LA VERSIONE DI MUGHINI - A VENTI ANNI DA QUANDO D’ALEMA SI AUGURÒ A VOCE ALTA CHE BERLUSCONI FOSSE COSTRETTO AD ANDARE A CHIEDERE L’ELEMOSINA A PARIGI, E DOPO CHE FOSSERO ANDATE IN MALORA LE SUE AZIENDE, MEDIASET VIENE REPUTATA UNA RISORSA DELL’ECONOMIA ITALIANA (IN BARBA A LAVIA) -

Condividi questo articolo


MUGHINI MUGHINI

Giampiero Mughini per Dagospia

 

Caro Dago, in una recente e bella intervista a Malcom Pagani di Gabriele Lavia leggo che questo “gigante” del teatro contemporaneo addossa perentoriamente lo scadimento della comunicazione televisiva a “Un signore che ha fondato una tv e ha capito che per avere più spettatori e vincere la partita della pubblicità bisognava realizzare il prodotto più scadente possibile. La tv pubblica italiana gli è andata dietro e per emularlo si è rovinata”.

 

MONICA GUARRITORE GABRIELE LAVIA - copyright Pizzi MONICA GUARRITORE GABRIELE LAVIA - copyright Pizzi

E dunque Mediaset come il Male Assoluto. Ancora una volta. Con tutto il rispetto che merita questo nostro mirabile attore e regista, sono molto lontano dal suo giudizio.

Non è vero affatto che i singoli programmi delle tv berlusconiane fossero peggiori dei corrispondenti programmi della tv pubblica.

 

In fatto di intrattenimento moderno, il  “Drive In” di Antonio Ricci era una delizia; il telegiornale diretto di Enrico Mentana fu da subito il più fresco e imprevedibile; un programma sportivo settimanale di cui un tantino mi intendo, “Controcampo”, fece a ragù il corrispondente e rivale programma Rai; il quiz condotto da Jerry Scotti, che fece da prodromo di tanti altri spettacoli affini, era di una sontuosa eleganza.

 

Lo scadimento della comunicazione televisiva è fenomeno molto più complesso e che ha svariate cause. La tv generalista soffre dell’assedio di centinaia di canali specializzati che le sottraggono pubblico e talvolta la parte migliore del pubblico.

 

berlusconi confalonieri mediaset berlusconi confalonieri mediaset

La lotta per la conquista del pubblico popolare s’è fatta più strenua, tonnellate e tonnellate di “cronaca nera” a invogliarlo ché di altro non vuol sapere. Il dibattito politico s’è involgarito e impoverito, e dove c’erano una volta Bettino Craxi, Giulio Andreotti, Ugo La Malfa compaiono personaggi di seconda e terza fila, se non delle vere e proprie macchiette. Ci sono meno soldi per tutti, e se è vero che i soldi non danno la felicità è altrettanto vero che servono e talvolta sono indispensabili.

 

Tutta questa tiritera per dirvi che sono contento che il governo italiano sostenuto da un partito in qualche modo di sinistra abbia adesso come preso le difese di una Mediaset sulla quale vorrebbero andare all’assalto francesi e altri ricchi pirati.

GREGGIO DRIVE IN GREGGIO DRIVE IN

 

A venti e passa anni da quando Massimo D’Alema si augurò a voce alta (e seppure fosse uno dei meno minchioni tra i leader della sinistra) che Silvio Berlusconi fosse costretto ad andare a chiedere l’elemosina a Parigi, e dopo che fossero andate in malora le sue aziende, Mediaset viene reputata una risorsa dell’economia italiana, un’azienda che ha dato lavoro a decine di migliaia di italiani e che se non ci fosse, noi italiani non è che saremmo migliori.

 

Bene. Quell’azienda la conosco discretamente non perché abbia avuto con loro (con il gruppo dirigente delle televisioni commerciali) il benché minimo rapporto, ho solo preso parte a un paio di programmi Mediaset i cui conduttori mi avevano in simpatia.

 

DALEMA BERLUSCONI BY BENNY DALEMA BERLUSCONI BY BENNY

Però me li ricordo i loro studi, dove sedevano in gran parte dei giovani che non so dove altro avrebbero potuto lavorare “a togliersi dai coglioni”. E ricordo che le condizioni di quegli studi erano buone e giovani. Né mi pare che a quei giovani glielo leggessi in volto quale fosse il partito che aveva indicato loro il posto di lavoro.

 

E poi, ultimissima cosa: in poco più di vent’anni che faccio fatture intestate a Mediaset, non una me ne è stata pagata con un’ora di ritardo rispetto alla data pattuita. Per quanti di voi sono nati ricchi, è un argomento cui un gentiluomo non dovrebbe nemmeno accennare. Per me che vivo del mio lavoro, è un buon argomento. Con il permesso del nostro grande Lavia.

 

 

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - PRIMA DI RISPOLVERARE SECCHIELLI E PALETTE, SLIP E TANGA, IL GOVERNO DUCIONI DEVE SBROGLIARE QUEL CUBO DI RUBIK CATODICO CHE SI CHIAMA RAI. LA FIAMMA TRAGICA È TUTTA D’ACCORDO DI METTERE L’EX “GABBIANO” GIAMPAOLO ROSSI SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO, AL POSTO DI ROBERTO SERGIO CHE NON CE L’HA FATTA A VINCERE LA DIFFIDENZA TOTALE VERSO GLI “ESTRANEI” DI VIA DELLA SCROFA - MA IL VERO ROMPICOJONI DI GIORGIA È SEMPRE LUI: MATTEO SALVINI CHE TEME DI RESTARE FUORI DALLA SPARTIZIONE TRA FDI, CON ROSSI SULLA POLTRONA DI AD, E FORZA ITALIA CON SIMONA AGNES ALLA PRESIDENZA. OVVIAMENTE NON HANNO NESSUNA INTENZIONE DI DARE AL CARROCCIO LA POLTRONA DI DIRETTORE GENERALE, SULLA QUALE STA SEDUTO ORA ROSSI...

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDANO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA...