“JERRY LEE LEWIS ERA IL MIO DIO SULLA TERRA” – BOBBY SOLO RICORDA IL GRANDE PIONIERE DEL ROCK N’ROLL, SCOMPARSO IERI A 87 ANNI: “LA SUA GRANDEZZA FU QUELLA DI UNIRE DUE STILI PIANISTICI DIVERSI. DA UN LATO QUELLO BAROCCO DEL LEGGENDARIO LIBERACE. DALL'ALTRO QUELLO DI PROFESSOR LONGHAIR” – “PURTROPPO NON LO INCONTRAI MAI, PERÒ UNA QUINDICINA D'ANNI FA MI CAPITÒ DI CONDIVIDERE IL PALCO E IL MICROFONO CON SUA SORELLA, LINDA GAIL LEWIS, IN UN FESTIVAL A MONTECARLO. DOPO L'ESIBIZIONE MI FECE I COMPLIMENTI…”

-

Condividi questo articolo


 

 

 

jerry lee lewis 8 jerry lee lewis 8

M. Mar. per “il Messaggero”

 

«Sono in studio a incidere una nuova canzone. Che succede?», dice al telefono Bobby Solo. È appena uscita la notizia della morte di Jerry Lee Lewis. […]

 

«Era il mio dio sulla terra. Sono dispiaciuto», dice. […] «Da ragazzino rimasi affascinato da quello stile. Non sapevo come definirlo. Crescendo cominciai a pensare che probabilmente la grandezza di Jerry Lee Lewis fu quella di unire due stili pianistici diversi.

 

bobby solo bobby solo

 

Da un lato quello barocco del leggendario Liberace, che si esibiva con un incantevole piano bianco a coda. Dall'altro quello di Professor Longhair, partito da New Orleans alla conquista degli Stati Uniti con quel mix di blues e boogie-woogie e quello stile saltellante […]

 

«Purtroppo non lo incontrai mai, però una quindicina d'anni fa mi capitò di condividere il palco e il microfono con sua sorella, Linda Gail Lewis, in un festival a Montecarlo. Dopo l'esibizione mi fece i complimenti: Che bella voce hai. Fu un onore».

 

 

Jerry Lee Lewis Jerry Lee Lewis

[…] «Jerry Lee Lewis era l'ultimo delle star del rock' n'roll lanciate da quel genio di Sam Phillips. Un rivoluzionario vero che definì il concetto di rock. Non ce ne sono più come lui. Con la sua morte se ne va un'epoca che non tornerà più. La musica di Jerry Lee Lewis e la sua vita, a pensarci bene, abbracciavano alcune delle grandi dicotomie degli Stati Uniti: su tutte l'interazione tra l'America bianca e quella nera, incarnata dalla sua musica. I suoi dischi erano uno specchio di quei tempi».

jerry lee lewis 7 jerry lee lewis 7 jerry lee lewis 10 jerry lee lewis 10 BOBBY SOLO LTTLE TONY BOBBY SOLO LTTLE TONY BOBBY SOLO BOBBY SOLO bobby solo bobby solo bobby solo bobby solo jerry lee lewis 4 jerry lee lewis 4 jerry lee lewis 12 jerry lee lewis 12 jerry lee lewis 3 jerry lee lewis 3 jerry lee lewis 6 jerry lee lewis 6 jerry lee lewis 9 jerry lee lewis 9

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

CAFONALISSIMO A MISURA DUOMO - PORTALUPPI CHIAMA, MILANO RISPONDE! IN CINQUECENTO SI SONO SCAPICOLLATI PER FESTEGGIARE L’USCITA DEL LIBRO ‘’PIERO PORTALUPPI’’, L’ARCHITETTO CHE HA CAMBIATO CON I SUOI LAVORI LA FACCIA DELLA CAPITALE LOMBARDA - IN CASA DEGLI ATELLANI, IL GIOIELLO RINASCIMENTALE TRASFORMATO UN SECOLO FA DA PORTALUPPI, PIERO MARANGHI, CURATORE DELL’OPERA, HA ACCOLTO GIBERTO ARRIVABENE E BIANCA D’AOSTA, TOMMASO SACCHI E CHIARA BAZOLI, NICOLA PORRO E STEFANO BARTEZZAGHI, VERONICA ETRO E MARCO BALICH, BARNABA FORNASETTI E MICHELA MORO…

viaggi

salute