"L'AMICIZIA CON PAPA FRANCESCO? UNA VOLTA GLI RACCONTAVO DELLA MIA ORECCHIETTERIA: "LA PASTA ALLA PUTTANESCA LA CHIAMIAMO 'ALLA PORCA PUTTENA'" - LINO BANFI COMPIE 88 ANNI E APRE LE VALVOLE: "GIORGIA MELONI? QUANDO L'HO VISTA AL QUIRINALE LE HO DETTO: 'VISTO CHE NON È ANDATA BENE LA VIA DELLA SETA CON I CINESI, PERCHÉ NON PROVA LA VIA DEL LINO CON ME?'" - "IN TEMPO DI GUERRA, PER POTER MANGIARE QUALCOSA, HO VENDUTO OROLOGI FALSI AI NAPOLETANI" - IL "DOPPIO COMPLEANNO", LA NIPOTE INCINTA ("DIVENTERO' BISNONNO") E LA RAPINA SUBITA…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Giovanna Cavalli per www.corriere.it

 

In pratica ha un doppio compleanno.

lino banfi foto di bacco (2) lino banfi foto di bacco (2)

«Sono nato il 9 luglio, a casa con la levatrice, però mi hanno registrato l’11, si usava così. E quindi festeggio due giorni, come i principi», scherza Lino Banfi, che domani ne compie 88.

 

[…]

 In forma.

«Mi chiedono: “Come fai ad avere la pelle così liscia?”. L’altroieri parlavo con l’amico mio Renzo Arbore, meravigliato. “Ti ricordi tutto, beato te”. Mi alleno, so a memoria anche il codice fiscale».

 

lino banfi papa francesco lino banfi papa francesco

Che regalo vorrebbe?

«Uno già lo so. Mia nipote Virginia, la figlia di Rosanna, aspetta una bambina. Tra qualche mese divento bisnonno!».

 

[…] Una telefonata dal Papa?

«Perché no? Ci spero. Di sicuro mi scriverà un messaggio. La nostra amicizia, con garbo, sta diventando sempre più stretta. Quando vado a trovarlo è contento, con me si diverte e ne ha bisogno, mica è facile fare il Santo Padre».

 

Vi fate belle chiacchierate.

«Sì. Lui mi da del tu, ma ancora non riesce a chiamarmi solo Lino. Io gli do del lei, del voi, come viene. Un giorno mi piacerebbe potergli dire: “Mio chero Francesco”».

 

Magari ci arriverà presto.

lino banfi oronzo cana 2 lino banfi oronzo cana 2

«Ho la faccia tosta. Una volta gli raccontavo dei piatti tipici pugliesi che cuciniamo alla mia Orecchietteria — anche papa Ratzinger ordinava da noi — e gli ho chiesto: “Santità, la conosce la pasta alla Puttanesca?”. Ha risposto di sì. “Ecco, noi qui la chiamiamo alla Porca puttena”. Francesco è scoppiato a ridere così forte che saltava sulla sedia». […].

 

Si aspetta una chiamata anche da Giorgia Meloni?

«Magari succedesse, mi farebbe piacere. L’ho vista al Quirinale per la Festa della Repubblica — sa, sono Cavaliere di Gran Croce — e le ho fatto questa battuta: “Presidente, visto che non è andata bene la via della Seta con i cinesi, perché non prova la via del Lino con me?».

lino banfi lino banfi

 

[…] A lei è mai successo di essere raggirato?

«No. Però mi è capitato che due rapinatori mi puntassero la pistola alla fronte per rubarmi il Rolex che avevo messo per accompagnare mia nipote a un evento. Avranno visto le foto sui social. E mi aspettavano davanti all’ascensore. “Banfi, dammi l’orologio”. Temevo che volessero salire in casa con la forza ed ho pure pensato di dargli una testata sulla faccia, ma per fortuna se ne sono andati».

falcao pele lino banfi falcao pele lino banfi

 

Comunque sta attento.

«Eh, però a me è difficile fregarmi. In tempo di guerra, per poter mangiare qualcosa, ho venduto orologi falsi ai napoletani».

 

Ma dai.

«La fame era tanta, ero campione italiano del salto del pasto. Con la compagnia di varietà si lavorava poco, un tizio che conoscevo, lui sì, un truffatore di razza, mi propose di fargli da spalla».

lino banfi lino banfi

 

Come?

«Ci vestimmo da ufficiali della Marina americana. “Ma io non parlo una parola d’inglese”, protestai. E lui: “Non importa. Quando ti faccio segno, tu piangi e ripeti soltanto: I remember my mother (ricordo mia madre)”. Ci siamo messi al centro di Napoli e abbiamo finto che ci avessero rubato il portafoglio. “Dobbiamo tornare alla base, aiutateci”, singhiozzavamo».

 

Qualcuno abboccava.

«E il compare gli proponeva di comprare il mio Rolex per 10, 20 mila lire. Al segnale, scoppiavo a piangere, fingendo di non volermi separare dal ricordo della mia cara mamma. Ma poi cedevo. Ovviamente il Rolex era falso». […]

lino banfi occhio, malocchio, prezzemolo e finocchio lino banfi occhio, malocchio, prezzemolo e finocchio annamaria rizzoli alvaro vitali lino banfi l’insegnante al mare con tutta la classe annamaria rizzoli alvaro vitali lino banfi l’insegnante al mare con tutta la classe lino banfi cristian de sica belli freschi lino banfi cristian de sica belli freschi lino banfi cristian de sica belli freschi lino banfi cristian de sica belli freschi lino banfi camillo milli lino banfi camillo milli lino banfi racconta la sua gioventu foto di bacco (3) lino banfi racconta la sua gioventu foto di bacco (3) lino banfi e la sua orecchietteria 6 lino banfi e la sua orecchietteria 6 LINO BANFI CON EDWIGE FENECH LINO BANFI CON EDWIGE FENECH lino banfi foto di bacco (3) lino banfi foto di bacco (3) lino banfi foto di bacco lino banfi foto di bacco edwige fenech lino banfi edwige fenech lino banfi lino banfi barbara bouchet spaghetti a mezzanotte lino banfi barbara bouchet spaghetti a mezzanotte LUCIANO PAVAROTTI E LINO BANFI LUCIANO PAVAROTTI E LINO BANFI LINO BANFI LINO BANFI edwige fenech lino banfi sabato, domenica e venerdi edwige fenech lino banfi sabato, domenica e venerdi lino banfi lino banfi

 

lino banfi allenatore nel pallone lino banfi allenatore nel pallone lino banfi l'insegnante al mare con tutta la classe 1 lino banfi l'insegnante al mare con tutta la classe 1 lino banfi pamela prati la moglie in bianco l’amante al pepe lino banfi pamela prati la moglie in bianco l’amante al pepe lino banfi il commissario lo gatto lino banfi il commissario lo gatto lino banfi foto di bacco (2) lino banfi foto di bacco (2) LINO BANFI E TOTO LINO BANFI E TOTO un medico in famiglia un medico in famiglia un medico in famiglia - giulio scarpati lino banfi un medico in famiglia - giulio scarpati lino banfi lino banfi foto di bacco lino banfi foto di bacco lino banfi con la figlia rosanna foto di bacco lino banfi con la figlia rosanna foto di bacco lino banfi lino banfi

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - I FRATELLINI D’ITALIA VARANO TELE-MELONI CON GIAMPAOLO ROSSI SEDUTO SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO E SIMONA AGNES (IN QUOTA FORZA ITALIA) ALLA PRESIDENZA - ALLA LEGA, CHE VUOLE LA DIREZIONE GENERALE, NIENTE. SALVINI S'INCAZZA DI BRUTTO E SFANCULA I MELONI DI VIALE MAZZINI: LE NOMINE RAI RISCHIANO DI SALTARE A SETTEMBRE - LA DAGO-INDISCREZIONE DI UNA TRATTATIVA IN CORSO PER UN TRASLOCO DI FIORELLO A DISCOVERY NON HA FATTO PER NIENTE PIACERE (EUFEMISMO) ALLA MELONA. C’È UN ANTICO AFFETTO E SIMPATIA TRA FIORELLO E L’EX BABY SITTER DELLA FIGLIA OLIVIA DIVENTATA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. ED È SUBITO PARTITA UNA TELEFONATA DELLA MELONA AI “SUOI” DIRIGENTI RAI: IL SUO “FIORE ALL’OCCHIELLO” DEVE RESTARE IN AZIENDA A QUALSIASI COSTO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…

DAGOREPORT - DOPO LA CONFERENZA STAMPA AL VERTICE NATO, BIDEN HA PARTECIPATO A UNA CONFERENCE CALL CON BARACK OBAMA, IL LEADER DEI DEMOCRATICI AL SENATO, CHUCK SCHUMER, E LA GOVERNATRICE DEL MICHIGAN, GRETCHEN WHITMER. I TRE SONO STATI PIUTTOSTO ASSERTIVI NEL FAR CAPIRE A BIDEN CHE LA SITUAZIONE È PRECIPITATA: SE NON FARÀ UN PASSO INDIETRO, I GOVERNATORI DEMOCRATICI NON MANDERANNO I LORO DELEGATI ALLA CONVENTION DEMOCRATICA, PREVISTA DAL 19 AL 22 AGOSTO A CHICAGO: UN CHIARO ATTO OSTILE PER SABOTARE LA CANDIDATURA - DIETRO LA LETTERA DI CLOONEY C'E' LA MANO DI OBAMA CHE DOMANI PARLERA' AGLI AMERICANI...

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)