“CALABRESI HA CONTRIBUITO AL DISASTRO DI ‘REPUBBLICA’” - VITTORIO FELTRI: “HA GESTITO MALACCIO IL RINNOVAMENTO TRASFORMANDO IL GIORNALE IN UNA SPECIE DI LAPIDE MORTUARIA, TRISTE, ANEMICO E SLAVATO E QUINDI INADATTO A SUSCITARE UN MINIMO DI INTERESSE NEI LETTORI - CONFESSO DI NON NUTRIRE SIMPATIA PER IL POVERO MARIO CHE MI HA RIEMPITO DI INSULTI PER AVERLO SCHERZOSAMENTE DEFINITO ORFANO. MA NELLA CIRCOSTANZA DEL SUO FUNERALE RECITO UNA PRECE AFFINCHÉ…”

-

Condividi questo articolo


Vittorio Feltri per “Libero Quotidiano”

 

vittorio feltri 1 vittorio feltri 1

Può capitare a tutti di essere licenziati, ai direttori di media capita più spesso. Io che vengo considerato il più pirla della categoria, però, non sono mai stato cacciato. Sovente me ne sono andato di mia sponte perché i giornali sono come le donne: dopo un po' rompono le scatole a chi li fa. L'ultimo siluramento è toccato a Mario Calabresi, orfano del commissario che gestì l'affare Pinelli (non molti lo ricordano poiché dal fattaccio è passato tanto tempo). Mario molla la Repubblica a tre anni dall'insediamento al vertice dell' organo debenedettiano.

 

mario calabresi mario calabresi

È durato poco al timone, troppo poco per non sospettare che egli non abbia soddisfatto gli editori. Basti pensare che il fondatore del primo quotidiano maneggevole d'Italia, Eugenio Scalfari, rimase venti anni alla guida del medesimo, e che il suo successore, Ezio Mauro, eccellente giornalista, maturò a sua volta la stessa anzianità di servizio. Ci sarà un motivo per il quale, invece, Calabresi ha avuto vita breve.

 

L'ipotesi più probabile è che costui abbia gestito malaccio il rinnovamento grafico del foglio, trasformando lo stesso in una specie di lapide mortuaria, triste, anemico e slavato e quindi inadatto a suscitare un minimo di interesse nei lettori, in costante diminuzione in ogni azienda editoriale a causa della prevalenza, del dominio, della comunicazione web.

Non sarebbe onesto attribuire soltanto a Calabresi il calo di vendite della Repubblica.

carlo verdelli carlo verdelli

 

Però al disastro specifico egli ha dato il proprio contributo. Cosicché i padroni del baraccone hanno avuto buon gioco nel decidere di farlo secco, sperando che il prossimo direttore, Carlo Verdelli, assai abile, compia il miracolo di risollevare le sorti aziendali. Aggiungo tuttavia che i prodigi nella carta stampata ormai non sono a portata di mano.

 

Confesso di non nutrire simpatia per il povero Mario che mi ha riempito di insulti per averlo scherzosamente definito orfano. Ma nella mesta circostanza del suo funerale recito una prece affinché trovi presto un altro lavoro che egli sappia fare meglio di quello lasciato forzosamente adesso. Coraggio, collega, più che la direzione ti mancherà lo stipendio.

 

Condividi questo articolo

media e tv

IL DIVANO DEI GIUSTI – SE RIMANETE A CASA, IN TV, IN CHIARO NON C’È MOLTISSIMO, AHIMÉ. ANCHE SE “DAYLIGHT” TUTTO GIRATO A ROMA NEL 1996, ME LO RIVEDREI SUBITO. MI RIVEDREI ANCHE “MEZZO DESTRO, MEZZO SINISTRO”. VI CONSIGLIO PERÒ SU RAI DUE IL BELLISSIMO “WIDOWS”, THRILLER AL FEMMINILE DIRETTO DA STEVE MCQUEEN. IN SECONDA SERATA PREPARATEVI, LA5 RILANCIA “50 SFUMATURE DI GRIGIO” CON DAKOTA JOHNSON E JAMIE DORNAN CHE FANNO SESSO VIOLENTO. ANCHE SE, COME DA CONTRATTO, MI RACCOMANDO, “NIENTE FISTING ANALE”… - VIDEO

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

DOVE VAI IN VACANZA? A GRADO! – LO STORICO DELL'ARTE LUIGI FICACCI: "PROPRIO DOVE L’ADRIATICO SI CONCLUDE IN UNA LAGUNA SI POSSONO RINTRACCIARE I CARATTERI DELLA PIÙ ELEVATA CIVILTÀ BIZANTINA, IN UN AVORIO CONSERVATO AL BRITISH MUSEUM. E’ MOLTO PROBABILE CHE NEL VII SECOLO, QUELLA TAVOLETTA VENISSE ESEGUITA E INSERITA IN UNA CATTEDRA VESCOVILE EBURNEA, DEDICATA ALL’APOSTOLO PIETRO – E POI LA CATTEDRALE DI SANT'EUFEMIA, LA BELLISSIMA CHIESA DI SANTA MARIA DELLE GRAZIE, IL CAMPO DEI PATRIARCHI, UN ORGANISMO URBANO CHE…" - VIDEO

salute

NON SIETE UOMINI DI MONDO SE NON CONOSCETE L'ADDERALL - LA VERSIONE FARMACEUTICA DELLA METANFETAMINA È IL FARMACO PIÙ DIFFUSO NEGLI STATI UNITI PER IL TRATTAMENTO DEL DISTURBO DEL DEFICIT D'ATTENZIONE. MA VIENE USATO COME "DOPING" PER MIGLIORARE LE PROPRIE PRESTAZIONI COGNITIVE, TANT'E' CHE MOLTI LO PRENDONO AL POSTO DELLA COCAINA - AGISCE A LIVELLO DEL SISTEMA NERVOSO CENTRALE, DOVE FACILITA IL RILASCIO DI SEROTONINA E DOPAMINA, NEUROTRASMETTITORI CON UN RUOLO IMPORTANTE IN FUNZIONI QUALI REATTIVITÀ, ATTENZIONE E CONCENTRAZIONE - CHI LO USA? PROFESSIONISTI, SPORTIVI, ANALISTI FINAZIARI, UOMINI D'AFFARI…