"MI VANTO DI ESSERE ANTIPATICO. I SIMPATICI SONO DEI GRANDISSIMI STRONZI CHE ANCORA NON HANNO FATTO COMING OUT" - IL COMICO ANGELO DURO: "IO ALLEVIO I MALESSERI. PERCHÉ PARLO DI TUTTO, SENZA PELI SULLA LINGUA. CHI LI ALIMENTA, I MALESSERI, SONO QUELLI CHE LI NASCONDONO, E CIOÈ I BUONISTI. E I MORALISTI. CHE SONO LA CATEGORIA CHE PIÙ AMO IN ASSOLUTO. PERCHÉ S’INCAZZANO PER QUELLO CHE DICO E MI FANNO VENDERE PIÙ BIGLIETTI" - "SANREMO? NON CI TORNERO' PIU'. HO RICEVUTO ANCHE DEGLI APPLAUSI. UN VERO SCHIFO. NON SONO STATO ALL’ALTEZZA DI QUELLI CHE, GLI ANNI PASSATI, LI HANNO PRESI PER DAVVERO, I FISCHI…"

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Renato Franco per il "Corriere della Sera"

 

angelo duro 5 angelo duro 5

Lei si vanta di essere antipatico.

«C’e chi si vanta di essere solare, simpatico, buono, onesto, bravo, perbene, io mi vanto di essere antipatico. Perché non c’è niente di peggio di uno che fa il simpatico. La simpatia non esiste. I simpatici sono dei grandissimi st... che ancora non hanno fatto coming out. Si nascondono».

 

Perché la gente viene a teatro a vederla e a farsi insultare da lei?

«Perché come insulto io non lo sa fare nessuno. Io ho la credibilità per poterlo fare. […] Sono diventato il più forte di tutti a dire alla gente quanto fa schifo. Per questo loro mi amano. Perché io lo so fare. Lei no».

angelo duro a sanremo 2023 angelo duro a sanremo 2023

 

Angelo Duro non esce mai dal suo personaggio. La sua biografia è scarna: nato a Palermo 41 anni fa, nel 2010 viene notato da Davide Parenti che lo ingaggia alle Ien . Stop. Il resto è la storia del personaggio che si è creato intorno: l’opposto del bravo ragazzo. La sua comicità attinge al politicamente scorretto spinto […] Impossibile avere risposte «serie», risponde sempre come risponderebbe il suo personaggio, come un Mister Hyde che non fa vedere mai al mondo che esiste anche il Dottor Jekyll.

 

[…]

angelo duro 4 angelo duro 4

Lei è il perfetto rappresentatane della società del malessere, il faro che illumina l’inverno del nostro scontento.

«Certo. Io allevio i malesseri. Perché parlo di tutto, senza peli sulla lingua. Chi li alimenta, i malesseri, sono quelli che li nascondono, e cioè i buonisti. E i moralisti. Che sono la categoria che più amo in assoluto. È grazie a loro se faccio tutti questi numeri in teatro. Perché s’incazzano per quello che dico e mi fanno vendere più biglietti. Quindi provo veramente affetto, per ‘sti scemi (la parola è un’altra, ndr ). Perché inconsapevolmente mi hanno fatto una persona ricca».

[…]

angelo duro 2 angelo duro 2

 

Nei suoi spettacoli dice che il segreto per un matrimonio duraturo è andare a prostitute ogni mese. Non può dire che è così anche per lei...

«Infatti. Assolutamente. Io non ho mai detto una scemenza del genere. Per chi mi ha preso? Io sostengo che per far durare un matrimonio a lungo bisogna andarci tutti i giorni. Non una volta al mese. Una volta al mese non dura. Ogni giorno è meglio».

 

È inscalfibile, lei parla sempre come se si trattasse di un suo spettacolo. Con la donna che «non ama» pensa di avere dei figli?

«Ho preso un cane da un anno».

 

angelo duro 1 angelo duro 1

Non inizi a mettere figli e cani sullo stesso piano... Angelo Duro continua però imperterrito nel suo «ragionamento».

«Ma non volevo neppure il cane. L’ho preso solo perché quella che sta con me lo desiderava tanto. E mi è pure costato parecchi soldi. Quattromila euro. Se ho preso questo cane, è anche merito di Papa Francesco. Un giorno in tv ha detto che le coppie non fanno più figli ma si prendono un cane. E mi ha dato un’idea. Io non ci avevo pensato. Un figlio ti costa almeno 250mila euro. Io con 4mila euro ho risolto. Grazie Papa Francesco».

angelo duro angelo duro

 

[…] Le droghe? Mai provate?

«Purtroppo nessuna, perché prima guadagnavo poco e non potevo permettermele.

Adesso potrei permettermi ogni tipo di sostanza, ma non lo faccio. Non fa per me. Anche se io rispetto più i drogati che i fumatori... Quando fumano nei luoghi all’aperto e io mangio seduto di fianco, mi devo sorbire il loro fumo passivo. Invece non esiste la coca passiva. Quindi, a parità di droghe, io preferisco i cocainomani. Sono più educati».

 

angelo duro a sanremo 2023 angelo duro a sanremo 2023

Questa me la segno... Il suo intervento fu accolto con una certa freddezza dalla platea dell’Ariston. Che ricordo ha di Sanremo?

«Un ricordo terribile. Veramente terribile. Mi aspettavo che la platea mi accogliesse con molta più freddezza. Invece no. A tratti c’è stato un po’ di calore. Ho ricevuto anche degli applausi. Un vero schifo. Io sono andato lì per ricevere i fischi e invece, manco per... Neppure uno, ne ho ricevuto. Era il sogno di una vita, andare lì e gelarli proprio, ma niente. Non sono stato all’altezza di quelli che, gli anni passati, li hanno presi per davvero, i fischi. Non voluti. Io, che li volevo, non li ho presi. Uno vero schifo. Credo non ci andrò più».  […]

angelo duro angelo duro angelo duro a sanremo 2023 2 angelo duro a sanremo 2023 2 angelo duro in mutande sul palco dell ariston angelo duro in mutande sul palco dell ariston angelo duro dito medio all'ariston angelo duro dito medio all'ariston angelo duro a sanremo 2023. angelo duro a sanremo 2023. angelo duro 3 angelo duro 3

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! - TRATTENETE IL RESPIRO. GOVERNATE LO SHOCK. AVVISATE I CITTADINI ABRUZZESI: IL CICLONE SARDO AVANZA E NON PERDONA - SECONDO L’ULTIMO SONDAGGIO, IL DISTACCO CHE SEPARA IL MELONE MARSILIO DAL CAMPO LARGHISSIMO DI D’AMICO SI È RIDOTTO ALLA MISERIA DELL’1,2% (APPENA QUATTRO MESI FA IN ABRUZZO LA DESTRA GODEVA DI UN VANTAGGIO DI BEN 20 PUNTI) - PARADOSSALMENTE, IN CASO DI DISFATTA, CON DUCETTA RIBASTONATA, PER MATTEO SALVINI POTREBBE ESSERE L’OCCASIONE DI AVER MAGGIOR POTERE NEL GOVERNO (FERROVIE, CDP, AISI) - SE INVECE “FASCIO TUTTO IO!” VINCE CON IL SUO MARSILIO, PER IL CAPITONE SI AVVICINA IL CAPOLINEA - A QUEL PUNTO TUTTO PUO’ SUCCEDERE: ANCHE CHE GLI PARTA L’EMBOLO DI UN PAPEETE2 SFANCULANDO IL GOVERNO MELONI (QUANTI PARLAMENTARI LO SEGUIREBBERO, SAPENDO CHE IN CASO DI VOTO ANTICIPATO, QUELLO SCRANNO NON LO VEDREBBERO PIÙ?)

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…

DAGOREPORT - SUSSURRI MILANESI DI TERZO POLO TV: LA7 DI CAIRO, TV8 DI SKY E NOVE DEL GRUPPO WARNER BROS-DISCOVERY STANNO RAGIONANDO SULL’OPPORTUNITÀ DI CREARE UN “CARTELLO” PER ARRIVARE A PALINSESTI “RAGIONATI”, EVITANDO DI FARSI CONCORRENZA NELLE RISPETTIVE SERATE “FORTI” - FABIO FAZIO “PESCE PILOTA” PER PORTARE A NOVE ALTRI TELE-DIVI RAI (L’ARRIVO DEL DESTRISSIMO GIAMPAOLO ROSSI COME AD A VIALE MAZZINI DARÀ L’AVVIO ALLA DIASPORA DEI RANUCCI E COMPAGNI...)

DAGOREPORT! - LA SCONFITTA IN SARDEGNA AVVIA LA RESA DEI CONTI MELONI-SALVINI - DUCETTA-VENDETTA: VUOLE DISARCIONARE IL “CAPITONE” DALLA GUIDA DELLA LEGA, PER AVERE UN CARROCCIO MODERATO A TRAZIONE NORDISTA CON LA “SUPERVISIONE” DI ZAIA, FEDRIGA E GIORGETTI -  MA PER “CONQUISTARE” IL DOGE, TOCCA RISOLVERE LA GRANA DEL TERZO MANDATO: CON UNA LEGGE DI RIORDINO DEGLI ENTI LOCALI: LE REGIONI DECIDERANNO SUL NUMERO DEI MANDATI - LA ''CONCESSIONE'' CHE SI MATERIALIZZERÀ PER ZAIA SOLTANTO DOPO LA DETRONIZZAZIONE DI SALVINI DALLA GUIDA DELLA LEGA. DELLA SERIE: FRIGGERE IL “CAPITONE”, VEDERE CAMMELLO - LA CONTROMOSSA DI SALVINI: CHIEDERE AL CONSIGLIO FEDERALE DELLA LEGA UN MANDATO PER CHIARIRE LO STATO DI SALUTE DELL'ALLENZA PER POI TOGLIERE L'APPOGGIO  AL GOVERNO - QUANDO LA MELONA SI AUTO-DEFINISCE “NANA” VUOLE FAR SAPERE A SALVINI CHE CONOSCE LO SFOTTÒ CHE LUI USA PER SBERTUCCIARLA (“NANA BIONDA”) – ABRUZZO, EFFETTO TODDE: CALA IL VANTAGGIO DEL MELONIANO MARSILIO SUL CANDIDATO DEL CAMPOLARGO, D'AMICO...