LA VENEZIA DEI GIUSTI - NON È CHE POI MI ABBIA PARTICOLARMENTE CONVINTO QUESTO “MADRES PARALELAS”, ULTIMA FATICA DI PEDRO ALMODOVAR CON PENELOPE CRUZ CHE HA APERTO LA MOSTRA IN MANIERA PERFETTA, È UN OTTIMO FILM DI APERTURA, LO AMMETTO, MA UN FILO PARRUCCONA. È UN MÈLO MATARAZZIANO CON VENATURE FLUIDE, MA CASTIGATE. TUTTO PREVEDIBILE E UN PO’ TELEFONATO – BRILLA LA SCENA DI SESSO AL RITMO DI “SUMMERTIME” DI JANIS JOPLIN – VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

 

 

Madres paralelas di Pedro Almodovar

Marco Giusti per Dagospia

 

penelope cruz pedro almodovar madres paralelas penelope cruz pedro almodovar madres paralelas

Sì. Vabbé. Non è che poi mi abbia particolarmente convinto questo “Madres paralelas”, ultima fatica di Pedro Almodovar con Penelope Cruz che ha aperto la Mostra in maniera perfetta, è un ottimo film di apertura, lo ammetto, ma un filo parruccona. E forse, malgrado i grandi nomi dei primi giorni e tanti film di grande livello, malgrado la evidente superiorità su Cannes, grazie anche ai film di Netflix e della Warner Bros, all'anteprima di "Dune", sarà probabilmente una Venezia restauratrice e un filo vecchiotta.

 

pedro almodovar penelope cruz pedro almodovar penelope cruz

"Madres paralelas", che vanta un bellissimo titolo e il logo storico della Warner Bros dei film di Michael Curtiz e Raoul Walsh, è un mèlo matarazziano con venature fluide, ma castigate, assolutamente prevedibile in tutti i suoi colpi di scena, che avevamo capito fin dall’inizio, ahimé, avendo visto troppi film nella nostra vita, rafforzato però dall’idea del recupero della memoria storica di un paese, in questo caso della Spagna e degli orrori del Franchismo, vista come un dna sullo stato di salute del presente e del futuro.

 

Tanto che il film si chiude, non è uno spoiler, sulla bella frase di Eduardo Galeano “Non c’è storia muta. Non importa quanto la bruciamo, non importa quanto la rompiamo, non importa quanto la inganniamo, la storia umana si rifiuta di tacere”.

 

la locandinda di madres paralelas la locandinda di madres paralelas

E’ come il passato inglorioso dei reduci di Abu Ghraib del film di Paul Schrader, “The Card Counter”, la storia, il nostro passato, quello che abbiamo fatto e che abbiamo fatto al nostro paese, ce lo portiamo dietro comunque, e si ripresenterà comunque nel futuro. A noi stabilire in quale forme.

 

Il passato con cui fare i conti, nel film, è ancora quello della Guerra Civile e dei centomila morti scomparsi senza una tomba che il franchismo e il postfranchismo hanno voluto oscurare come se nessuno ne chiedesse più conto.

 

Penelope Cruz, la bella fotografa quarantenne Janis, in onore di Janis Joplin ovvio, morta come sua madre a 27 anni di overdose con padre sconosciuto, si innamora di un antropologo barbuto, Israel Elejalde, al quale chiede di riesumare i corpi di suo bisnonno e altri abitanti di un paesino scomparsi durante il Franchismo.

 

penelope cruz madres paralelas penelope cruz madres paralelas

Rimane così incinta di lui, che ha già una moglie, oltretutto sotto chemio, te pareva, e si ritrova sola. In ospedale incontra la minorenne Ana, la bella Milena Smit, che aspetta anche lei un figlio, senza sapere bene chi è il padre, e ha una madre ingombrante, perché attrice madrilena in cerca di ruoli importanti, Aitana Sanchez-Gijon.

alberto barbera alberto barbera

 

Le due madri parallele si ritrovano così a partorire insieme due bambine, ma le cose non andranno come dovrebbero andare e il mélo nasce da una serie di colpi di scena che renderanno sempre più complesso e ambiguo il rapporto fra le due donne. Ripeto. Tutto prevedibile e un po’ telefonato.

 

pedro almodovar pedro almodovar

Anche se Penelope Cruz e le altre attrici, compresa una scatenata Rossy De Palma, ma sono brave anche quelle che interpretano le cameriere, sono particolarmente in forma, un trans-omaggio a Raffa c’è, ovviamente, e vi ricordo che proprio questo mese la Cruz sta girando un film in Italia diretto da Emanuele Crialese dove rifarà proprio la Carrà, la musica di Alberto Iglesias è perfetta per il mélo e brilla la scena di sesso al ritmo di “Summertime” di Janis Joplin. La parte storica, come è giusto, è quella più forte e la tirata di Penelope Cruz sull’aprire gli occhi sul passato spagnolo è accattivante, anche se non bellissimo. Ce lo vedremo? Ma sicuramente… 

il manifesto di madres paralelas il manifesto di madres paralelas madres paralelas madres paralelas madres paralelas madres paralelas madres paralelas madres paralelas penelope cruz madres paralelas penelope cruz madres paralelas madres paralelas madres paralelas madres paralelas madres paralelas madres paralelas madres paralelas penelope cruz pedro almodovar madres paralelas penelope cruz pedro almodovar madres paralelas penelope cruz madres paralelas penelope cruz madres paralelas alberto e giulia barbera alberto e giulia barbera madres paralelas madres paralelas pedro almodovar pedro almodovar isabelle huppert alberto barbera isabelle huppert alberto barbera madres paralelas madres paralelas milena smit, pedro almodovar, penelope cruz venezia 2021 milena smit, pedro almodovar, penelope cruz venezia 2021 pedro almodovar penelope cruz venezia 2021 pedro almodovar penelope cruz venezia 2021 penelope cruz roberto benigni alberto barbera penelope cruz roberto benigni alberto barbera roberto benigni 9 roberto benigni 9 isabelle huppert alberto barbera isabelle huppert alberto barbera alberto barbera isabelle huppert roberto cicutto alberto barbera isabelle huppert roberto cicutto josh siegel, shahram mokri, jasmila zbanic, nadia terranova mona fastvold josh siegel, shahram mokri, jasmila zbanic, nadia terranova mona fastvold

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

BOLLETTINIAMOCI! – OGGI 3.882 NUOVI CASI E 39 DECESSI, CON 487.218 TAMPONI EFFETTUATI E IL TASSO DI POSITIVITÀ CHE RIMANE STABILE ALLO 0,8% - LE DOSI DI VACCINO SOMMINISTRATE SONO OLTRE 88,3 MILIONI, CON PIÙ DI 44,2 MILIONI DI CITTADINI CHE HANNO COMPLETATO IL CICLO VACCINALE (81,84% DELLA POPOLAZIONE OVER 12) – BRUSAFERRO DELL’ISS: “IN ITALIA NON C'È UNA RISALITA DELLA POSITIVITÀ COME IN ALTRI PAESI UE. LA MORTALITÀ MOSTRA UN LIEVE AUMENTO ANCHE SE SI PARLA DI NUMERI LIMITATI”