TOTTI-ILARY, FEBBRE A 90’ IN TRIBUNALE - DOPO L’UDIENZA DURATA UN’ORA E MEZZA IN CUI I DUE HANNO ESPOSTO LE PROPRIE RAGIONI E POI SONO ANDATI VIA SENZA DIRE MEZZA PAROLA (E SENZA SCAMBIARSI UN SALUTO) E’ ANDATO IN SCENA UN INCONTRO TRA I LEGALI DELLE PARTI PER RIAPRIRE LA TRATTATIVA - L’ARMISTIZIO POTREBBE RIGUARDARE LA CONTESA ROLEX-BORSE O TUTTA LA SEPARAZIONE. COSA DIRÀ NOEMI? COME DAGO-RIVELATO SECONDO GLI ADDETTI AI LIVORI E' STATA LEI A OPPORSI ALL’ACCORDO TROVATO CON I LEGALI DELLA BLASI DALLA BERNARDINI DE PACE (CHE POI HA RINUNCIATO ALL’INCARICO) - VIDEO

Condividi questo articolo


https://video.corriere.it/cronaca/totti-blasi-arrivano-tribunale-l-udienza-orologi-scarpe-borse-firmate/c5644eee-61cf-11ed-98f8-463cfe0502bc

 

Giovanna Cavalli e Fulvio Fiano per il Corriere della Sera

 

Totti arrivo in tribunale Totti arrivo in tribunale

E quando ormai nessuno ci sperava più, ecco che tra Francesco Totti e Ilary Blasi, in gran segreto, si è riaperta la trattativa. Poco più di uno spiraglio, al momento, però è già qualcosa, dopo mesi di aperta ostilità, senza quasi esclusione di colpi reciproci.

 

La svolta inaspettata — perché questo è — si è compiuta ieri pomeriggio, quando si è chiusa l’udienza davanti a Francesco Frettoni, il giudice della settima sezione civile che aveva convocato le parti in causa nella ormai epocale contesa «borsette contro Rolex».

 

 

Partita da un’azione di restituzione presentata dalla conduttrice dell’Isola dei Famosi per riavere indietro la collezione di Gucci, Chanel e Hermès (più scarpe griffate, gioielli e accessori vari) che il Capitano le aveva nascosto per rappresaglia al «ratto» dei preziosi orologi svizzeri, prelevati dalla cassetta di sicurezza del campione a sua insaputa. Nel frattempo Ilary ha «riabbracciato» le borse, rinvenute nella Spa della villa dell’Eur, con l’aiuto di un fabbro che ha scassinato la serratura. Dei Rolex da oltre 1 milione di euro invece non c’è ancora traccia, non pervenuti.

 

 

ILARY arrivo in tribunale ILARY arrivo in tribunale

Con questo rocambolesco antefatto, non era facile prevedere una tregua disarmata. E invece così è andata. Dopo l’udienza — durata un’ora e mezza — in cui i due virtualmente ex coniugi hanno esposto le proprie ragioni, con il giudice che si è riservato di decidere se chiamare in aula dei testimoni, rinviando a una prossima data, Ilary e Francesco sono andati via poco dopo le 17, ognuno per conto proprio, senza dire mezza parola.

 

francesco totti arrivo in tribunale 3 francesco totti arrivo in tribunale 3

Invece i rispettivi avvocati — Alessandro Simeone e Pompilia Rossi per lei, Antonio Conte più Laura Matteucci, sua fidata collaboratrice, per lui — hanno soltanto finto di prendere congedo. In realtà, seminati cronisti e fotografi (non tutti però) assiepati per ore davanti al tribunale civile di Roma in viale Giulio Cesare 52, i due team di legali si sono ritrovati tutti insieme nello studio di Conte al quartiere Prati, pochi isolati più in là.

 

Totti-Ilary, dallo scoop di Dagospia al tribunale

Chi è riuscito a seguirli senza farsi scoprire, li ha ritrovati lì che salivano alla spicciolata intorno alle 18. Di sicuro nel gruppo non c’era l’avvocato Adriana Boscagli, indicata da qualcuno come nuovo legale di Totti per la futura separazione, dopo l’addio di Annamaria Bernardini de Pace. L’ex numero 10 giallorosso non l’ha mai contattata.

 

ilary blasi tribunale roma 4 ilary blasi tribunale roma 4

 

Di cosa abbiano parlato i legali per oltre due ore, non si sa, si può solo intuire. Si cercano soluzioni. L’armistizio provvisorio tra Francesco e Ilary potrebbe riguardare soltanto la contesa borse/orologi. Oppure anche la separazione giudiziale che, con i tempi della giustizia, andrebbe in scena non prima di marzo. La speranza degli avvocati, in questo ritrovato clima di collaborazione, per quanto precaria, è che si possa recuperare un’intesa di massima per la consensuale. Finora ogni tentativo era fallito. Ma forse il clima è un filo più disteso. Al momento però è ancora presto. Troppe cose sono state dette e fatte. Difficile dimenticare, per entrambi, eppure non si sa mai.

francesco totti arrivo in tribunale 9 francesco totti arrivo in tribunale 9

 

Certo, i due protagonisti ieri sono arrivati divisi e divisi se ne sono andati — Totti, giacca nera e camicia bianca, in Smart, Ilary Blasi, biondissima, dolcevita grigio, lungo cappotto e occhiali neri, Chanel al braccio, su un suv bianco Bmw della sorella — senza scambiarsi neanche un vago saluto a beneficio di telecamere. Salvo poi tornare allo stesso domicilio, la mega-residenza di famiglia da 1.500 metri quadri, provvidenzialmente divisa in due (Francesco cerca casa con Noemi ma per adesso resta dove sono i figli) per consentire la convivenza a debita distanza.

 

FRANCESCO TOTTI NOEMI BOCCHI FOTO CHI FRANCESCO TOTTI NOEMI BOCCHI FOTO CHI

Davanti al tribunale, presidiato come nemmeno Fort Knox da guardie giurate e carabinieri, si era comunque radunata una discreta folla. Pattugliati androni, corridoi e persino i bagni, onde evitare incursioni non autorizzate.

ilary blasi tribunale roma 6 ilary blasi tribunale roma 6 noemi bocchi noemi bocchi francesco totti arrivo in tribunale 5 francesco totti arrivo in tribunale 5 ilary blasi tribunale roma 7 ilary blasi tribunale roma 7 ilary blasi tribunale roma 2 ilary blasi tribunale roma 2 noemi bocchi sugli spalti durante la partita roma totti weese 1 noemi bocchi sugli spalti durante la partita roma totti weese 1 ilary blasi tribunale roma ilary blasi tribunale roma ilary blasi tribunale roma 5 ilary blasi tribunale roma 5 francesco totti arrivo in tribunale 8 francesco totti arrivo in tribunale 8 noemi bocchi sugli spalti durante la partita roma totti weese 2 noemi bocchi sugli spalti durante la partita roma totti weese 2 francesco totti arrivo in tribunale francesco totti arrivo in tribunale francesco totti arrivo in tribunale 6 francesco totti arrivo in tribunale 6

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…

LE LODI A GIORNALI UNIFICATI PER ELISABETTA BELLONI, SHERPA AL G7, HANNO MANDATO IN TILT GLI OTOLITI FRAGILI DI GIORGIA MELONI - DELLA SERIE: MA ‘STA BELLONI LAVORA PER LO STATO O PER SE STESSA? - LA DUCETTA NON VUOLE NESSUNO A FARLE OMBRA, TANTOMENO UNA “SERVITRICE DELLO STATO” DALLE AMICIZIE TRASVERSALI CHE HA IL QUIRINALE NEL MIRINO - IL “DINAMISMO DI POTERE” DI ELISABETTA BELLONI, CHE HA APPESANTITO IL FEGATO DELLA MELONI, E’ DILAGATO SUI MEDIA GRAZIE ALL’OPERA DEL SUO CAPO DELLA COMUNICAZIONE AL DIS, LUCREZIA PAGANO - IL DAGOREPORT SU VITA, MIRACOLI E SUCCESSI DI LADY BELLONI, SEMPRE ABILE A DESTREGGIARSI NEL MARE AGITATO DELLA POLITICA ITALIANA