"I VIDEO DI MAURIZIO BATTISTA CONTRO L'EX MOGLIE SONO VIOLENZA MEDIATICA" - LE FEMMINISTE ACCUSANO IL COMICO CHE SI LAGNA SUI SOCIAL PERCHE LA EX NON GLI FA VEDERE LA FIGLIA. EMANUELA VALENTE, FONDATRICE DELL'OSSERVATORIO SUI FEMMINICIDI: "QUELLO DI BATTISTA E’ IL RACCONTO DI UNA VERITA’ PARZIALE. CI SONO DONNE CHE QUASI MAI VENGONO CREDUTE. PER UN UOMO FAMOSO INVECE BASTA UN VIDEO PUBBLICATO SUI SOCIAL PER AVERE TUTTA L'ATTENZIONE POSSIBILE"

-

Condividi questo articolo


 

Valentina Ruggiu per repubblica.it

 

 

maurizio battista e la ex moglie maurizio battista e la ex moglie

Non uno sfogo, ma violenza mediatica. Ci tiene a usare "le parole corrette" Emanuela Valente, giornalista e fondatrice dell'osservatorio sui femminicidi In quanto donna, quando parla del video in cui il comico Maurizio Battista accusa l'ex moglie di non farle vedere la figlia e la minaccia di chiedere una Ctu psicologica. Un filmato diventato virale, "su cui però - spiega - nessuno si è posto una domanda cruciale: sappiamo se quello che dice è vero?".

 

Insieme ad altri esponenti del mondo dell'attivismo contro la violenza sulle donne, a giornalisti e sindacalisti, Valente è la promotrice di una petizione pubblicata su Change.org dal titolo Basta violenza mediatica: un appello che, prendendo spunto dal caso del comico romano, si rivolge agli utenti e ai media per far notare la disparità di trattamento che su casi simili ricevono le donne, "e i padri che hanno meno visibilità".

 

 

 

maurizio battista e la ex moglie maurizio battista e la ex moglie

"Da oltre dieci anni mi occupo di violenza contro le donne - spiega Valente - e nel tempo mi sono dedicata anche ai figli portati via da uomini denunciati per violenza. Figli sottratti alle madri anche nel cuore della notte, con irruzioni dentro casa, proprio dopo una Ctu, che è lo stesso strumento invocato da Battista per l'ex moglie. Sono donne che quasi mai vengono credute se non hanno prove in mano, nemmeno dai media, perché se a una donna viene tolto un figlio deve per forza aver fatto qualcosa di grave. Per un uomo famoso invece basta un video pubblicato sui social per avere tutta l'attenzione possibile ed essere creduto".

 

maurizio battista maurizio battista

Per Valente quello del comico romano è "il racconto di una verità parziale. Un attacco preciso che contiene offese e minacce nei confronti dell'ex moglie, del suo nuovo compagno e di chiunque, anche sotto al video, abbia provato a fargli notare che stava sbagliando i toni".

 

 

"Senza contare - continua la fondatrice dell'osservatorio sui femminicidi - che dice di agire nel bene della figlia, ma in realtà facendo così l'ha esposta pubblicamente con nome e cognome su un contenuto che quando sarà più grande potrà rintracciare online". Tutti elementi che, in questo come in altri casi, andrebbero considerati prima di decidere se riprendere o meno un contenuto.

maurizio battista maurizio battista

 

L'appello pubblicato su Change.org è arrivato anche a Battista, che al tema ha dedicato qualche post sul suo profilo Facebook. Tra questi c'è un video indirizzato alla fondatrice di In Quanto Donna: "Ma cara signora lei sa cosa c'era prima? Dov'era quando un milione e mezzo di uomini e donne hanno lo stesso problema? O lo fa ora perché sono io e le fa comodo?".  "Eppure - conclude Valente - pensavo fosse chiaro che il nostro appello non fosse contro di lui, ma un invito alla riflessione per i media e per i cittadini".

maurizio battista enzo salvi fausto e furio maurizio battista enzo salvi fausto e furio maurizio battista fausto e furio maurizio battista fausto e furio

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DOVE ABBIAMO GIÀ VISTO LA VERSIONE SPECIALE DELLA FIAT 500 CON CUI GIORGIA MELONI È ARRIVATA SUL PRATO DI BORGO EGNAZIA? È UN MODELLO SPECIALE REALIZZATO DA LAPO ELKANN E BRANDIZZATO “GARAGE ITALIA”. LA PREMIER L’HA USATA MA HA RIMOSSO IL MARCHIO FIAT – A BORDO, INSIEME ALLA DUCETTA, L’INSEPARABILE PATRIZIA SCURTI E IL DI LEI MARITO, NONCHÉ CAPOSCORTA DELLA PREMIER – IL POST DI LAPO: “È UN PIACERE VEDERE IL NOSTRO PRIMO MINISTRO SULLA FIAT 500 SPIAGGINA GARAGE ITALIA DA ME CREATA...”

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE