1. PAPA FRANCESCO HA GIÀ FATTO IL PRIMO MIRACOLO: RESUSCITARE LA STAMPA MONDIALE! 2. L’USCITA DE “IL MIO PAPA” È SOLO L’ULTIMA PROVA DEL BOOM MEDIATICO CHE CIRCONDA BERGOGLIO DAL GIORNO DELL’ELEZIONE E PER TUTTO IL PRIMO ANNO DI PONTIFICATO 3. L’IMPENNATA DI RICHIESTE DEI VIDEO DI FRANCESCO HA AUMENTATO IL FATTURATO DEL CENTRO TELEVISIVO VATICANO DEL 40%, E PERMESSO DI INVESTIRE IN TELECAMERE NUOVE 4. DAL MISSOURI A LONDRA, DA “AVVENIRE” A “FAMIGLIA CRISTIANA”, TUTTI I MEDIA CATTOLICI HANNO AUMENTATO COPIE, CONTATTI, ABBONAMENTI GRAZIE AL “FRANCIS EFFECT” 5. PERSINO “ROLLING STONE” CON BERGOGLIO IN COPERTINA HA VENDUTO PIÙ DEL SOLITO 6. CHIARAMENTE, IL BOTTO È SUI SOCIAL NETWORK. I COMMENTI POSITIVI SU TWITTER BATTONO I NEGATIVI 5 A 1. AI TEMPI DI RATZINGER, IL 70% DEI TWEET ERANO CONTRO IL PAPA

Condividi questo articolo


DAGOREPORT

PAPA FRANCESCO BERGOGLIOPAPA FRANCESCO BERGOGLIO

Papa Francesco ha già fatto il suo primo miracolo: resuscitare la stampa. Il "Wall Street Journal" fa una dettagliata panoramica del boom mediatico che ha accompagnato l'elezione e il primo anno di pontificato dell'argentino Jose Bergoglio. Dall'uscita de "Il mio Papa", il settimanale Mondadori che nel solo mese di marzo stamperà 3 milioni di copie, alle pubblicazioni cattoliche in America e Inghilterra, che hanno visto i loro budget crescere insieme all'interesse per il Pontefice.

Perfino la stampa laica ha beneficiato di questo successo popolare e ha dedicato centinaia di articoli al Papa: "Time", "Vanity Fair", "The Advocate", "Rolling Stone", che nel mese di gennaio ha venduto più copie del solito grazie a Bergoglio rockstar in copertina.

BERGOGLIO COPERTINA VANITY FAIRBERGOGLIO COPERTINA VANITY FAIR

L'"effetto Francesco" si è sentito soprattutto in casa: l'impennata di richieste dei video del pontefice ha permesso al Centro Televisivo Vaticano di aumentare il fatturato del 40% e di investire in telecamere più moderne e in una nuova control room da 1,8 milioni di euro. "Avvenire", "Famiglia Cristiana", "La Civiltà Cattolica", sono tra le pochisssime pubblicazioni in Italia ad aver visto un 2013 in crescita.

BERGOGLIO COPERTINA NEW YORKERBERGOGLIO COPERTINA NEW YORKER

Il professor Francesco Siliato del Politecnico di Milano riassume al "Wsj": "Giovanni Paolo II parlava ai media, Benedetto si rivolgeva alla Chiesa. Francesco punta direttamente alla gente comune".

Chiaramente, l' "effetto" si sente ancora di più sui social media. Le pagine Facebook che seguono l'attività del Papa hanno decuplicato i contatti, mentre i profili Twitter ufficiali sono stati inondati di commenti positivi (5 a 1 la proporzione con quelli negativi). Al confronto, durante l'ultimo anno di pontificato, il 70% dei tweet su Ratzinger era negativo...

 

BERGOGLIO COPERTINA ESQUIREBERGOGLIO COPERTINA ESQUIRE

 

 

BERGOGLIO COPERTINA HOLABERGOGLIO COPERTINA HOLA

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

ultimi Dagoreport

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA