la scena del suo palazzo da trent’anni, occupandosi naturalmente di tutto e di tutti.

IL BOSS DEL CONDOMINIO. IL BOSS DEL CONDOMINIO.

Diciamo che ha gli inquilini sotto controllo. Impicciosissimo, come tutti i porteri. Ma un giorno scopre che il perfido Dottor Zambrano, Gabriel Goity, assieme all’architetta lesbica caruccia e infedele, Florencia, Malena Sanchez, trama un complotto contro di lui. Ha idea infatti di costruire una piscina all’ultimo piano, dove abita Eliseo. E quindi non solo Eliseo perderà presto la casa, ma anche il posto, visto che vorrebbero sostituirlo con una ditta di pulizie.

 

IL BOSS DEL CONDOMINIO. IL BOSS DEL CONDOMINIO.

A questo punto Eliseo scatena la battaglia per impedire che tutto ciò avvenga. E scatena mille trame per ingraziarsi i condomini che non ha dalla sua parte. Grande successo in Argentina, dove è già arrivato alla seconda stagione, “Il boss del condominio” lo trovate su Disney+. Ve lo consiglio. Anche se forse è più divertente “Nada”. Occhio che in una puntata apparirà anche Luis Brandoni, il protagonista di “Nada”.

nothing nothing nothing nothing

 

Nada - serie - robert de niro Nada - serie - robert de niro IL BOSS DEL CONDOMINIO. IL BOSS DEL CONDOMINIO. IL BOSS DEL CONDOMINIO. IL BOSS DEL CONDOMINIO. Nada - serie - robert de niro Nada - serie - robert de niro nothing nothing

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - SULLA SCENA POLITICA, FITTA DI SCAPPATI DI CASA, MANCAVANO SOLO LORO: FASCINA E GALLIANI - L’ANTICO “CONDOR” DEL CAVALIERE È DIVENTATO LO CHAPERON POLITICO DELLA “VEDOVA INCONSOLABILE”, CON IL CONTORNO DEI SECOLARI AMICI DELLA BUONANIMA DI SILVIO, CONFALONIERI E DELL’UTRI - IN OGNI USCITA PUBBLICA, I DUE SONO INSEPARABILI. DEL RESTO, SI CONOSCONO, E BENE. LA SCALATA DELLA “MARIA GODETTI” CALABRO-NAPOLETANA ALL’INTERNO DELL’INNER CIRCLE BERLUSCONIANO AVVENNE GRAZIE A GALLIANI, ALL’EPOCA BOSS DEL MILAN - ORA È CHIARO CHE A TAJANI HA SEMPRE FREGATO POCO DI COSA COMBINA IL DUPLEX FASCINA-GALLIANI. FINO ALLO SCORSA SETTIMANA ALLORCHÉ È ESPLOSA FORZA ITALIA AL COMUNE DI MILANO, DIETRO LA QUALE CI SAREBBERO LE UNGHIE DELLA FASCINA, CHE HA MANTENUTO UN OTTIMO RAPPORTO CON MARINA, VEDI IL DUELLO CONTINUO CON IL FRATELLO PIER SILVIO CHE VUOLE FAR SLOGGIARE LA “VEDOVA INCONSOLABILE” DALLA COSTOSISSIMA MAGIONE DI ARCORE - VIDEO

FLASH! - A TORINO, PER IL DOPO PALENZONA ALLA PRESIDENZA DI CRT, SI STANNO SONDANDO LE ISTITUZIONI SUL NOME DI MICHELE VIETTI, MAGISTRATO EX-CSM, OGGI DISOCCUPATO. UN NOME CHE È GRADITO AL SINDACO DI TORINO, STEFANO LORUSSO, CHE NON HA MAI SOPPORTATO LA PRESENZA E SOPRATTUTTO LA DISUBBIDIENZA DI PALENZONA - A DAR VOCE ALLA CANDIDATURA DI VIETTI C'È LA DI LUI CONSORTE, CATERINA BIMA, CHE RICOPRE IL RUOLO DI VICE PRESIDENTE DI CRT ED È STATA TRA GLI OPPOSITORI DELLA GESTIONE PALENZONA...

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGIE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…