“CALABRESI HA CONTRIBUITO AL DISASTRO DI ‘REPUBBLICA’” - VITTORIO FELTRI: “HA GESTITO MALACCIO IL RINNOVAMENTO TRASFORMANDO IL GIORNALE IN UNA SPECIE DI LAPIDE MORTUARIA, TRISTE, ANEMICO E SLAVATO E QUINDI INADATTO A SUSCITARE UN MINIMO DI INTERESSE NEI LETTORI - CONFESSO DI NON NUTRIRE SIMPATIA PER IL POVERO MARIO CHE MI HA RIEMPITO DI INSULTI PER AVERLO SCHERZOSAMENTE DEFINITO ORFANO. MA NELLA CIRCOSTANZA DEL SUO FUNERALE RECITO UNA PRECE AFFINCHÉ…”

-

Condividi questo articolo


Vittorio Feltri per “Libero Quotidiano”

 

vittorio feltri 1 vittorio feltri 1

Può capitare a tutti di essere licenziati, ai direttori di media capita più spesso. Io che vengo considerato il più pirla della categoria, però, non sono mai stato cacciato. Sovente me ne sono andato di mia sponte perché i giornali sono come le donne: dopo un po' rompono le scatole a chi li fa. L'ultimo siluramento è toccato a Mario Calabresi, orfano del commissario che gestì l'affare Pinelli (non molti lo ricordano poiché dal fattaccio è passato tanto tempo). Mario molla la Repubblica a tre anni dall'insediamento al vertice dell' organo debenedettiano.

 

mario calabresi mario calabresi

È durato poco al timone, troppo poco per non sospettare che egli non abbia soddisfatto gli editori. Basti pensare che il fondatore del primo quotidiano maneggevole d'Italia, Eugenio Scalfari, rimase venti anni alla guida del medesimo, e che il suo successore, Ezio Mauro, eccellente giornalista, maturò a sua volta la stessa anzianità di servizio. Ci sarà un motivo per il quale, invece, Calabresi ha avuto vita breve.

 

L'ipotesi più probabile è che costui abbia gestito malaccio il rinnovamento grafico del foglio, trasformando lo stesso in una specie di lapide mortuaria, triste, anemico e slavato e quindi inadatto a suscitare un minimo di interesse nei lettori, in costante diminuzione in ogni azienda editoriale a causa della prevalenza, del dominio, della comunicazione web.

Non sarebbe onesto attribuire soltanto a Calabresi il calo di vendite della Repubblica.

carlo verdelli carlo verdelli

 

Però al disastro specifico egli ha dato il proprio contributo. Cosicché i padroni del baraccone hanno avuto buon gioco nel decidere di farlo secco, sperando che il prossimo direttore, Carlo Verdelli, assai abile, compia il miracolo di risollevare le sorti aziendali. Aggiungo tuttavia che i prodigi nella carta stampata ormai non sono a portata di mano.

 

Confesso di non nutrire simpatia per il povero Mario che mi ha riempito di insulti per averlo scherzosamente definito orfano. Ma nella mesta circostanza del suo funerale recito una prece affinché trovi presto un altro lavoro che egli sappia fare meglio di quello lasciato forzosamente adesso. Coraggio, collega, più che la direzione ti mancherà lo stipendio.

 

Condividi questo articolo

media e tv

FLASH! PIU’ CHE IN LIST, IN BLACKLIST. DA GIORNI IL DUO RONZULLI-FASCINA È AL LAVORO PER FARE FUORI ANNAELSA TARTAGLIONE, UN TEMPO PUPILLA DEL CAV, ALLA RICERCA SPASMODICA DI UN POSTO IN LISTA - SEMBRA CHE LA FASCINA NON GRADISCA LE SUE MISE TROPPO PROVOCANTI. STESSA SORTE PER DEBORAH BERGAMINI: NESSUNO HA DIMENTICATO LE SUE TRATTATIVE CON RENZI PER ENTRARE IN ITALIA VIVA E, SOPRATTUTTO, I GIUDIZI SPREZZANTI SU MARTA FASCINA APPENA ENTRATA IN PARLAMENTO. NEANCHE TAJANI RIUSCIRÀ A SALVARLA QUESTA VOLTA…

politica

“A GIORGIA MELONI DICO: INIZI DAL TOGLIERE LA FIAMMA DAL LOGO DEL PARTITO” – ANCHE LILIANA SEGRE CHIEDE ALLA “DUCETTA” DI CAMBIARE IL SIMBOLO PER NON ESSERE ASSIMILABILE IN QUALCHE MODO AL FASCISMO: “LE PAROLE NON MI COLPISCONO PIÙ DI TANTO, DEVONO ESSERE ACCOMPAGNATE DA FATTI CONCRETI” – LA REPLICA DI LA RUSSA: “CON TUTTO IL RISPETTO PER LA SENATRICE, CHE STIMO, RICORDO CHE LA FIAMMA NON È ASSIMILABILE AL FASCISMO E CHE SUO MARITO, CHE HO CONOSCIUTO E APPREZZATO, SI CANDIDÒ CON ALMIRANTE

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute