TG: TRACOLLO GLOBALE - RISPETTO AL 2013, GLI ASCOLTI DEI TELEGIORNALI VANNO A PICCO. MALE MENTANA (-21,5%) E BERLINGUER (-18,8%), PERDITE CONTENUTE PER ORFEO (-4,4%) E MIMUN (-6,2%) - DISASTRO PER RAINEWS (-15,7%) E SKYTG24 (-21,1%)

Non solo i talk, anche i tg piangono: nel calo generale degli ascolti, il governo Renzi non eccita le folle - Rispetto a gennaio-maggio 2013 (tempo di elezioni, Napolitano-bis e governo Letta) Chicco e Bianca perdono quasi mezzo milione di ascoltatori, “Studio Aperto” fa -11,8%, il Tg2 -8,9% e il Tg4 -7,3%...

Condividi questo articolo


DAGOREPORT

VARIAZIONE NEGLI ASCOLTI DELLE RETI ALL NEWS TRA DUEMILATREDICI E DUEMILAQUATTORDICIVARIAZIONE NEGLI ASCOLTI DELLE RETI ALL NEWS TRA DUEMILATREDICI E DUEMILAQUATTORDICI

La crisi degli ascolti oltre ai talk ha contagiato pure i tg.

Dall'inizio dell'anno tutti i TG serali principali registrano una caduta dell'ascolto medio, con picchi negativi per il Tg La7 e Tg3 rispettivamente di -21,5% e -18,8%. I due TG hanno la flessione più forte anche in valori assoluti: il Tg3 perde circa 463 mila spettatori ed il Tg La7 428 mila.

Studio Aperto , rispetto allo stesso periodo del 2013, perde l'11,8% (-137 mila), Tg2 -8,9% (-197 mila) e Tg4 -7,3% (69 mila). I telegiornali delle "Ammiraglie" Rai e Mediaset, Tg1 e Tg5 perdono in % meno degli altri TG, rispettivamente: -4,4 (-261 mila ) e -6,2% (-318 mila).

ASCOLTO MEDIO DEI TG SERALI E CANALI ALL NEWS PRIMI CINQUE MESI DELL ANNOASCOLTO MEDIO DEI TG SERALI E CANALI ALL NEWS PRIMI CINQUE MESI DELL ANNO

Anche i due canali all news rilevati da Auditel; Rai News e Sky TG24 segnano nel l'ultimo anno perdite di ascolto nell'intera giornata: SkyTG24 è a -21,1% e Rai News 24 -15,7%.

 

 

VARIAZIONE NEGLI ASCOLTI DEI TG TRA DUEMILATREDICI E DUEMILAQUATTORDICIVARIAZIONE NEGLI ASCOLTI DEI TG TRA DUEMILATREDICI E DUEMILAQUATTORDICI

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA