“IL PADRE DI BATTISTI FACEVA PARTE DELLE CAMICIE NERE E FU PICCHIATO DAI PARTIGIANI DAVANTI A LUCIO” – DOPO LE RIVELAZIONI SUI SERVIZI SEGRETI CHE “ATTENZIONAVANO” IL CANTAUTORE PERCHÉ PRESUNTO FINANZIATORE DELL’ESTREMA DESTRA EMERGONO NUOVI DETTAGLI SULLA SUA STORIA POLITICA – IL COMMENTO EPICO DI MARCO RIZZO: “ERAVAMO COMUNISTI TRINARICIUTI MA BATTISTI PIACEVA ANCHE A NOI”

-

Condividi questo articolo

 

1 – "LUCIO BATTISTI ERA SORVEGLIATO DAI SERVIZI SEGRETI AMERICANI E ITALIANI: SOSPETTAVANO CHE FINANZIASSE L'ESTREMA DESTRA”

https://www.dagospia.com/rubrica-29/cronache/boschi-braccia-tese-quot-lucio-battisti-era-sorvegliato-servizi-253664.htm

lucio battisti lucio battisti

 

2 – NEL "CASO BATTISTI" SPUNTANO I PARTIGIANI CHE AVREBBERO PICCHIATO SUO PAPÀ ALFIERO

Paolo Giordano per “il Giornale”

 

E figurarsi se finiva lì. Ieri è stato rivelato che negli anni Settanta le «veline» dei servizi segreti «attenzionavano» Lucio Battisti, come presunto finanziatore dell'estrema destra. Un ricorso della storia che saltuariamente torna a galla. Ma stavolta lo fa con più virulenza del solito, a dimostrazione che certe leggende non passano mai di moda.

 

alfiero battisti 2 alfiero battisti 2

Insomma, ieri sul «caso Battisti» hanno parlato in tantissimi, da Gasparri a Red Ronnie fino a Maurizio Vandelli della Equipe 84 e alla per fortuna ristabilita dopo il Covid Iva Zanicchi che ha chiarito alla propria maniera: «Lucio Battisti sovvenzionava l'estrema destra? Lo escludo al mille per mille, ci metto la mano sul fuoco. È solo un voler mettere delle ombre su un uomo meraviglioso, uni dei più grandi artisti che abbiamo avuto, vergogna!».

lucio battisti lucio battisti

 

Anche Mogol, uno che diciamo Battisti lo conosceva bene, l'altro ieri aveva negato categoricamente. Uno dei commenti forse più autorevoli è quello dell'ex ministro dell'Interno Roberto Maroni (che aveva accesso ai documenti dei servizi segreti): «Che fosse sotto il controllo dei servizi non è solo possibile, ma direi certo. Ma sono altrettanto certo che quel genio che era Battisti, non si sarebbe fatto mai coinvolgere in cose eversive».

 

gianni morandi e lucio battisti gianni morandi e lucio battisti

E poi ha aggiunto: «In quegli anni si facevano dossier su tutti, li facevano i servizi regolari. Quando nel '94 ho aperto quei faldoni c'era di tutto, tanti nomi anche di personaggi noti».

 

paolo cento paolo cento

Però che Battisti fosse un'icona non molto amata dalla sinistra più militante si legge tra le righe della dichiarazione di Paolo Cento, ex deputato dei Verdi e dell'Ulivo: «A sinistra, Lucio Battisti è stato sempre considerato un artista di destra al punto che molti non lo ascoltavano neanche». Capito quale fosse l'atmosfera per un artista che, oltretutto, non aveva mai (mai) né fatto né cantato dichiarazioni politiche?

 

marco rizzo marco rizzo

Più autoironico il segretario del Partito Comunista, Marco Rizzo: «Eravamo comunisti trinariciuti ma Battisti piaceva anche a noi». Insomma, la riproposizione di una querelle da anni '70 e '80 che non accenna a placarsi.

mogol lucio battisti mogol lucio battisti

 

Chi ha portato (presunte) novità è stato Roberto Pambianchi, ex Sismi e ora musicista: «Il padre di Battisti faceva parte delle Camice Nere e negli anni subito successivi alla guerra fu picchiato dai partigiani proprio davanti a Lucio che avrà avuto all'incirca cinque anni. E ne fu scosso.

 

roberto pambianchi roberto pambianchi

Fu questo che lo portò ad avere una certa antipatia verso il colore rosso che gli ricordava bandiere e magliette rosse che correvano appresso al padre. Alfiero, il papà di Lucio, mi disse proprio che, al di là di questo fatto emozionale, a Lucio la politica in se stessa non interessava».

 

Invece il saggista Adalberto Baldoni, classe 1932, ex segretario di Giovane Italia, ha negato che Battisti finanziasse la destra anche se «era un simpatizzante della Giovane Italia, ma non era un attivista, non frequentava e non ha mai avuto la tessera».

 

alfiero battisti alfiero battisti

In sostanza Lucio Battisti aveva le proprie idee ma non si è mai sognato di esporle pubblicamente oppure di finanziare attività politiche o sovversive. Come scrive Mario Landolfi sul Secolo d'Italia, «lasciateci cullare nell'illusione che Lucio fosse uno di noi». Comunque se ne parlerà ancora per tanto tempo a venire. Senza che Battisti possa confermare o smentire...

adalberto baldoni adalberto baldoni i camaleonti, lucio battisti, loretta goggi e patty pravo i camaleonti, lucio battisti, loretta goggi e patty pravo LUCIO BATTISTI LUCIO BATTISTI lucio battisti dori ghezzi lucio battisti dori ghezzi lucio battisti 5 lucio battisti 5 battisti 2 battisti 2 lucio battisti 3 lucio battisti 3 lucio battisti 6 lucio battisti 6 lucio battisti e la moglie grazia letizia veronese 7 lucio battisti e la moglie grazia letizia veronese 7 lucio battisti lucio battisti gianni morandi mogol pupo gianni morandi mogol pupo lucio battisti e la moglie grazia letizia veronese 2 lucio battisti e la moglie grazia letizia veronese 2 lucio battisti e la moglie grazia letizia veronese 4 lucio battisti e la moglie grazia letizia veronese 4 lucio battisti e la moglie grazia letizia veronese 5 lucio battisti e la moglie grazia letizia veronese 5 lucio battisti e la moglie grazia letizia veronese 6 lucio battisti e la moglie grazia letizia veronese 6 LUCIO BATTISTI LUCIO BATTISTI reparto torneria del galilei lucio battisti (ultimo a destra) reparto torneria del galilei lucio battisti (ultimo a destra) lucio battisti mogol lucio battisti mogol mario landolfi mario landolfi lucio battisti 2 lucio battisti 2 lucio battisti 5 lucio battisti 5 roberto pambianchi 3 roberto pambianchi 3

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

UNICREDIT, UNICAOS - TOH, VUOI VEDERE CHE PIERCARLETTO PADOAN, NON ANCORA PRESIDENTE IN CARICA DI UNICREDIT, RISCHIA UNA BRUTTA SCONFITTA? LA CANDIDATURA CHE STA PRENDENDO VELOCITÀ IN QUESTE ORE, PER OCCUPARE IL POSTO DEL DIMISSIONARIO MUSTIER, È QUELLA DI ANDREA ORCEL CHE È SUPPORTATA PRINCIPALMENTE DA DEL VECCHIO, CARIVERONA E CASSA RISPARMIO TORINO. SÌ, PROPRIO I TRE AZIONISTI DI UNICREDIT CHE SI SONO MESSI DI TRAVERSO ALLA FUSIONE CON MONTE DEI PASCHI DI SIENA, CHE E' IL MOTIVO PER CUI IL PD AVEVA SPEDITO A PIAZZA GAE AULENTI PADOAN…

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

L’ITALIA ALLA GUERRA DEL VACCINO – LA TAKIS È SALITA ALL’ATTENZIONE DEI MEDIA PERCHÉ STA LAVORANDO ALLA REALIZZAZIONE DI UN VACCINO ANTICOVID DI TIPO GENETICO E CIOÈ QUELLO CHE È PIÙ PROIETTATO AL FUTURO E PIÙ PROMETTENTE DAL PUNTO DI VISTA DELL’OBIETTIVO DELLA MEDICINA PERSONALIZZATA. MA MENTRE PER LA ITALO-SVIZZERA REITHERA SI ORGANIZZA UNA CAMPAGNA MEDIATICA PAZZESCA E SI REGALANO TANTI MILIONI, PERCHÉ L’ITALIANISSIMA TAKIS NON VEDE IL BECCO DI UN QUATTRINO E RESTA NELL’ANONIMATO?