VITA, OPERE E BOHÈME DEL GRANDE NADAR, IL FOTOGRAFO FRANCESE CHE IMMORTALO' TUTTI, DA BAUDELAIRE A HUGO, DA PUCCINI A BAKUNIN - AMICO DI JULES VERNE, FU IL PRIMO A SALIRE SU UNA MONGOLFIERA PER SCATTARE FOTO AEREE E A OFFRIRE LO STUDIO PER LA MOSTRA DEI SUOI AMICI IMPRESSIONISTI - VIDEO

-

Condividi questo articolo


Michael Dirda per “Washington Post

 

‘VITA E OPERE DEL GRANDE NADAR’

 

 

the great nadar libro the great nadar libro

Se avete studiato letteratura francese, vi sarete imbattuti nel suo nome: Nadar, il più importante fotografo francese del diciannovesimo secolo. fu lui ad immortalare Alexandre Dumas, Théophile Gautier, Gérard de Nerval, Charles Baudelaire, Victor Hugo, George Sand, Honoré Daumier, Jules Verne, Rossini e altri artisti, politici e filosofi.

sarah bernhardt fotografata da nadar sarah bernhardt fotografata da nadar

 

Grazie alla sua attrezzatura pioneristica, oggi possiamo ancora ammirare la attrice teatrale Sarah Bernhardt, la divina, o la moglie del fotografo da anziana, che ricevette gli elogi di Roland Barthes.

 

sarah bernhard secondo nadar sarah bernhard secondo nadar

“The Great Nadar” è il nuovo libro scritto da Adam Begley, un piacere da leggere o anche solo da guardare. Nato nel 1820, Gaspard-Félix Tournachon scelse lo pseudonimo “Nadar”. Viveva con altri artisti squattrinati in quartieri malfamati, popolati da donne che ti portavano direttamente e velocemente alla morte. Un’esistenza raccontata nel romanzo ‘Scènes de la vie de Bohème’, che poi ispirò la trama a “La Bohème” di Puccini.

charles baudelaire immortalato da nadar charles baudelaire immortalato da nadar

 

Nadar ebbe una relazione con la haitiana Jeanne Duval, che poi divenne amante di Baudelaire, protagonista di molte sue poesie. L’altro suo amico era il poeta Nerval, che portava a spasso un’aragosta con tanto di guinzaglio di seta blu. Nadar scrisse un romanzo e qualche articolo, poi diventò illustratore e caricaturista per i più importanti periodici parigini.

studio nadar studio nadar

 

Aprì una specie di Factory worholiana, dove con gesti napoleonici, firmava i dipinti con la sua ‘N’. La sua ‘azienda’ fotografica impiegava una cinquantina di persone, lui ormai scattava solo quando si presentavano a studio le celebrità e gli amici. Lì passarono tutti: dall’anarchico Mikhail Bakunin al Primo Ministro François Guizot.

 

edouard manet immortalato da nadar edouard manet immortalato da nadar

La routine lo annoiava, così fu il primo a salire sulla mongolfiera per scattare foto aeree, nel 1858, e diventò ossessionato dal futuro nei cieli. Jules Verne fu suo grande amico e lo infilò con l’anagramma di Ardan, avventuriero francese, nel suo romanzo ‘Dalla Terra alla Luna’. Lo studio di Nadar, nel 1874, ospitò la prima mostra degli Impressionisti.

nadar e la moglie in mongolfiera nadar e la moglie in mongolfiera jules verne immortalato da nadar jules verne immortalato da nadar ernestine nadar fotografata dal marito ernestine nadar fotografata dal marito alexandre dumas immortalato da nadar alexandre dumas immortalato da nadar georges sand immortalata da nadar georges sand immortalata da nadar nadar 1854 nadar 1854 victor hugo immortalato da nadar victor hugo immortalato da nadar lo scrittore adam begley lo scrittore adam begley

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

L’ULTIMO REGALO DELLA MERKEL AI TEDESCHI - PRIMA DI LASCIARE LA CANCELLERIA, ANGELONA MERKEL METTE IN LOCKDOWN I NO VAX E LANCIA LA VACCINAZIONE OBBLIGATORIA DA FEBBRAIO - I TEDESCHI SONO IN GROSSA DIFFICOLTÀ PER IL COVID, AL PUNTO CHE LA MERKEL HA DETTO DI INVIDIARE L’ITALIA - GRAMELLINI: “IL SUO ELOGIO NON È ESTESO ALL'INTERO SCIBILE ITALICO E SARÀ STATO CONDIZIONATO DAL PRESTIGIO DI DRAGHI, MA RESTA IL FATTO CHE QUESTO SGANGHERATO PAESE SE L'È CAVATA MEGLIO DI QUASI TUTTI, NONOSTANTE ABBIA LA CLASSE POLITICA CHE HA E NONOSTANTE GLI ITALIANI SIANO..."

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute