SUPERPIPPO RELOADED! "RENZI A DOMENICA IN? NON LO INVITO, NON FACCIAMO POLITICA, CHIARA FRANCINI IMPOSTA DAL PREMIER? E’ UNA BUFALA PAZZESCA. DICONO QUESTO SOLO PERCHE’ E’ TOSCANA - BARBARA D'URSO? L'HO LANCIATA IO. SPERO DI RIVOLGERMI A UN PUBBLICO PIU' COLTO DEL SUO"

Condividi questo articolo

pippo baudo (1) pippo baudo (1)

Da “www.radiocusanocampus.it”

 

Pronto a tornare nelle case degli italiani con Domenica In, Pippo Baudo è stato intervistato da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio, conduttori di ECG su Radio Cusano Campus, la radio dell'Università Niccolò Cusano.

 

Pippo Baudo è stato categorico su Chiara Francini: "Se me la imposta Renzi? Manco per idea, è una bufala pazzesca. Poveraccia, dicono questo solo perché è toscana. Per il ritorno in tv comunque sono emozionato, se non c'è l'emozione manca il sentimento, manca la vita. Il mio segreto, dopo tanti anni, è la forza di volontà e un po' di fortuna".

 

Pippo Baudo non pensa nemmeno di invitarlo Renzi nel corso di Domenica In: "Non penso che lo inviterò, non credo che ci sia, non facciamo politica a Domenica In".

barbara d urso matteo renzi selfie barbara d urso matteo renzi selfie

 

La sua domenica In  Pippo Baudo punterà sulla cultura: "Avremo cinema, libri, televisione, letteratura, vorrei tenere alto il vessillo di questo programma".

 

CHIARA FRANCINI 1 CHIARA FRANCINI 1

Sulla polemica legata ai giovani: "Come rispondo a chi dice che ancora si dà spazio a Baudo quando bisognerebbe chiamare i giovani? Ma i giovani sono tutti quanti alla ribalta, stanno lavorando tutti e spesso, io invece faccio soltanto una cosa".

 

Sulla sua "rivale" Barbara D'Urso: "La apprezzo e le voglio molto bene, l'ho lanciata io. Se sarà una sfida? Ma che sfida, è una coabitazione alla stessa ora. Puntiamo a un pubblico diverso. Se mi rivolgo a un pubblico più colto? Lo spero...".

D URSO RENZI D URSO RENZI

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

“IL TEST CHE TROVA GLI ANTICORPI NON È SUFFICIENTE PER ESCLUDERE UN ALTRO CONTAGIO” - ALBERTO MANTOVANI, DIRETTORE SCIENTIFICO DI HUMANITAS: “LA SARS DAVA AI GUARITI UN'IMMUNITÀ DI 2-3 ANNI E QUESTO VIRUS GLI È PARENTE. IL PROBLEMA È CHE LA STRAGRANDE MAGGIORANZA DELLE PERSONE CHE INCONTRA COVID-19 O NON SI AMMALA O LO FA IN MODO BLANDO: IN QUESTO CASO NON SAPPIAMO SE LA RISPOSTA IMMUNITARIA INDOTTA, DI CUI LA PRESENZA DI ANTICORPI È UNA SPIA, SIA DAVVERO PROTETTIVA O SE QUESTE PERSONE RISCHIANO UNA NUOVA INFEZIONE”