DONALD, FACCE RIDE! - TRUMP, CHE SI PROFESSA PALADINO DELLA LIBERTA' DI ESPRESSIONE, MINACCIA DI FARE CAUSA AL FILM "THE APPRENTICE", CHE RACCONTA LA SUA ASCESA SOTTO L'ALA PROTETTIVA DELLO SPIETATO ROY COHN: "QUESTA SPAZZATURA È PURA FICTION E UN TENTATIVO DI INTERFERENZA DA PARTE DELLE ELITE DI HOLLYWOOD" - LA PELLICOLA RISCHIA DI FARE LA FINE DI "LORO", IL BIOPIC DI SILVIO BERLUSCONI BY SORRENTINO: DOPO L'USCITA NELLE SALE, NON È STATO MAI MESSO IN ONDA IN CHIARO, NON ESISTE UNA VERSIONE IN DVD ED È INTROVABILE ANCHE IN STREAMING... 

-

Condividi questo articolo


1. CAMPAGNA TRUMP MINACCIA CAUSA AL FILM THE APPRENTICE, SPAZZATURA

SEBASTIAN STAN NEI PANNI DI DONALD TRUMP PER IL FILM THE APPRENTICE SEBASTIAN STAN NEI PANNI DI DONALD TRUMP PER IL FILM THE APPRENTICE

(ANSA) - La campagna di Donald Trump minaccia di fare causa per 'The Apprentice', il film di Ali Abbasi in concorso al Festival di Cannes. "Faremo causa per affrontare le affermazioni palesemente false di questi finti registi. Questa spazzatura è pura fiction che sensazionalizza bugia già da tempo sfatate. Così come i processi illegali di Biden, questa è un'interferenza da parte delle elite di Hollywood che sanno che Trump si riprenderà la Casa Bianca", ha detto il portavoce della campagna di Trump Steven Cheung con Variety.

 

2. IL GIOVANE TRUMP E L’AVVOCATO DEL DIAVOLO

Estratto dell'articolo di Alberto Crespi per “la Repubblica”

 

donald trump e roy cohn donald trump e roy cohn

Regola numero 1: attaccare, attaccare, sempre attaccare. Regola numero 2: negare sempre tutto. Regola numero 3: mai ammettere la sconfitta. […] Le tre regole appena enunciate […] sono quelle che l’avvocato Roy Cohn, il legale più spregiudicato e corteggiato di New York, insegna a un giovane Donald Trump che gli ha chiesto aiuto per un progetto immobiliare realizzabile solo ottenendo sgravi fiscali mai visti nella storia d’America. E se il giudice che deve prendere questa decisione recalcitra, basterà tirar fuori alcune foto in cui se la spassa con dei ragazzini: Roy Cohn ha un sacco di trucchi nel suo repertorio, può ricattare chiunque in America da Nixon in giù.

 

the apprentice the apprentice

Cohn e Trump sono i protagonisti di The apprentice, in concorso a Cannes (li interpretano, magnificamente, Jeremy Strong e Sebastian Stan): si racconta in che modo un biondino dalla faccia tosta ha costruito mezza New York ed è diventato presidente degli Stati Uniti. È la storia, molto istruttiva, del “giovane Trump”.

 

[…] Quello che scopriamo vedendo il film è che Trump ha sempre giocato sporco: sia che si trattasse di convincere il sindaco Ed Koch a lasciargli costruire la Trump Tower, sia che si trattasse di corteggiare la bella modella Ivana, Trump ha sempre barato.

 

the apprentice the apprentice

Bisogna ammettere che è stato uno dei più bravi, in questo sport. Ma ha avuto un grande maestro, Roy Cohn, sul quale sono stati realizzati numerosi documentari e reportage. In America il personaggio è famoso e famigerato. Nato nel 1927 e morto di aids nel 1986, è stato nel 1951 (a 24 anni) il viceprocuratore federale nel processo che ha mandato i Rosenberg sulla sedia elettrica; e subito dopo, tra il ’53 e il ’54, è stato il consulente capo del senatore McCarthy nei giorni più feroci della caccia alle streghe.

the apprentice 1 the apprentice 1

 

Ossessionato dai bei giovanotti e dai comunisti, ha praticamente “creato” Trump. Nel 1986, poco prima che morisse, è stato radiato dall’ordine degli avvocati per condotta non etica.

 

Vi sembra di averla già sentita, questa storia? Un imprenditore venuto (quasi) dal nulla che grazie ad avvocati rapaci e alle giuste conoscenze riesce prima a diventare il re dei palazzinari, e poi a governare un paese? Vedendo The apprentice si nota quanto la parabola di Trump somigli a quella di Berlusconi. E se in Italia un film come Loro, di Paolo Sorrentino, è oggi pressoché invisibile non dobbiamo stupirci se per realizzare The apprentice c’è voluto un regista iraniano che si chiama Ali Abbasi e che oggi vive in Danimarca, con passaporto danese.

 

the apprentice 3 the apprentice 3

[…] Non sappiamo quale sarà il destino del film negli Stati Uniti. Sappiamo però che un film del genere ci pone domande impegnative sulla forza del cinema. Se il mondo fosse giusto, tutti i cittadini americani dovrebbero vederlo e Trump, in novembre, non prenderebbe nemmeno un voto. Invece Trump sarà molto probabilmente il prossimo presidente degli Stati Uniti. È un bene che un film come The Apprentice esista. È un peccato che i film non votino.

ARTICOLI CORRELATI

SEBASTIAN STAN NEI PANNI DI DONALD TRUMP PER IL FILM THE APPRENTICE SEBASTIAN STAN NEI PANNI DI DONALD TRUMP PER IL FILM THE APPRENTICE roy cohn con il sindaco di new york ed koch e trumpo roy cohn con il sindaco di new york ed koch e trumpo roy cohn in giallo a destra donald trump roy cohn in giallo a destra donald trump the apprentice 2 the apprentice 2

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DOVE ABBIAMO GIÀ VISTO LA VERSIONE SPECIALE DELLA FIAT 500 CON CUI GIORGIA MELONI È ARRIVATA SUL PRATO DI BORGO EGNAZIA? È UN MODELLO SPECIALE REALIZZATO DA LAPO ELKANN E BRANDIZZATO “GARAGE ITALIA”. LA PREMIER L’HA USATA MA HA RIMOSSO IL MARCHIO FIAT – A BORDO, INSIEME ALLA DUCETTA, L’INSEPARABILE PATRIZIA SCURTI E IL DI LEI MARITO, NONCHÉ CAPOSCORTA DELLA PREMIER – IL POST DI LAPO: “È UN PIACERE VEDERE IL NOSTRO PRIMO MINISTRO SULLA FIAT 500 SPIAGGINA GARAGE ITALIA DA ME CREATA...”

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE