SANTADECHÉ AL CONTRATTACCO: "I GIORNALISTI DI 'VISTO' E 'NOVELLA'? GLI RISPONDO CHE IL MONDO DELL'EDITORIA E' CAMBIATO E CHE DEI LORO RICATTI ME NE FREGO. NON SI POSSONO PIU' AVERE STIPENDI DA 180.000 EURO. MICA GUADAGNANO 1200 EURO AL MESE. I SOLDI SONO MIEI E DECIDO IO. MI FACCIANO PURE FINIRE SUI GIORNALI TUTTI I GIORNI"

-

Condividi questo articolo


UMBERTO SMAILA - DANIELA SANTANCHE - DIMITRI D ASBURGO AL TWIGA UMBERTO SMAILA - DANIELA SANTANCHE - DIMITRI D ASBURGO AL TWIGA

Da ‘Radio Cusano Campus’

 

Daniela Santanché è intervenuta questa mattina ai microfoni di ECG, il programma condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio su Radio Cusano Campus, l'emittente dell'Università degli Studi Niccolò Cusano.

 

Daniela Santanché ha risposto alle proteste dei giornalisti di Novella e Visto, di cui è editore: "A loro rispondo che il mondo dell'editoria è cambiato, da Sky al Corriere della Sera, al Sole 24 Ore. Questi sono giornalisti che non è che guadagnino 1200 euro al mese, che è lo stipendio medio dagli italiani, sono giornalisti che ho ereditato da RCS e da PRS con stipendi importanti, oggi le copie sono diminuite, la pubblicità anche, per fare dei giornali liberi bisogna saper stare sul mercato con i conti i ordine.

 

ROBERTO ALESSI - DANIELA SANTANCHE - BENEDETTO MOSCA ROBERTO ALESSI - DANIELA SANTANCHE - BENEDETTO MOSCA

Se c'è ragionevolezza si possono trovare degli accordi, altrimenti l'imprenditore ha l'obbligo di rendere liberi i giornali con i bilanci in ordine. Io andrò avanti per la mia strada perché la mia strada è giusta, molti altri editori la stanno percorrendo, magari hanno un cognome diverso dal mio e quindi nessuno ne parla. Sono a posto con la coscienza, lavoro 15 ore al giorno, faccio tutto quello che devo fare, credo nell'editoria e continuo a credere nei giornali.

 

Continuo a investire, ma se non si prende coscienza che un certo mondo dell'editoria non può più stare in piedi, che non si possono più avere stipendi da 180.000 euro, che oggi bisognerebbe sedersi a un tavolo ed essere coscienti del tempo che si vive, non si va da nessuna parte. Stanno tanto di ricattarmi ma io me ne strafrego.

 

NOVELLA 2000 NOVELLA 2000

Faccio l'imprenditore, voglio che i bilanci siano in ordine, mi possono ricattare, scrivere comunicati, rivolgersi a Berlusconi, ma io ho la schiena dritta, vado avanti fino in fondo, perché ho il dovere di pagare i miei debiti. Sono serena, mi facciano finire tutti i giorni sui giornali, non me ne può fregare di meno. Sono dalla parte giusta e continuo a fare quello in cui credo, nel mio modo, dando ascolto a tutti e poi decidendo in prima persona, perché i soldi sono miei e decido io cosa farne".

 

 

 

AUDIO http://www.tag24.it/podcast/daniela-santanche-ius-soli/

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

L’INSOSTENIBILE PESANTEZZA DEI NO VAX – MELANIA RIZZOLI ANALIZZA IL COSTO EMOTIVO DEI MEDICI CHE DEVONO LOTTARE CON CHI RIFIUTA LE CURE: “CIASCUN PAZIENTE RICOVERATO IN TERAPIA INTENSIVA COSTA DAI 2.800 AI 3.300 EURO. PECCATO CHE IN QUESTA LISTA DI PRESTAZIONI EFFETTUATE E ANDATE A BUON FINE NON SI POSSA INCLUDERE IL COSTO EMOTIVO, QUELLO DI STRESS, DI FATICA E DI CONFLITTUALITÀ MORALE DI TUTTO IL PERSONALE SANITARIO CHE HA CONTRIBUITO A GUARIRE QUEL MALATO RETICENTE, OSTINATO, IGNORANTE E INDUBBIAMENTE FORTUNATO…”