GHALI PROFONDO – “HA 2 ANNI. IL PADRE FINISCE IN CARCERE. LA MADRE È SOLA E SI SPEZZA LA SCHIENA. UNA VOLTA A SETTIMANA PRENDE IL FIGLIO E GLI METTE IL SUO VESTITO MIGLIORE. ANDIAMO A TROVARE PAPÀ. GHALI HA IL LETTORE CD. UNA CUFFIA A TESTA, LA MUSICA DI MICHAEL JACKSON, UN PASSO DIETRO L’ALTRO” - “IL PADRE GLI DÀ DEGLI ALBUM. EMINEM, SNOOP DOGG, NELLY. GHALI LI CONSUMA. PASSA QUALCHE ANNO, LA MAMMA È MALATA E…”

-

Condividi questo articolo

Dal profilo Instagram di Carmelo Abbate – Storie degli altri

 

https://www.instagram.com/carmelo_abbate_/

https://www.carmeloabbate.it/

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Lui è Ghali. Nasce a Milano nel 1993. I genitori hanno pochi mezzi, si arrangiano come possono. Ghali ha 2 anni. Il padre finisce in carcere. La madre è sola con un bambino da crescere. Si spezza la schiena ogni santo giorno per portare il pane a casa. Una volta alla settimana, prende il figlio e gli mette il suo vestito migliore. Andiamo a trovare papà. Camminano mano nella mano, Ghali ha il lettore cd. Una cuffia a testa, la musica di Michael Jackson, un passo dietro l’altro, in silenzio, fino al portone della prigione. Entrano, si siedono, aspettano. Papà, papà. Ghali gli corre incontro, strofina la guancia sulla sua felpa, sente il suo odore, il profumo del gel. I genitori si baciano, Ghali finge di non vedere, disegna. Il padre gli dà degli album. Eminem, Snoop Dogg, Nelly. Ghali li consuma. Passa qualche anno. La sua mamma è malata. Ghali ha il terrore di perderla, ma lei lo rassicura, lotterà con tutte le sue forze, non lo lascerà solo. È il 2003. La battaglia è vinta. Iniziano una nuova vita nel quartiere di Baggio. La casa è vuota, dormono sul tappeto, cucinano con i fornelli da campeggio. Niente frigo, mettono il latte fuori dalla finestra per tenerlo al fresco. L’appartamento è piccolo, ma la porta è sempre aperta. Ghali cresce ascoltando le storie dei grandi. Favole tristi, di dolore, solitudine. Decide di farne tesoro. Un giorno, in qualche modo, le racconterà al mondo. Dopo scuola si chiude in camera. Canta, dice le parolacce, ma a bassa voce, se no mamma lo sgrida. Ha 18 anni. Registra la sua musica con un microfono e una webcam. Pubblica le sue canzoni sul web. È il 2016. Debutta con Ninna Nanna, batte ogni record e vince il disco d’oro. La sua carriera decolla. Ghali ha 26 anni. È un rapper famoso, ha conquistato tutto, ma non dimentica. Mamma, ti ho messo sulla copertina del mio singolo più importante, come mi ero ripromesso da bambino. Abbiamo dormito nello stesso letto fino ai miei 23 anni, e non me ne vergogno. Ti devo tutto. Ti amo. . . Nelle Storie degli altri c’è la tua vita. Il mio libro è SOLO SU AMAZON. Clicca sul link in bio ? . . #carmeloabbate #storiedeglialtri #ghali #mamma #mother . (Foto di Giuseppe Palmisano)

Un post condiviso da Carmelo Abbate (@carmelo_abbate_) in data:

 

 

ghali ghali ghali e mariacarla boscono ghali e mariacarla boscono mariacarla boscono ghali mariacarla boscono ghali GHALI GHALI GHALI GHALI mariacarla boscono ghali mariacarla boscono ghali yoox & toiletpaper confusion party ghali ph antinori yoox & toiletpaper confusion party ghali ph antinori ghali 5 ghali 5 GHALI MARIACARLA BOSCONO GHALI MARIACARLA BOSCONO GHALI GHALI ghali cara italia 4 ghali cara italia 4 ghali cara italia 6 ghali cara italia 6 ghali cara italia 2 ghali cara italia 2 concerto di ghali 3 concerto di ghali 3 ghali 1 ghali 1 mariacarla boscono ghali mariacarla boscono ghali ghali e la fidanzata ghali e la fidanzata

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

QUESTA È UNA BRUTTA NOTIZIA: SALGONO A 14 I CASI IN LOMBARDIA, 5 SONO GRAVI, 2 ANZIANI POSITIVI AL TEST IN VENETO (UNO E' IN CONDIZIONI CRITICHE) - 50MILA IN ISOLAMENTO NEL LODIGIANO - ECCO CHI SONO LE PERSONE CONTAGIATE - IL MEDICO DI BASE DEL CONTAGIATO DI CODOGNO HA LA POLMONITE. IL DOTTORE SAREBBE RICOVERATO A MILANO, DOPO AVERLO VISITATO NEI GIORNI SCORSI. E DOPO DI LUI, AVRÀ VISTO ALTRI PAZIENTI… - I GENITORI: ''NOSTRO FIGLIO È GRAVISSIMO, SIAMO DISTRUTTI. NOI NON ABBIAMO SINTOMI, MA NON POSSIAMO DIRE CHE STIAMO BENE'' - OMS: ''LA FINESTRA PER CONTENERE IL VIRUS SI RESTRINGE''