MA CELENTANO CI E’ O CI FA? “HO SABOTATO L'AUDIENCE DI CANALE 5 DICENDO SOLO 13 PAROLE E LO FARÒ ANCORA FINO A CHE RESTERA’ UN SOLO SPETTATORE” – IL “MOLLE-AGIATO” DOPO LE CRITICHE E LA PRESA DI DISTANZA DALL'OPERAZIONE ‘ADRIAN’ DEL DISEGNATORE MILO MANARA, SI CONFESSA CON FRASSICA E POI CANTA “PREGHERO’” – IL MONOLOGO DI ILENIA PASTORELLI SULLE MOLESTIE - GIOVANNI STORTI, DEL TRIO ALDO, GIOVANNI E GIACOMO, PARAGONA GLI SGOMBERI DEI MIGRANTI ALLE DEPORTAZIONI NAZISTE - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Da www.ilmessaggero.it

celentano celentano

 

«Confesso di aver sabotato coscientemente l'audience di Canale 5, dicendo solo 13 parole. E lo farò ancora per altre sei puntate, fino a che non resterà un solo ascoltatore: lui salverà il mondo». Frassica lo assolve e per penitenza gli fa cantare una canzone "Pregherò per te".

 

 

 

Dopo le critiche e le stroncature, dopo la presa di distanza dall'operazione del disegnatore Milo Manara, Adriano Celentano prova a invertire la china del suo programma Adrian e nell'anteprima dopo le 13 parole pronunciate nei primi due appuntamenti, va al confessionale di Don Nino Frassica e confessa. Quindi prende la strada più attesa: canta due canzoni. Un rock'n'roll e la mitica "Pregherò per te".

 

celentano celentano

Protagonista anche Ilenia Pastorelli che fa un monologo sulle molestie sessuali e violenza sulle donne dal titolo "Te la sei cercata".

 

2 - "I PULLMAN DI MIGRANTI COME I TRENI PER GLI EBREI". LO SHOW DI CELENTANO NELLA BUFERA

Anna Rossi per www.ilgiornale.it

 

Prima si è confessato (ancora) con "padre" Nino Frassica ("Padre mi perdoni, ho peccato. Ho fatto peggio di una settimana fa, padre. Confesso di aver scientemente sabotato gli ascolti di Canale 5 non apparendo, non cantando mai e pronunciando solo tredici parole"), poi è salito sul palco intonando Pregherò e Hot Dog Buddy Buddy Rock around the clock. Il cantante ha letteralmente fatto impazzire il suo pubblico e qualcuno gli ha pure urlato "Adriano ti amo quanto amo mia moglie".

 

Ma se l'apparizione di Adriano Celentano ha entusiasmato il teatro Camploy di Verona e i telespettatori, la performance di Giovanni Storti del trio di Aldo, Giovanni e Giacomo e di Natalino Balasso ha suscitato qualche polemica. Come le scorse puntate, infatti, i due comici hanno lanciato qualche frecciatina (neanche troppo velata) al governo giallo verde. Così, mentre parlando uno con l'altro si chiamavano quota 100 e reddito di cittadinanza, sono partiti all'attacco del dl Sicurezza e Immigrazione. In un passaggio del suo monologo, infatti, Giovanni Storti paragona gli sgomberi dei migranti alle deportazioni naziste: "Quei pullman (di immigrati) mi fanno pensare ai treni di diversi anni fa. Hanno istituito il giorno della Memoria ma perché bisogna ricordare quei fatti così terribili?".

 

Ma questo paragone è stato piuttosto azzardato, tanto che in rete gli utenti non l'hanno presa troppo bene. "Giusto condannare quello che è stato fatto agli ebrei, ma non è giusto paragonarlo a quello che succede agli immigrati in Italia", scrive un utente su Twitter. E un altro aggiunge: "Non trovo il nesso tra la Shoah e il blocco dell'immigrazione clandestina. Spiegatemelo". I commenti di questo genere sono parecchi. E sui social il popolo del web ha alzato la voce.

ADRIAN CELENTANO LA GRAFICA ADRIAN CELENTANO LA GRAFICA ADRIAN CELENTANO LA GRAFICA ADRIAN CELENTANO LA GRAFICA PASTORELLI PASTORELLI ADRIAN CELENTANO LA GRAFICA ADRIAN CELENTANO LA GRAFICA

celentano celentano adrian adrian celentano celentano

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - E DIVORZIO FU! CON UN ACCORDO SULLA PROPRIETÀ DI UNA VILLA A FIESOLE, OMOLOGATO DALLA PROCURA DI FIRENZE QUESTA MATTINA, È SCESO DEFINITIVAMENTE IL SIPARIO: FRANCESCA PASCALE E PAOLA TURCI HANNO SCIOLTO LA LORO UNIONE CIVILE - ORA GLI ATTI DEL DIVORZIO VERRANNO TRASFERITI AL COMUNE DI MONTALCINO, DOVE, APPENA DUE ANNI FA. FU CELEBRATO IL “MATRIMONIO” DELL'EX FIRST LADY DEL BERLUSCONISMO CON LA CANTAUTRICE

2. PURTROPPO, ANCHE I MIRACOLI LESBO SONO COME QUELLI ETERO: NON DURANO. FINITA L’INIZIALE PASSIONE, DA ALMENO UN ANNO L’ALCHIMIA EROTICA TRA PAOLA E FRANCESCA ERA ALLA DERIVA CON L’ENTOURAGE DELLA COPPIA CHE SUSSURRAVA DI “CADUTA DEL DESIDERIO”, “CRISI”, “SCAZZI”, “ALLONTANAMENTI”, LITIGI E RIPICCHE. QUESTA MATTINA, L’ULTIMO ATTO…

DAGOREPORT - "BENVENUTI A PAMPLONA, TURISTI DEL CAZZO"! - CRONACHE DALLA FOLLE FESTA DI SAN FERMIN, DOVE ALLE 8 DI MATTINA MIGLIAIA DI PERSONE SCAPPANO PER QUASI UN CHILOMETRO SPERANDO DI NON FARSI INCORNARE DAI TORI: NON TUTTE CI SONO RIUSCITE, DAL 1910 IL BILANCIO DELLE VITTIME E' DI 16 PERSONE - L'ARRIVO DEI BESTIONI NELL'ARENA GREMITA DI GENTE UBRIACA CHE CANTA I RICCHI E POVERI. LE NOTTI A LUCI ROSSE DEI TURISTI AMERICANI. LA FINALE DEGLI EUROPEI IGNORATA COMPLETAMENTE ("GLI SPAGNOLI? DEI FIGLI DI PUTTANA") - VIDEO

DAGOREPORT - LA DISAVVENTURA CHE VIDE GIANNI AGNELLI E IL PLAYBOY GIGI RIZZI FINIRE PER TRE GIORNI IN UNA GALERA FRANCESE - UNA BOMBASTICA STORIA RACCONTATA DA UN EX DIRIGENTE FIAT CHE, VA AMMESSO, NON È SOSTENUTA DA UN DOCUMENTO O INDISCREZIONI GOSSIP - IL FATTACCIO AVVENNE NEL1969 A CAP FERRAT: LA TRUPPA SBRONZA E SU DI GIRI CAPITANATA DA GIGI RIZZI, RINFORZATA DALLA PRESENZA CHIC DELL’AVVOCATO, MISE SOTTOSOPRA UN NIGHT CLUB. CI VOLLE L'INTERVENTO DELLA POLIZIA PER FRENARE LA BABILONIA DEGLI "ITALIENS” - RIZZI E AGNELLI FURONO BECCATI IN POSSESSO DI DOSI DI COCAINA E FINIRONO IN GATTABUIA...

DAGOREPORT – ANCHE ROBERTA METSOLA VA IN PRESSING SU GIORGIA MELONI: LA PRESIDENTE DEL PARLAMENTO EUROPEO, RIELETTA CON UNA MAGGIORANZA RECORD DI 562 VOTI, COMPRESI QUELLI DI ECR, OGGI TELEFONERÀ ALLA DUCETTA PER CONVINCERLA A SMETTERLA DI NICCHIARE E APPOGGIARE APERTAMENTE URSULA VON DER LEYEN – LA DUCETTA È CONSAPEVOLE DELL’IMPORTANZA DI NON AUTOESCLUDERSI, MA È TERRORIZZATA DI PERDERE ECR, DALLA REAZIONE DI SALVINI PRONTO A URLARE ALL’INCIUCIO CON I SOCIALISTI E DALLO ZOCCOLO POST-FASCIO DEL SUO ELETTORATO, DA SEMPRE EURO-SCETTICO – BIDEN O TRUMP? CHIUNQUE VINCA, PER L’UE È FINITA LA PACCHIA DELLA SICUREZZA MILITARE PAGATA DAGLI USA...

DAGOREPORT – LA RESA DEI CONTI TRA BIDEN E OBAMA ARRIVERÀ A FINE LUGLIO, QUANDO SI TIRERANNO LE SOMME SULLA PENURIA DI DONAZIONI: ANCHE UN EVENTUALE SUCCESSO IN POLITICA INTERNAZIONALE (LA TREGUA A GAZA) RISCHIA DI NON ESSERE RISOLUTIVO PER “SLEEPY JOE” – I SONDAGGI CONTINUANO A FOTOGRAFARE UN TESTA A TESTA CON TRUMP: L’ATTENTATO AL TYCOON NON HA SMOSSO TROPPI CONSENSI. ORMAI L’AMERICA, SEMPRE PIÙ POLARIZZATA, RAGIONA SU ALTRI SCHEMI - IN UN PAESE CON 330 MILIONI DI ABITANTI E 450 MILIONI DI ARMI PUO' SUCCEDERE DI TUTTO…