1. DAI VERBALI DELLA POLIZIA LA VERA STORIA DEL PRIMO SCANDALO OMOSESSUALE DI PASOLINI
2. 1949: “PASOLINI COMINCIÒ A BACIARE IL ZENGARLI METTENDOGLI LA LINGUA IN BOCCA E PALPANDOGLI LE CARNI, POI, SBOTTONANDOSI I PANTALONI SCACCIAVA FUORI IL SUO MEMBRO, FACENDOSI MASTURBARE FINO A LUSSURIA SODDISFATTA PAGANDO POI IL RAGAZZO LIRE 10. TUTTO CIÒ AVVENIVA ALLA PRESENZA DI ALTRI TRE MINORI: DI 15 ANNI, DI ANNI 16 E DI 14 ANNI”
3. “AFFERMAVA CHE AVEVA SCELTO QUEI RAGAZZI PERCHÉ “MENO EDUCATI DI ALTRI” E POI AGGIUNSE: “AVEVO ECCEDUTO UN PO’ NEL BERE E … AVEVO VOLUTO TENTARE QUESTA ESPERIENZA EROTICA DI CARATTERE LETTERARIO AVENDO LETTO UN ROMANZO DI ANDRÈ GIDE”
4. LA FAMIGLIA DI PASOLINI OFFRÌ 100 MILA LIRE AI GENITORI DEI RAGAZZI PER EVITARE QUERELA. ATTRAVERSO POI UN EX PRESIDE DI LICEO I DEMOCRISTIANI FECERO SAPERE CHE AVREBBERO INSABBIATO LA COSA SE PASOLINI AVESSE RINUNCIATO ALLA SUA ATTIVITÀ POLITICA

Condividi questo articolo

Riceviamo e pubblichiamo:

 

PASOLINI VESTITO DA FIGHETTO PASOLINI VESTITO DA FIGHETTO

Caro direttore, in questi giorni mi è capitato di leggere fiumi di parole ma anche parecchie inesattezze sulla vicenda della denuncia “per immoralità” contro Pasolini. Che andò così, come è registrato dai giornali dell’epoca e dai verbali di polizia. Quindi riportata nel libro uscito nel 1992 da Marsilio, “Pasolini Requiem” di Barth David Schwartz.

 

Siamo a Ramuscello il 30 settembre 1949 durante una sagra di paese in onore di Santa Sabina. Durante il ballo su una piattaforma di legno allestita sull’erba, Pasolini incontra un ragazzo che sembra disposto ad appartarsi con lui nei campi con altri amichetti: si tratta di Giuseppe di 15 anni, e di altri due cugini che di anni ne avevano 16 e di un quarto, Ottorino, che aveva 14 anni.

 

PASOLINI PASOLINI

Il 22 ottobre scoppiava lo scandalo: arrivò una denuncia ai carabinieri di Cordovado per “corruzione di minori” e per “atti osceni in luogo pubblico”. I tutori dell’ordine verificarono che i ragazzi avevano pubblicamente raccontato di “aver menato l’uccello al professore”. “Il carabiniere Scognamiglio Luigi trovandosi a San Vito al Tagliamento per servizio il giorno 10 corrente veniva a conoscenza che nella frazione di Ramuscello 4 ragazzi avevano masturbato un individuo”, scrivevano i gendarmi.

 

PASOLINI PASOLINI

PASOLINI REQUIEM PASOLINI REQUIEM

Giuseppe durante l’interrogatorio dichiarava che lui e i suoi compagni erano stati avvicinati alla sagra da Pasolini il quale “offrendo dolci ai minori, invitava gli stessi a portarsi fuori dall’abitato in campagna”. “Poi”, è annotato nel verbale, “Pasolini cominciò a baciare il Zengarli mettendogli la lingua in bocca e palpandogli le carni, poi, sbottonandosi i pantaloni scacciava fuori il suo membro, facendosi masturbare fino a lussuria soddisfatta pagando poi il ragazzo lire 10. Tutto ciò avveniva alla presenza di altri tre minori”.

foto di pasolini dal libro massacro di un poeta di simona zecchi 9 foto di pasolini dal libro massacro di un poeta di simona zecchi 9

 

Anche un altro degli adolescenti disse di aver subito lo stesso trattamento (lingua in bocca e masturbazione) e di aver ricevuto lire 10 e pure il più piccolo Ottorino “veniva sollecitato a masturbarlo”. Ottorino però lo baciò solamente, per il resto si rifiutò, e ricevette la stessa cifra. Un altro ragazzino la sera successiva venne invitato da Pasolini ad andare al cinema con lui ma egli, “conoscendo di qual malattia Pasolini soffriva, rifiutò”.

 

Su suggerimento della zia Giannina, la famiglia di Pasolini offrì 100 mila lire ai genitori dei ragazzi affinché non spargessero querela. Attraverso poi un ex preside di Liceo, eletto nelle file della Dc, i democristiani fecero sapere che avrebbero insabbiato la cosa se Pasolini avesse rinunciato alla sua attività politica.

foto di pasolini dal libro massacro di un poeta di simona zecchi 7 foto di pasolini dal libro massacro di un poeta di simona zecchi 7 PASOLINI FALLACI CEDERNA PASOLINI FALLACI CEDERNA

 

Erano pronti a parlare con il Vescovo locale perché intercedesse presso i parroci della zona affinché parlassero con i genitori implicati nel caso e dimenticassero l’accaduto. Il 17 ottobre il comando dei carabinieri di Casarsa interrogava Pasolini il quale ammetteva che “le dichiarazioni fatte corrispondono esteriormente a verità”.

 

Affermava che aveva scelto quei ragazzi perché sembravano “meno educati di altri” e poi aggiunse: “Avevo ecceduto un po’ nel bere e … avevo voluto tentare questa esperienza erotica di carattere letterario avendo letto di recente un romanzo di argomento omosessuale di Andrè Gide”.

 

Le spiegazioni letterarie non bastarono a scagionarlo. Pasolini fu poi sospeso dall’insegnamento. Il 26, prima che ci fosse il processo, la Federazione regionale del Pci, si riunì in sessione straordinaria e votò l’espulsione per “indegnità morale”. Il 9 giugno 1950, Togliatti, firmandosi con lo pseudonimo di Roderigo di Castiglia attaccava Gide, e indirettamente Pasolini, suggerendo che non doveva parlare di politica ma di pederastia di cui era specialista.

PASOLINI 8 PASOLINI 8

 

L’8 aprile 1953 Pasolini venne assolto dall’accusa di “atti osceni” e di “corruzione di minori”.  Ma già nel 1950 aveva lasciato il Friuli.

 

Cordiali saluti

pasolini e la callas in medea pasolini e la callas in medea PASOLINI COMIZI AMORE PASOLINI COMIZI AMORE pasolini pasolini ninetto davoli franco citti pier paolo pasolini ninetto davoli franco citti pier paolo pasolini pasolini 2 pasolini 2 pier paolo pasolini durante le riprese per comizio damore sulla spiaggia di viareggio, 1965 mario dondero pier paolo pasolini durante le riprese per comizio damore sulla spiaggia di viareggio, 1965 mario dondero pasolini 1 pasolini 1 davoli pasolini 2 davoli pasolini 2 pasolini 3 pasolini 3 VELTRONI PASOLINI VELTRONI PASOLINI PASOLINI DAVOLI PASOLINI DAVOLI

PASOLINI REQUIEM 1 PASOLINI REQUIEM 1

Prof Alberto Alberti      

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute