PANICO ESTIVO A COLOGNO: UN DOSSIER RISERVATO PARLA DI DATI POCO LUSINGHIERI PER LE RADIO MEDIASET - PIERSILVIO HA SPESO 155 MILIONI IN DUE ANNI PER R101, 105, VIRGIN E SUBASIO, SCONVOLGENDO IL MERCATO DELLA PUBBLICITA’ IN RADIO E FACENDO INCAZZARE I CONCORRENTI. CHE ORA GONGOLANO PER GLI ULTIMI RISULTATI DI ASCOLTO…

-

Condividi questo articolo


pier silvio berlusoconi e paolo salvaderi radio mediaset pier silvio berlusoconi e paolo salvaderi radio mediaset

DAGONEWS

 

Panico estivo a Cologno Monzese: c'è un dossier che in queste ore preoccupa non poco i colonnelli di Mediaset. Un report riservatissimo che dalle parti del Biscione è pericoloso anche soltanto nominare.

 

Pier Silvio Berlusconi, amministratore delegato dell'azienda, e Paolo Salvaderi, ceo delle radio del gruppo, hanno ricevuto nei giorni scorsi i dati inviati esclusivamente agli editori radiofonici - e, quindi, non ancora pubblicabili - in cui verrebbe dimostrato che la potente e milionaria campagna acquisti degli ultimi mesi (l'azienda ha speso 155 milioni in due anni per comprare R101, 105, Virgin e, ultima arrivata, Subasio) e l'altrettanto massiccia operazione pubblicitaria e promozionale (un battage continuo, sia in tv sia sulla carta stampata) potrebbero non essere state premiate dagli ascolti. Anzi: in base ai primi dati del 2017, le radio Mediaset non avrebbero raggiunto i risultati sperati, a dispetto dei proclami dell'azienda.

pier silvio berlusconi radio mediaset pier silvio berlusconi radio mediaset

 

Per metà settembre sono attese le stime ufficiali, ma già si mormora che Berlusconi e Salvaderi, dopo aver letto quelle arrivate sulla loro scrivania una settimana fa, sarebbero furenti. C'è addirittura chi dice che sarebbero pronti a prendere carta e penna per impedire in tutti modi e con tutti i mezzi la diffusione di quei numeri riservati che, secondo Mediaset, sarebbero troppo poco attendibili, per non dire infelici e ingenerosi, nei confronti del Biscione.

 

Finora però gli unici a lamentarsi di quel report privatissimo sarebbero stati i dirigenti del gigante di Cologno. Il motivo? Temono di veder vanificati i loro massicci investimenti. In azienda il clima è rovente. Del resto, le somme fatte spendere finora a Pier Silvio Berlusconi sono ingenti. I risultati, invece, faticano ad arrivare.

 

paolo salvaderi, pier silvio berlusconi, alberto hazan paolo salvaderi, pier silvio berlusconi, alberto hazan

Per non parlare dei malumori prepotenti di tutta la galassia radiofonica italiana: l'entrata nel mercato di Mediaset ha viziato il settore pubblicitario, esponendo il Biscione alla lente di ingrandimento di Agcom e Antitrust. Il tutto a pochi mesi dalle elezioni politiche. Un nuovo conflitto di interessi di Re Silvio? Stavolta, però, a metterci la faccia sembra essere suo figlio Piersilvio…

CONFALONIERI PIERSILVIO BERLUSCONI CONFALONIERI PIERSILVIO BERLUSCONI marina berlusconi piersilvio e silvio marina berlusconi piersilvio e silvio piersilvio berlusconi piersilvio berlusconi

 

Condividi questo articolo

media e tv

PILLOLE DI GOSSIP – A "BALLANDO" APPRODA IL NUOTATORE ALEX DI GIORGIO: IL SUO PARTNER SARA’ UN ALTRO UOMO CHE DA POCO HA SCOPERTO LA SUA FLUIDITA’ – DOPO QUELLI DI TOTTI FINISCHE ANCHE L’AMORE DI ROVAZZI – LA FURIA DI LUCA ARGENTERO CONTRO I PAPARAZZI: ECCO IL MOTIVO – VICTORIA BECKHAM AI FERRI CORTI CON LA NUORA NICOLA PELTZ, MOGLIE DI SUO FIGLIO BROOKLYN - IL BOTTA E RISPOSTA TRA TOMMASO ZORZI E SALVINI - CHI E’ L’ UOMO DI POTERE MOLTO VISTA IN MILANO CHE AMA TRASTULLARSI CON EFE BAL?

politica

business

L'OCCIDENTE CERCA UN TESORO TRA I GHIACCI PER NON DIVENTARE SCHIAVO DELLA CINA – UN GRUPPO DI MILIARDARI, TRA CUI JEFF BEZOS, BILL GATES E MICHAEL BLOOMBERG, HA FINANZIATO UNA COSTOSISSIMA MISSIONE DI SCIENZIATI IN GROENLANDIA PER TROVARE NUOVI GIACIMENTI DI MINERALI RARI – UN TENTATIVO PER CONTRASTARE LA CINA, CHE DA TEMPO SI È PRESA TUTTA L'AFRICA CON LE SUE STERMINATE MINIERE DI COBALTO E NICHEL E, CON IL MONOPOLIO DELLE TERRE RARE, HA LANCIATO UN'OPA SUL FUTURO ENERGETICO E TECNOLOGICO DEL PIANETA...

cronache

sport

"ARRIVAVANO MIGLIAIA DI LETTERE DALLE FAN. CI RITROVAMMO CON UNA SPECIE DI MUSEO IN CASA: TRECCE, CIOCCHE DI CAPELLI, BIANCHERIA INTIMA, FOTO, ANELLI" - AMORI E BOLLORI DI "BELL'ANTONIO" CABRINI: "HO AVUTO UN FLIRT CON IRIS PEYNANDO, LA BELLISSIMA ATTRICE DI 'NON CI RESTA CHE PIANGERE'. INVECE SONIA BRAGA, CHE ALL'EPOCA ERA LA DONNA DI ROBERT REDFORD, ME LA PRESENTÒ GIANNI MINÀ, A NEW YORK, NEL CORSO DI UNA FESTA. MA NON È CHE IO ABBIA AVUTO MILIONI DI AMORI, EH" - IL RICORDO DEL MONDIALE: "IO E PAOLO ROSSI ERAVAMO IN STANZA INSIEME. E TARDELLI VENIVA A ROMPERCI LE BALLE, COME FACEVA CON TUTTI. E ALLORA BEARZOT OGNI TANTO VENIVA IN CAMERA E..."

cafonal

viaggi

salute