1. FERMI TUTTI! MO' SO KAZAN NOSTRI! LA RUSSIA DI PUTIN HA PRESENTATO IL SUO SOTTOMARINO PIU' POTENTE, KAZAN PROJECT 885M, IN GRADO DI COLPIRE A 2500 CHILOMETRI DI DISTANZA
2. IN PRATICA SE GLI GIRANO LE MATRIOSKE, ZAR VLADIMIR PUO' COLPIRE LA EAST COAST AMERICANA DAL BEL MEZZO DELL'ATLANTICO SENZA CHE NESSUNO SE NE ACCORGA

Condividi questo articolo


sottomarino project 885m sottomarino project 885m

Gareth Davies per ‘Mail On Line’

 

La Russia ha presentato il suo sottomarino più potente, in grado di lanciare missili contro obiettivi a 2500 chilometri di distanza. In pratica può colpire la East Coast americana dal bel mezzo dell’Atlantico.

 

Il Kazan, il secondo di classe Yasen aggiornato al progetto 885m, è stato messo in acqua presso il costruttore Sevmash nel nord-ovest della Russia. La lavorazione era cominciata nel 2009. E’ lungo 139 metri, ha un equipaggio di 90 uomini e sarà in servizio dal 2018. Entro il 2023 ce ne saranno sette in servizio.

 

varo sevmash varo sevmash

La marina russa è attualmente dotata di un sommergibile di classe Yasen, il Severodvinsk, dislocamento sommerso di 13.800 tonnellate, una lunghezza di 119 metri, può viaggiare fino a 31 nodi, e immergersi fino a 600 metri.

il sottomarino russo lungo 139 metri il sottomarino russo lungo 139 metri cerimonia project 885m cerimonia project 885m il sottomarino russo piu potente il sottomarino russo piu potente kazan benedizione kazan benedizione il sottomarino russo carica tonnellate di missili il sottomarino russo carica tonnellate di missili

 

sottomarino della russia sottomarino della russia sottomarino russo guerra fredda sottomarino russo guerra fredda

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH – IL VERO GRANDE SCONFITTO DELLE AMMINISTRATIVE È…GENNARO SANGIULIANO! EIKE SCHMIDT, A FIRENZE, E FABIO ROMITO A BARI, SONO STATI CANDIDATI, SPONSORIZZATI E SOSTENUTI STRENUAMENTE DA “GENNY”. LA DISCESA IN CAMPO DEL CRUCCO È STATO UNA SUA IDEA, INSIEME A QUEL FENOMENO DI DONZELLI - NELLA CITTÀ PUGLIESE, AVEVA ADDIRITTURA PROMESSO CHE SAREBBE DIVENTATO ASSESSORE IN CASO DI VITTORIA DI ROMITO. ED È ANDATO PIÙ VOLTE SIA A BARI CHE A FIRENZE. RISULTATO? HANNO PERSO MALAMENTE ENTRAMBI…

DAGOREPORT – GRANDE È LA CONFUSIONE SOTTO IL CIELO DI BRUXELLES: O IL QUINTETTO AL COMANDO, FORMATO DA MACRON, SCHOLZ, TUSK, SANCHEZ E MITSOTAKIS, TROVA UN ACCORDO IL 28 GIUGNO O SALTA TUTTO - IL BALLO DI SAN VITO SI GIOCA SUL NOME DI URSULA VON DER LEYEN. INVISA A UNA PARTE DEL PPE, CORRE IL RISCHIO DI ESSERE AFFONDATA DAL VOTO SEGRETO DEL PARLAMENTO - URGE AGGIUNGERE UN POSTO A TAVOLA. E QUI IL PPE SI SPACCA: ALLA CORRENTE DI WEBER, CHE VORREBBE IMBARCARE IL GRUPPO ECR GUIDATO DALLA REGINA DI COATTONIA, SI CONTRAPPONE LA CORRENTE DI TUSK. IL LEADER POLACCO CONTA IL MAGGIOR NUMERO DI PARLAMENTARI NEL PPE E ACCETTEREBBE SOLO I FRATELLI D’ITALIA. E PER MAGGIOR TRANQUILLITÀ, ANCHE I VOTI DEI VERDI, MA GIORGIONA NON CI STA - IL GUAZZABUGLIO SI INGROSSERÀ DOMANI, LUNEDÌ, CON L’INCONTRO DI UN IMBUFALITO ORBAN CON LA DUCETTA, REA DI AVER ARRUOLATO I RUMENI ANTI UNGHERESI DI AUR, E PRONTO A SALIRE SUL CARRO DI MARINE LE PEN - ALLA EVITA PERON DELLA GARBATELLA, CHE RISCHIA L’IRRILEVANZA POLITICA NELL’UNIONE EUROPEA, NON RESTA ALTRO CHE FAR SALTARE IL BANCO DEL 28 GIUGNO…