PIERINO, CHE PESTE: RIUSCI' A FAR INCAZZARE ANCHE LA RAFFA! – "CON LA CARRA’ LITIGAMMO, PRESENTAVAMO INSIEME UNA SERATA. FECI MOLTE BATTUTE, USCII DAL SEMINATO. UNA SETTIMANA DOPO MI CHIAMÒ: "HO CAPITO PERCHÉ TI SEI COMPORTATO COSÌ. ERI PREOCCUPATO. IO LE RISPOSI…" – IL RICORDO DI CHIAMBRETTI: “RAFFAELLA ERA COME UN' AZIENDA DELL' ELETTRICITÀ: TRASMETTEVA ENERGIA” – VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Chiara Maffioletti per il "Corriere della Sera"

 

chiambretti carra 4 chiambretti carra 4

«Raffaella era come un' azienda dell' elettricità: trasmetteva energia». Il destino di Piero Chiambretti si è incrociato diverse volte con quello di Raffaella Carrà. Tutte memorabili. C' è il Sanremo che avrebbe dovuto condurre con lei, poi sfumato.

 

«E un altro dove non ci dovevo essere e invece sono diventato suo compagno di avventura. È successo nel suo Festival del 2001: ero stato invitato in giuria poi, con la complicità di Japino, mi ero inventato uno spazio in cui invitavo dei cantanti neomelodici per presentare - in contemporanea con il Festival di Raffaella - quello della canzone napoletana».

 

Davvero lei non lo sapeva?

«No, assolutamente. Ma dopo un primo sbandamento diventò un appuntamento fisso: venni annoverato tra i conduttori del Festival».

 

Quale era stata la reazione di Raffaella?

chiambretti carra 19 chiambretti carra 19

«Aveva reagito con le risate che la toglievano sempre dall' imbarazzo. Era una grande artista, si capiva che era nata per fare questo mestiere, non poteva fare altro. Aveva una tale passione che il lavoro non era mai un peso ma un piacere. Ci ho anche litigato...».

 

Quando?

«Abbiamo presentato una serata dei palinsesti Rai, a Cannes. Ero giovane e un po' esuberante e lì feci molte battute, uscii dal seminato. Ci fu un attimo di tensione ma una settimana dopo mi chiamò, dicendomi: "Ho capito perché ti sei comportato così: eri preoccupato". Le ho detto che era vero anche se non era così».

 

Non era dunque una persona che portava rancore?

carramba! che sorpresa 1 carramba! che sorpresa 1

«No, no, mai. In trent' anni ci ho lavorato alcune volte e tutte sono state magiche. Il nostro fil rouge era Boncompagni, con cui avevamo in comune una certa ironia. Ma la particolarità di Raffaella era l' energia incredibile».

 

In cosa si distingueva?

«Quando si diventa icone c' è una luce che è tipica. Lei è tra le poche persone che hanno navigato con grande successo 40-50 anni di storia dello spettacolo. La sua energia la trasmetteva non solo quando si esibiva: si poteva percepire quando incontrava la gente. La sua grandezza era di essere sempre sé stessa».

 

Che effetto le ha fatto sapere della malattia?

«È stata una triste sorpresa che ci ha lasciati sconcertati: il non parlare del suo male dimostra, come si è detto, l' affetto per il suo pubblico che non voleva vedere soffrire».

carramba! che sorpresa carramba! che sorpresa

 

Una nuova Raffaella Carrà non esiste.

«La cosiddetta fabbrica delle star oggi cerca cose differenti. Lei era un' artista completa. È unica: di Raffaella Carrà ne resterà una sola».

carramba! che sorpresa 3 carramba! che sorpresa 3 chiambretti chiambretti carramba! che sorpresa 4 carramba! che sorpresa 4 carramba! che sorpresa carramba! che sorpresa PIERO CHIAMBRETTI A VERISSIMO PIERO CHIAMBRETTI A VERISSIMO chiambretti chiambretti piero chiambretti piero chiambretti carramba! che sorpresa 6 carramba! che sorpresa 6

 

Condividi questo articolo

media e tv

GLI ANNI FOLLI DEL CLAN YSL - LA DIFFERENZA TRA IL CLAN SAINT LAURENT E IL RESTO DEL MONDO ERA CHE I SUOI ACCOLITI PRATICAVANO NEL DIVERTIRSI UNA DISCIPLINA IMPERVIA, DA FLAGELLANTI DEL PIACERE. BALLANDO SULLA PEDANA DEL 54, "TIRANDO" IN UN CESSO, O SEDENDO ALLA MENSA DI UNA DUCHESSA CHE SI FA LEGGERE IL MENU DAL CARDINALE, QUESTI RAGAZZI RIDONO, BEVONO, SI DROGANO, SCOPANO, SPETTEGOLANO… - LEI, LA BARONESSA, CHE SAPUTO DELLA PRESENZA DI UN MEDICO TRA I COMMENSALI SI ALZA E GLI VA ACCANTO, SI SOLLEVA LA GONNA (OVVIAMENTE DI YVES), SI CALA LE MUTANDE, E APPOGGIATI I GOMITI SUL TAVOLO GLI CHIEDE DI GUARDARLE L'ANO CHE LE BRUCIA: “COI DOTTORI NON BISOGNA AVERE SEGRETI…”

politica

DAGOREPORT! - A CHE PUTIN E’ LA NOTTE – INTANTO SI È APERTO IL DIALOGO TRA RUSSIA E STATI UNITI. SECONDO: PUTIN STA ABBASSANDO I TONI AD OGNI USCITA PUBBLICA. HA CAPITO CHE ANDANDO AVANTI RISCHIA DI PERDERE DAVVERO LA GUERRA. I SUOI SOLDATI NON HANNO VOGLIA DI PERDERE I PIACERI DELLA VITA. E GLI AMMUTINAMENTI SI MOLTIPLICANO. D’ALTRA PARTE PUTIN È CONSCIO ORMAI DALL’ARRETRATEZZA DEGLI EQUIPAGGIAMENTI E DEGLI ARMAMENTI. MA IL FATTORE CHE LO LASCIA PIÙ PERPLESSO E ABBATTUTO È LA CINA. XI JINPING NON GLI STA DANDO NESSUNA MANO: ANZITUTTO, NON GLI COMPRA IL PETROLIO. NON SOLO: PARECCHIE AZIENDE TECNOLOGICHE CINESI SE NE STANNO ANDANDO DA MOSCA...

business

cronache

ILARY, CHE BOTTA! ALL’ISOLA LA BLASI CADE GIÙ DALLO SGABELLO – COSA C’E’ DIETRO LO SCAZZO TRA TIMPERI E LA SETTA - MARA VENIER: “FACCIO UN’ALTRA DOMENICA IN. COL CAZZO CHE VADO IN PENSIONE!” - LA MALGY E AMANDA LEAR AL POSTO DI BRUGANELLI E VOLPE COME OPINIONISTI AL PROSSIMO “GF VIP”? - EDOARDO TAVASSI NON CREDE A MERCEDESZ HENGER: “ERA FIDANZATA MENTRE DICHIARAVA IL SUO INTERESSE PER ME” – LA FRECCIATA DELLA COLOMBARI ALLA ARCURI. PACE FATTA TRA FEDEZ E J-AX DOPO ANNI? PARE CHE... -VIDEO

sport

cafonal

viaggi

salute