MA CELENTANO CI E’ O CI FA? “HO SABOTATO L'AUDIENCE DI CANALE 5 DICENDO SOLO 13 PAROLE E LO FARÒ ANCORA FINO A CHE RESTERA’ UN SOLO SPETTATORE” – IL “MOLLE-AGIATO” DOPO LE CRITICHE E LA PRESA DI DISTANZA DALL'OPERAZIONE ‘ADRIAN’ DEL DISEGNATORE MILO MANARA, SI CONFESSA CON FRASSICA E POI CANTA “PREGHERO’” – IL MONOLOGO DI ILENIA PASTORELLI SULLE MOLESTIE - GIOVANNI STORTI, DEL TRIO ALDO, GIOVANNI E GIACOMO, PARAGONA GLI SGOMBERI DEI MIGRANTI ALLE DEPORTAZIONI NAZISTE - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Da www.ilmessaggero.it

celentano celentano

 

«Confesso di aver sabotato coscientemente l'audience di Canale 5, dicendo solo 13 parole. E lo farò ancora per altre sei puntate, fino a che non resterà un solo ascoltatore: lui salverà il mondo». Frassica lo assolve e per penitenza gli fa cantare una canzone "Pregherò per te".

 

 

 

Dopo le critiche e le stroncature, dopo la presa di distanza dall'operazione del disegnatore Milo Manara, Adriano Celentano prova a invertire la china del suo programma Adrian e nell'anteprima dopo le 13 parole pronunciate nei primi due appuntamenti, va al confessionale di Don Nino Frassica e confessa. Quindi prende la strada più attesa: canta due canzoni. Un rock'n'roll e la mitica "Pregherò per te".

 

celentano celentano

Protagonista anche Ilenia Pastorelli che fa un monologo sulle molestie sessuali e violenza sulle donne dal titolo "Te la sei cercata".

 

2 - "I PULLMAN DI MIGRANTI COME I TRENI PER GLI EBREI". LO SHOW DI CELENTANO NELLA BUFERA

Anna Rossi per www.ilgiornale.it

 

Prima si è confessato (ancora) con "padre" Nino Frassica ("Padre mi perdoni, ho peccato. Ho fatto peggio di una settimana fa, padre. Confesso di aver scientemente sabotato gli ascolti di Canale 5 non apparendo, non cantando mai e pronunciando solo tredici parole"), poi è salito sul palco intonando Pregherò e Hot Dog Buddy Buddy Rock around the clock. Il cantante ha letteralmente fatto impazzire il suo pubblico e qualcuno gli ha pure urlato "Adriano ti amo quanto amo mia moglie".

 

Ma se l'apparizione di Adriano Celentano ha entusiasmato il teatro Camploy di Verona e i telespettatori, la performance di Giovanni Storti del trio di Aldo, Giovanni e Giacomo e di Natalino Balasso ha suscitato qualche polemica. Come le scorse puntate, infatti, i due comici hanno lanciato qualche frecciatina (neanche troppo velata) al governo giallo verde. Così, mentre parlando uno con l'altro si chiamavano quota 100 e reddito di cittadinanza, sono partiti all'attacco del dl Sicurezza e Immigrazione. In un passaggio del suo monologo, infatti, Giovanni Storti paragona gli sgomberi dei migranti alle deportazioni naziste: "Quei pullman (di immigrati) mi fanno pensare ai treni di diversi anni fa. Hanno istituito il giorno della Memoria ma perché bisogna ricordare quei fatti così terribili?".

 

Ma questo paragone è stato piuttosto azzardato, tanto che in rete gli utenti non l'hanno presa troppo bene. "Giusto condannare quello che è stato fatto agli ebrei, ma non è giusto paragonarlo a quello che succede agli immigrati in Italia", scrive un utente su Twitter. E un altro aggiunge: "Non trovo il nesso tra la Shoah e il blocco dell'immigrazione clandestina. Spiegatemelo". I commenti di questo genere sono parecchi. E sui social il popolo del web ha alzato la voce.

ADRIAN CELENTANO LA GRAFICA ADRIAN CELENTANO LA GRAFICA ADRIAN CELENTANO LA GRAFICA ADRIAN CELENTANO LA GRAFICA PASTORELLI PASTORELLI ADRIAN CELENTANO LA GRAFICA ADRIAN CELENTANO LA GRAFICA

celentano celentano adrian adrian celentano celentano

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute