WOMEN-ONLY - RICICCIA LA FOTOGRAFIA ‘’BOUDOIR’’: POSARE IN AMBIENTI PRIVATI ESALTA LA SENSUALITÀ DELLE DONNE DI TUTTE LE ETÀ E DI TUTTE LE TAGLIE

Arrivano in Europa gli studi specializzati nelle foto in ambienti privati per le signore - La maggior parte di loro sceglie di non posare nuda perchè l'arte della fotografia Boudoir è quella di suggerire invece di svelare - C'è chi regala al marito il book ma molte lo fanno solo per se stesse...

Condividi questo articolo

Dagotraduzione dell'articolo di Kathryn Knight per il "Mailonline"
www.dailymail.co.uk

FOTOGRAFIE BOUDOIRFOTOGRAFIE BOUDOIR

I servizi fotografici Boudoir, molto in voga negli Stati Uniti negli ultimi dieci anni, cominciano a prendere piede anche sull'altra sponda dell'Atlantico, con moltissimi studi aperti da donne in tutto il Regno Unito.

I book possono costare tra le 150 e le 800 sterline. Gli studi fotografici sono progettati come camere da letto di una cortigiana o come eleganti spogliatoi, con carta da parati color pastello, mobili coperti da velluto e specchiere francesi.

Si tratta di un tipo di fotografie solo al femminile (gli scatti boudoir sono riservati alle donne e non ai loro partner) e la clientela viene invitata a vestirsi in qualsiasi modo le faccia sentire a loro agio. La maggior parte di loro portano la loro lingerie ma sono disponibili per le signore anche degli accessori come boa di piume e giarrettiere, per coloro che vogliono avere un aspetto più da vamp.

FOTOGRAFIE BOUDOIRFOTOGRAFIE BOUDOIR

Per quanto riguarda gli scatti è la donna a decidere. "Alcune vogliono solo immagini molto anonime, con un paio di calze e una schiena nuda di profilo, altre invece preferiscono immagini che le identifichino maggiormente" dice la fotografa Boudoir Andrea Dennis. "Se vogliono essere completamente nude va bene, ma la maggior parte preferisce un look più sottile, visto che l'arte della fotografia Boudoir è quella di suggerire invece che svelare".

FOTOGRAFIE BOUDOIRFOTOGRAFIE BOUDOIR

Andrea, madre di due figlie, ha lasciato un lavoro come farmacista per diventare fotografa e mostra con grande orgoglio il suo studio, completo di chaise longue, specchiera e carta da parati. E sottolinea che, che se ultimamente Boudoir è diventato sinonimo di camera da letto, la parola deriva dal francese bouder, ovvero "mettere il broncio".

Il Boudoir di una signora, dunque, era il luogo dove poteva andare a sperimentare le sue emozioni lontano dagli occhi indiscreti del marito. In un certo senso, questo rimane lo spirito della fotografia Boudoir. "Alcune delle mie clienti invia le immagini al marito come regalo ma molte di loro lo fanno solo per loro stesse" precisa la Dennis.

"Le donne che entrano nel mio studio sono molto diverse tra loro" continua Andrea Dennis. "Ci sono divorziate che hanno perso fiducia in loro stesse, donne che hanno avuto una malattia, donne che hanno dedicato molto tempo alla loro famiglia e molto poco a loro stesse. Per tutte l'obiettivo è trovare un proprio lato sensuale senza giudizi o imbarazzi.

FOTOGRAFIE BOUDOIRFOTOGRAFIE BOUDOIR

Louise Young, che gestisce uno studio Boudoir a Cambridge, dice che "non si tratta di ostentazione, le immagini non sono destinate a essere eccitanti, sono sensuali piuttosto che apertamente sexy".

Julie Lovegrove, che ha aperto uno studio Boudoir a Bristol, dice che la popolarità della fotografia Boudoir è già di per sè una ribellione rispetto alle immagini uniformi della donna alimentate dalla pubblicità. "Credo che in questo modo le donne possano dire ok, non ho più 22 anni ma posso essere ancora bella e sensuale"

FOTOGRAFIE BOUDOIRFOTOGRAFIE BOUDOIR FOTOGRAFIE BOUDOIRFOTOGRAFIE BOUDOIR

 

 

FOTOGRAFIE BOUDOIRFOTOGRAFIE BOUDOIR

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute