I SOLDI HANNO PRESO “IL VOLO” - LITE CON TONY RENIS SUI GUADAGNI DEI TRE TENORINI, CONDANNATO IL PRODUTTORE MUSICALE MICHELE TORPEDINE - UN ANNO IN PRIMO GRADO AL MANAGER BOLOGNESE, IMPUTATO A BOLOGNA PER INFEDELTÀ PATRIMONIALE - LA VICENDA PENALE ERA NATA DA UNA DENUNCIA PRESENTATA DAI DIFENSORI DI TONY RENIS: TORPEDINE IN ORIGINE ERA AMMINISTRATORE E RENIS SOCIO AL 50% DELLA RENTOR, SOCIETÀ CHE GESTIVA IL TRIO IN ESCLUSIVA…

-

Condividi questo articolo

Da bologna.repubblica.it

TONY RENIS MICHELE TORPEDINE TONY RENIS MICHELE TORPEDINE

 

Si conclude in primo grado con una condanna a un anno per il produttore musicale Michele Torpedine, imputato a Bologna per infedeltà patrimoniale, la disputa sulla gestione dei guadagni de 'Il Volo', trio che vinse il Festival di Sanremo nel 2015.

 

La vicenda penale era nata da una denuncia presentata dai difensori di Elio Cesari, in arte Tony Renis: Torpedine in origine era amministratore e Renis socio al 50% della Rentor, società che gestiva il trio in esclusiva. Le indagini hanno contestato un conflitto di interessi legato a un contratto che nel 2014 Torpedine stipulò con patto di esclusiva a favore della Family Srl, di cui era amministratore unico. Con questo atto avrebbe provocato alla Rentor un danno pari alla perdita dei diritti di esclusiva e dei compensi correlati alle attività del trio.

 

 

michele torpedine michele torpedine

Il tribunale ha condannato anche al risarcimento in sede civile e ha disposto una provvisionale esecutiva per Rentor, costituita parte civile con la liquidatrice Marzia Chessa, difesa dell'avvocato Gabriele Bordoni, di 50mila euro e di 20mila per Renis, difeso dagli avvocati Antonio Cappuccio e Tiziana Zambelli, più 10 mila di spese processuali. Torpedine era difeso dal prof. Gaetano Insolera.

tony renis tony renis michele torpedine michele torpedine TORPEDINE TORPEDINE tony renis tony renis Torpedine e Il Volo Torpedine e Il Volo

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

CI SCRIVE TRENITALIA E AMMETTE CHE LE ESIGENZE DI MOBILITÀ DEL PERIODO NATALIZIO ''NON POSSONO ESSERE SEMPLICEMENTE RIMODULATE SULLA BASE DELLE ESPERIENZE DEGLI ANNI PASSATI, MA IMPONGONO UNA APPROFONDITA VALUTAZIONE DEL MUTATO CONTESTO''. QUINDI QUEST'ANNO I BIGLIETTI PER I TRENI NATALIZI SARANNO DISPONIBILI ''A PARTIRE DAGLI INIZI DI NOVEMBRE'', CON VARIE SETTIMANE DI RITARDO RISPETTO AL SOLITO. SEMPRE CHE IN QUESTI GIORNI NON SIA IL GOVERNO A SCONVOLGERE I PIANI DI VIAGGIO DEGLI ITALIANI…

salute