"HO VISSUTO PER TANTO TEMPO CON MIO FRATELLO IN UNA SPECIE DI COMUNE" - LE CONFESSIONI DI ACHILLE LAURO: "PASSAVANO ARTISTI, PITTORI, MUSICANTI. C'ERA COEZ. LA DROGA GIRAVA, MA COME DAPPERTUTTO. NÉ PIÙ NÉ MENO. PERÒ MOLTISSIMI RAGAZZI NON NE CONOSCONO DAVVERO IL PERICOLO...IL PROBLEMA PIÙ GRANDE DELLA MIA GENERAZIONE E' NON SAPERE COSA FARE DELLA VITA" - LA CAMPAGNA DI “STRISCIA”, MAHMOOD, LA MODA E LA BATTUTA: "TU SEI ACHILLE LAURO COME L'ARMATORE" - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Paolo Giordano per “il Giornale”

 

morgan e achille lauro morgan e achille lauro

Lui esce di corsa, finito lo show, vestito come una rockstar glam anni '70 e Gino Paoli gli fa: «Tu sei Achille Lauro come l' armatore?». L' incontro tra due generazioni distinte e distanti.

 

MARA VENIER ACHILLE LAURO MARA VENIER ACHILLE LAURO

Achille Lauro, al secolo Lauro De Marinis classe 1990, è stato la rivelazione del Festival di Sanremo e il suo ultimo brano C' est la vie è stato molto alto nelle rotazioni radiofoniche. «Ora c' è 1969 che ci accompagnerà tutta l' estate», spiega uscendo dall' Arena di Verona dopo essere stato premiato ai Seat Music Awards. Sul palco dell' Ariston, la sua Rolls Royce ha convinto tutti e scatenato molte polemiche perché ritenuto un inno alla droga. «Ma no, è tutt' altro», dice lui che poi chiarirà per filo e per segno tutta la polemica. Ora, piaccia o no, è uno dei golden boy della nostra musica e la prima cosa che gli viene da dire è: «Per fortuna sono riuscito a togliermi di dosso l' etichetta di trapper. Nulla contro il genere, sia chiaro, ma io sono diverso». E basta vederlo o ascoltarlo per accorgersene.

achille lauro achille lauro

Partiamo dal Festival.

 

LA CONSEGNA DEL TAPIRO D ORO AD ACHILLE LAURO LA CONSEGNA DEL TAPIRO D ORO AD ACHILLE LAURO

«Ci sono entrato in un modo e sono uscito in un altro. Ero ghettizzato in un preciso genere musicale e invece ho dimostrato di essere libero. E dire che Rolls Royce era pronta da un anno e mezzo, aspettavo solo la vetrina giusta».

Ma le conseguenze sono state anche pesanti.

«La campagna contro di me di un programma (Striscia la Notizia) che è andata avanti per oltre venti giorni dopo la fine del Festival. Sapevo che a Sanremo si sarebbe smosso qualcosa, Ma non pensavo di finire sotto la gogna così per caso».

morgan e achille lauro morgan e achille lauro

 

achille lauro achille lauro

Insomma Rolls Royce è un inno alla droga oppure no?

«Ma no, non c' entra nulla. Anche quando canto Voglio una vita così... mi riferisco al lusso, allo stile di vita, non certo alle droghe. Certi programmi dovrebbero fare informazione vera, non inventarsi i casi».

 

Ma lei che rapporto ha con la droga?

«Vengo da un quartiere di Roma molto difficile, dove si spaccia alla luce del sole. Se sei intelligente, ti distacchi dalla droga.Altrimenti ne sei vittima».

achille lauro experience il servizio fotografico per rolling stone ph fabio leidi 3 achille lauro experience il servizio fotografico per rolling stone ph fabio leidi 3

E lei?

«Ho vissuto per tanto tempo con mio fratello in una specie di comune dove passavano sempre artisti, pittori, musicanti. C' era Coez e c' erano altri artisti. La droga girava, ma come dappertutto. Né più né meno. Però moltissimi ragazzi non conoscono davvero il pericolo della droga. Io che vengo da un quartiere di merda, invece lo conosco bene. La droga è veleno che uno inala o che si inietta, non si può parlarne così superficialmente.

In ogni caso, il problema più grande della mia generazione non sono gli stupefacenti, ma il non sapere cosa fare della nostra vita. Da qui nascono tutti i vizi».

 

Achille Lauro dimostra di non essere il «solito rapper» invasato che parla solo di lusso e futulità.

achille lauro morgan sanremo quarta serata achille lauro morgan sanremo quarta serata

«Sono figlio di persone normali che si sono fatte il mazzo. Mio padre è stato un professore universitario, mia mamma mi ha insegnato tanto. Ma, vivendo in quartieri complicati, ho sviluppato una forma di allergia all' ignoranza. Mi sentivo male dentro, non sapevo quale posto avere nel mondo. Così mi sono fatto un' overdose di cultura, ho letto libri, guardato film e sono uscito dai clichè».

Emis Killa e altri speravano lei vincesse il Festival.

«Ma la vittoria di Mahmood è stata giusta, è giovane e ha talento. A Sanremo si premiano altre cose rispetto a quelle che faccio io. Io ad esempio premierei l' imperfezione di talento, non la perfezione a tutti i costi...».

ACHILLE LAURO -1 ACHILLE LAURO -1

Però.

«Però da lì ne sono uscito con una iniezione di creatività».

 

Seguirà le mode?

«Se c' è una moda, io non la seguo di certo, vado dall' altra parte. E' un istinto che ho, non riesco a sopprimerlo».

 

E quindi adesso?

«Adesso scompongo e ricompongo la musica. Dopo il rock' n'roll punk di Rolls Royce, sto scrivendo un album nel quale mescolo swing e blues e altri generi. Diciamo che vorrei andare oltre».

achille lauro achille lauro

Il suo guardaroba invece punta all' indietro. Agli anni Settanta, si direbbe.

«Ho cambiato look molto spesso e spesso mi hanno criticato. Insomma, ho sempre avuto vestiti strampalati. In questi ultimi tempi sono stato folgorato dallo stile di David Bowie e dal look alla Velvet Goldmine. Dopotutto ho 28 anni, mica mi sono vestire ancora con jeans e scarpette».

achille lauro achille lauro ACHILLE LAURO -3 ACHILLE LAURO -3 ACHILLE LAURO ACHILLE LAURO gino paoli 1 gino paoli 1 ACHILLE LAURO ACHILLE LAURO gino paoli gino paoli ACHILLE LAURO SIVORI ACHILLE LAURO SIVORI ACHILLE LAURO ACHILLE LAURO ACHILLE LAURO ACHILLE LAURO ACHILLE LAURO ACHILLE LAURO ACHILLE LAURO cover ACHILLE LAURO cover achille lauro achille lauro

 

Condividi questo articolo

media e tv

VI PIACE ESSER LEGATI, SCULACCIARE, FAR DA ZERBINI UMANI O DA CANE AL GUINZAGLIO? – QUALUNQUE SIA IL VOSTRO FETICISMO, NON VERGOGNATEVI: E’ TUTTO LECITO – MA ATTENZIONE: NON ESISTE PRATICA KINKY SENZA MINIMA DOSE DI RISCHIO, E NON DATE MAI PER SCONTATO NIENTE: PATTI SIANO CHIARI PRIMA DI COMINCIARE, E DIFFIDATE DI COMPAGNI DI GIOCO CHE DICONO “PUOI FARE DI ME QUELLO CHE VUOI” O “NON SO I MIEI LIMITI, DEVI ESSERE TU A SCOPRIRLI”: SONO SOLO PORCELLINI DEL "FAMOLO STRANO" MA NULLA SANNO DI BONDAGE E FETISH – LA RECENSIONE DI BARBARA COSTA AL LIBRO “BE KINKY” DI ANDREA FAROLFI

politica

ORA D’ARIA? ORA D’AMORE! - ANCHE I DETENUTI HANNO BISOGNO DI SCOPARE! IL GOVERNO NON RIMANE INDIFFERENTE E STANZIA 28,3 MILIONI DI EURO PER LE “RELAZIONI AFFETTIVE DEI CARCERATI” (ORA SI CHIAMANO COSÌ). IL FINANZIAMENTO SERVIRÀ PER METTERE UN PREFABBRICATO IN UNA CASA CIRCONDARIALE DI OGNI REGIONE: VENTI “CASETTE DELL’AMORE” DOVE I DETENUTI SARANNO LIBERI DI SFOGARE I PROPRI ISTINTI CON LA PROPRIA CONSORTE O AMANTE (ANCHE OCCASIONALE). INSOMMA, UNA SPECIE DI CASINO LEGALIZZATO…

business

SI METTE MALE PER XI JINPING: L’ECONOMIA CINESE DÀ SEGNALI MOLTO PREOCCUPANTI, PROPRIO ALLA VIGILIA DEL CONGRESSO CHE DOVREBBE DARGLI IL TERZO MANDATO. MA È COLPA SUA: INSISTE CON LA STRATEGIA DELLO “ZERO COVID” BLOCCANDO I RIFORNIMENTI A MEZZO MONDO E FACENDO CROLLARE LE VENDITE AL DETTAGLIO - SOLO CHE GLI INVESTITORI STRANIERI  NON SONO FESSI E SCAPPANO: SOLO AD APRILE, CI SONO STATE CESSIONI PER 16 MILIARDI DI DOLLARI DI DEBITO CINESE, E GLI INVESTIMENTI ESTERI DIRETTI SONO COLATI A PICCO

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute