1. ECCOLA, LA GENERAZIONE DEL FUTURO: PORNO HARD CORE, VIDEO BRUTALI, “TROLLING”, SESSO ON LINE CON SCONOSCIUTI: IN UN LIBRO GLI ADOLESCENTI RACCONTANO LE LORO GIORNATE PASSATE SUL WEB E L’AMBIZIONE DI ESSERE PIU’ “HOT”, PIU' POPOLARI DEGLI ALTRI
2. SECONDO L’AUTRICE CHLOE COMBI, MISURANO L’AUTOSTIMA E SI DANNO UN VALORE NON CON I RISULTATI SCOLASTICI, MA CON I FOLLOWER SU INSTAGRAM E I "MI PIACE" DI FACEBOOK
3. AHMED, 15 ANNI, PER NOIA CREA PROFILI FALSI E SI DEDICA AL “TROLLING” AGGRESSIVO. ANNABELLE (16) ONLINE È UNA MODELLA DI 21 ANNI CHE RIMORCHIA UOMINI IN CERCA DI SESSO
4. I FORUM SONO OSSESSIONATI DAI SOLDI, DAL LOOK, DAL GLAMOUR. CHI E' FAMOSO NON PROVIENE PIU' DALLA TV, DAL CINEMA O DA UN SUCCESSO IN CLASSIFICA, MA DA YOUTUBE

Condividi questo articolo


Chloe Combi per “Daily Mail”

 

ossessione da internet ossessione da internet

Rachel è una diciassettenne carina che vuole studiare medicina. Va benissimo a scuola, ha tanti amici, una vita normale, una buona famiglia. Una volta a settimana, di solito la domenica sera, fa sesso in telecamera per un uomo di nome David, che non ha mai incontrato.

 

Michael ha 16 anni e guarda pornografia hard core da quando ne aveva 11, sul laptop e sull ‘“iPhone” che i genitori gli hanno comprato. Dice di aver visto qualsiasi atto sessuale conosciuto all’uomo nella sua “carriera” sul web, ma di non aver mai fatto sesso nella vita vera. Prova a smettere di guardare porno e non ci riesce.

molte ragazze fanno sesso on line molte ragazze fanno sesso on line

 

Ahmed, 15 anni, quando si annoia crea profili falsi suo social e si dedica al “trolling” più aggressivo. Annabelle ha messo su un profilo definendosi una modella di 21 anni. E’ continuamente contatta da uomini fra i 30 e i 40 anni che vogliono fare sesso occasionale con lei, ma lei in realtà ha 16 anni. Grant, 14 anni, viene bullizzato così tanto sui social che sta prendendo in considerazione il consiglio di suicidarsi (però non hai mai considerato l’ipotesi di disconnettersi per un giorno).

 

le ragazze concorrono per essere le piu hot le ragazze concorrono per essere le piu hot

Queste sono solo alcune delle centinaia di esperienze scioccanti degli adolescenti che ho incontrato per il mio libro “Generation Z”. Sono una ex insegnante e volevo capire cosa sta succedendo a questa generazione. Non è facile, da adulti, comprendere cosa significhi internet per loro. E’ una finestra sul mondo, un’identità, una guida, uno strumento che crea e distrugge amicizie e relazioni. Gli obbediscono e non possono vivere senza. E’ la prima generazione nata sotto l’occhio del web, forse la più introversa mai esistita. Stare on line per 24 ore al giorno significa non lasciare mai la stanza per socializzare con gente in carne e ossa. Quando escono di casa, sono connessi via smartphone.

il libro generation z il libro generation z

 

I ricercatori della “University College London” hanno da poco lamentato un aumento di ragazzine fra gli 11 e i 13 anni che soffrono di ansia e problemi emotivi legati a immagini di donne ritratte come oggetti sessuali su vari siti. Misurano l’autostima e si danno un valore non con i risultati scolastici, ma con quelli di “Istangram” e simili. Vedono le foto dello stile di vita dei ricconi alla “Rich Kids of Instagram” e si deprimono comparandolo alla loro vita imperfetta.

i bambini su internet vedono hard core porn i bambini su internet vedono hard core porn

 

I forum sono ossessionati dai soldi, dal look, dal glamour, e incoraggiano i giovani al materialismo e al consumismo sfrenato. La priorità è l’ultima novità tecnologica, non la fame nel mondo. I famosi non provengono dalla tv tradizionale o da un successo in classifica, ma da “You Tube”. Se non hai un profilo on line, praticamente non esisti. Sul profilo on line puoi essere chi vuoi e creare un alter ego soddisfacente. Gli adolescenti si mostrano più sexy, più belli e più ricchi di quanto non siano in realtà, usano photoshop e posano con mazzette di soldi aggiunte digitalmente. L’adolescente che non lo fa, si sente ovviamente inadeguato agli altri.

gli adolescenti sono connessi sempre gli adolescenti sono connessi sempre

 

Internet è un posto senza leggi e senza regole, dove si fa quello che non si farebbe nella vita vera. I genitori sarebbero sconvolti se sapessero cosa fanno i figli on line. Stare dietro uno schermo crea una sorta di disconnessione psicologica, e i più giovani non capiscono le conseguenze delle azioni se non dopo che la frittata è fatta.

 

gli adolescenti non sono mai disconnessi gli adolescenti non sono mai disconnessi

Mary e Reshma, 16 anni, mi spiegano: «Conta solo quanto sei “hot”. Desideri che totali estranei ti dicano che vogliono fare sesso con te. Ti fa sentire meglio con te stessa». Sono diventati quasi immuni al sesso e alla violenza nei film. Conoscono il sadismo, la tortura, la molestia, il dolore e l’umana depravazione.

 

Mi sono unita a un gruppo di ragazzi che guardavano i brutali video delle esecuzioni dell’ISIS. Li cercano appositamente, probabilmente non distinguendo bene la violenza reale da quella dei videogiochi. E’ importante che i genitori spieghino che ciò che è on line è spesso falso e costruito. Il sesso e la gente, nel mondo vero, sono diversi. La realtà, con tutte le sue imperfezioni, è molto meglio. 

ossessione da internet ossessione da internet

 

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

DAGO-RETROSCENA! – DURANTE LE SETTIMANALI TELEFONATE CON DRAGHI, IL TORMENTONE DI GRILLO E' DI PERCULARE "LA POCHETTE CHE CAMMINA", FINCHE' MARIOPIO UN BEL GIORNO SBOTTA: “MA SE LO RITIENI INADEGUATO, PERCHÉ NON LO MANDI VIA? BUTTALO FUORI!” - LA BATTUTA INOPPORTUNA DI DRAGHI E' STATO POI GIRATA DA GRILLO A SUO MERITO, DAVANTI A CONTE: "MA COME, TI HO PURE DIFESO DA DRAGHI CHE VOLEVA CHE TI CACCIASSI!" - E SCATTA LA VENDETTA DI TRAVAGLIO E DEI COLONNELLI DEI 5STELLE (TAVERNA, FICO, CRIMI) SU GRILLO CHE NON VUOLE L'ADDIO A DRAGHI NE' LA DEROGA AL SECONDO MANDATO - ALL’INSIPIENZA POLITICA DI DRAGHI E GRILLO, ALLA FINE CI METTE UNA PEZZA MATTARELLA.... 

business

cronache

DATECE UBER! – CHE VERGOGNA: ALL’AEROPORTO DI ROMA FIUMICINO I TASSISTI SI RIFIUTANO DI ACCOMPAGNARE I PASSEGGERI NEI QUARTIERI VICINI COME OSTIA, ACILIA, CASAL PALOCCO O SPINACETO. LA SPIEGAZIONE È SEMPLICE: INCASSANO TROPPO POCO RISPETTO AI CLIENTI CHE VANNO IN CENTRO, COSTRETTI A SGANCIARE ALMENO 50 EURO - LA TESTIMONIANZA DI UN UOMO CHE SI È VISTO RIFIUTARE DA TUTTI GLI AUTISTI: “ALLA FINE MI SONO RIVOLTO A DUE FINANZIERI CHE HANNO INTIMATO A UN TASSISTA DI FARMI SALIRE. MA UNA VOLTA A BORDO…” - VIDEO

sport

“A PENSAR MALE SI FA PECCATO, MA SPESSO CI SI AZZECCA” – UNA LETTRICE MALIZIOSA SCRIVE A FRANCESCO MERLO: “IL GESTO DI BERRETTINI NON MI PARE COMMOVENTE. NON ERA TENUTO A FARE IL TAMPONE, E NE HA FATTI DUE, TANTO PER ESSERE SICURO DI ESSERE POSITIVO. VIENE IL SOSPETTO CHE VOLESSE TROVARE UNA SCUSA PER NON SCENDERE IN CAMPO” – RISPOSTA: “C'È UN CONCENTRATO DI ARCITALIANO, CHE SICURAMENTE BERRETTINI NON MERITA. SI COMINCIA CON IL MALANNO COME VIRTÙ. C'È IL BORGHESE STANCO DI LONGANESI, QUINDI IL MORETTI DI 'MI SI NOTA DI PIÙ'. INFINE C'È..."

cafonal

CAFONALINO PALLONARO - SI STAVA MEGLIO QUANDO C'ERA MATARRESE? L'EX PRESIDENTE DELLA SERIE A E DELLA FIGC HA PRESENTATO AL SALONE D'ONORE DEL CONI IL SUO LIBRO "E ADESSO PARLO IO": "SONO RATTRISTATO NEL CONSTATARE IL MOMENTO CRITICO CHE STA VIVENDO IL CALCIO ITALIANO. NON VOGLIO FARE PROCESSI, MA VI SIETE INCATTIVITI" - AD ASCOLTARLO C'ERANO I PRESIDENTI DELLA LAZIO, CLAUDIO LOTITO, E DELLA LEGA DI A, LORENZO CASINI. PRESENTI ANCHE GABRIELE GRAVINA, LUCA PANCALLI, VITO COZZOLI, GIANCARLO ABETE E FRANCESCO GHIRELLI, OLTRE AL PADRONE DI CASA GIOVANNI MALAGÒ E… - FOTO

viaggi

salute