ABERCROMBIE & FLOP – IL FAMOSO MARCHIO DI ABBIGLIAMENTO AMERICANO E’ IN CRISI NERA: A WALL STREET IL TITOLO E’ IN PICCHIATA ED E’ APPENA FALLITA LA TRATTATIVA CON AMERICAN EAGLE CHE VOLEVA ACQUISTARE IL BRAND – DOPO ANNI DI BOOM,  OGGI GLI ADOLESCENTI PREFERISCONO UNO STILE NO LOGO E A PREZZI BASSI

-

Condividi questo articolo


Da il Giornale

 

negozio a&f negozio a&f

La caduta verticale del titolo a Wall Street è iniziata venerdì scorso e sembra non volersi arrestare. Per Abercrombie & Fitch, storico marchio americano che ha spopolato tra i teenager di mezzo mondo (molti gli italiani), il «folle» successo degli ultimi anni è giunto al capolinea. E all' orizzonte non si intravede nemmeno quel cavaliere bianco in cui la società sperava. Il Wall Street Journal ha rivelato che le trattative in corso da maggio sono state un buco nell' acqua: a farsi avanti erano state American Eagle Outfitters con il private equity Cerberus Capital e Sycamore Partners.

 

Ma da lunedì, quando lo stop alla vendita è stato ufficializzato, gli investitori hanno iniziato a fuggire e il titolo è precipitato dalla soglia dei 13 dollari di venerdì scorso a 8,8 dollari. E pensare che un anno fa il titolo era sopra i 20 dollari, mentre i massimi storici erano stati toccati nel 2007 a 84 dollari. A&F ha una lunghissima storia alle spalle anche se, in Italia, ha avuto successo solo in anni recenti, con l' apertura, nell' autunno del 2009, del suo primo flagship store a Milano. Per anni il punto vendita di oltre 3 mila metri quadrati è stato contraddistinto da lunghe code di adolescenti che volevano a tutti i costi una t-shirt, o una felpa, con il celebre logo raffigurante un alce.

modelli abercrombie modelli abercrombie

 

Una «moda» che sembra essere del tutto evaporata, così come il fascino dei commessi palestrati e a petto nudo, in linea con una precisa politica di vendita incentrata sull' associazione del brand a stereotipi di sensualità e ricchezza. D' altra parte, a parlare del declino del gruppo sono i numeri: da 17 trimestri consecutivi mostra vendite in calo. Nell' annata 2016-17, esse sono diminuite del 5% a 3,32 miliardi di dollari (3,166 miliardi di euro). L' insegna Abercrombie è quella in maggiore difficoltà, visto che accusa un calo delle vendite dell' 11%. Solo una questione di mode dietro questa grave crisi? Guardando alla storia della società si può trovare una risposta nel cambio di leadership, ma anche nel nuovo mondo dei consumi dove ormai spopola l' online.

 

modelli a&f modelli a&f

A&F è stata fondata nel 1892 a Manhattan da David Abercrombie. La società nata come negozio di abbigliamento sportivo, nel 1900 ha visto l' ingresso nel capitale del facoltoso uomo d' affari Ezra Fitch che, espandendo il marchio al grande pubblico, ha conquistato personaggi come John F. Kennedy e Teddy Roosevelt. Dopo una serie di passaggi di proprietà, nel 1992, se ne assume la guida Michael Jeffries che sarà ceo per 22 anni: a inizio anni '90 il mercato dell' abbigliamento per teenager è in enorme espansione, e lui scommette proprio su quello.

 

mike jeffries mike jeffries

Nel 1996 la società si quota a New York. Nei dieci anni successivi i ricavi continuano a crescere, ma A&F è accusata di dare un' immagine diseducativa. Nel 2014 Michael Jeffries lascia l' azienda. La tesi degli analisti è che la società si sia trovata all' improvviso «dal lato sbagliato della moda»: i ragazzi sono passati a comprare abiti economici e senza loghi, che possono utilizzare per creare un loro stile personale. I millennials vogliono prezzi competitivi e prodotti etici. E il rebranding in atto forse non basterà.

ABERCROMBIE ABERCROMBIE

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

PER ROMA È LA FINE DI UN’ERA: CHIUDE I BATTENTI “IL BOLOGNESE” (MA NON PER SEMPRE) – ALFREDO TOMASELLI E SUO FIGLIO ETTORE VENDONO LO STORICO RISTORANTE DI PIAZZA DEL POPOLO, DOVE IN OLTRE 60 ANNI SI SONO ATTOVAGLIATE CELEBRITÀ D'OGNI SORTA, CAPI DI STATO E STARLETTE, BOIARDI DELLA PRIMA REPUBBLICA E ASPIRANTI VIP ACCORSI SPERANZOSI DI FARSI VEDERE DALLA PIÙ REMOTA PROVINCIA – I TOMASELLI PASSANO LA MANO MA LA GLORIOSA INSEGNA RESTERÀ AI NUOVI PROPRIETARI: “RESISTERE AL DEGRADO DEL CENTRO DI ROMA ERA DIVENTATO TROPPO FATICOSO” – QUELLA VOLTA CHE GHEDDAFI TEMETTE DI ESSERE AVVELENATO…

FLASH! – CONFLITTO TOTALE: SALVINI ACCUSA GIORGETTI DI ESSERE LO ZERBINO DELLA DUCETTA E FIAMMA CANTANTE (ARIANNA, SCURTI, FAZZOLARI) - DAL SUPERBONUS RETROATTIVO AL PONTE SULLO STRETTO, DAL MES A DRAGHI A BRUXELLES, DALLA CANDIDATURA VANNACCI ALLE NOMINE IN CDP, I CONTRASTI NON SI CONTANO PIÙ - IL LEADER DELLA LEGA, SEMPRE PIU’ IN AFFANNO PER LA CRESCENTE DISAFFEZIONE DEGLI ELETTORI DEL CARROCCIO, COL SORPASSO DI FORZA ITALIA SUL COLLO, SI SPARA UN CONDONO AL GIORNO MANDANDO ALL’ARIA LE CORONARIE E LE CASSE VUOTE DEL MINISTRO DELL’ECONOMIA…

FLASH! – A BRUXELLES SI CHIEDONO BASITI: PERCHE’ LE BANCHE ITALIANE (DA INTESA A UNICREDIT) NON FANNO PRESSIONE SUL GOVERNO MELONI PER LA RATIFICA DELLA RIFORMA DEL MES? (L’ITALIA DELLA DUCETTA E’ L’UNICO PAESE SU 27 CHE L’HA RIFIUTATO) - IN FIN DEI CONTI, AGGIUNGONO I PARTNER EUROPEI, E’ UNA RIFORMA CHE TOCCA DA VICINO LE ISTITUZIONI CREDITIZIE PERCHE’, IN CASO DI UN EVENTUALE CRACK BANCARIO, DEVE SERVIRE AD EVITARE CHE I GOVERNI NAZIONALI SIANO COSTRETTI A METTERE LA MANO AL PORTAFOGLIO DEI CITTADINI…

DAGOREPORT – PERCHE' L'"INCIDENTE" HA FATTO FELICI IRAN E ISRAELE - RAISI MIRAVA ALLA SUCCESSIONE DELL’85ENNE KHAMENEI. MA, PER IL RUOLO DI GUIDA SUPREMA, L’AYATOLLAH HA SCELTO IL FIGLIO MOJTABA, 'EMINENZA GRIGIA' DEI PASDARAN CHE HANNO IN MANO IL POTERE POLITICO ED ECONOMICO DELL'IRAN – NON SOLO: RAISI AVEVA INIZIATO A INCIUCIARE CON GLI STATI UNITI PER LA STABILIZZAZIONE DEL GOLFO. L’”AMERIKANO” RAISI HA FATTO IMBUFALIRE NON SOLO I PASDARAN, MA ANCHE NETANYAHU, IL QUALE VIVE IN ATTESA DEL RITORNO DI TRUMP ALLA CASA BIANCA E HA BISOGNO COME IL PANE DI UN NEMICO PER OCCUPARE ANCORA LA POLTRONA DI PREMIER... 

MA DOVE STA ZHANG ZHANG? - IL 32ENNE IMPRENDITORE CINESE, DAL 2018 AZIONISTA DI MAGGIORANZA DELL’INTER, NON SI VEDE IN GIRO DA UN ANNO. NON ERA A MILANO NEMMENO PER LA FESTA SCUDETTO. LA VERITÀ È CHE ZHANG NON PUÒ LASCIARE LA CINA DA OLTRE UN ANNO PER LA CONDANNA DEL TRIBUNALE DI HONG KONG A RISARCIRE CHINA CONSTRUCTION BANK E ALTRI CREDITORI DI 320 MILIONI - A QUESTO PUNTO, NON CI VUOLE IL MAGO OTELMA PER SCOPRIRE IL MOTIVO PER CUI IL MEGA-FONDO AMERICANO PIMCO SI SIA RITIRATO DAL FINANZIAMENTO DI 430 MILIONI DI EURO A UN TIPINO INSEGUITO DAI TRIBUNALI, A CUI PECHINO NON RILASCIA IL VISTO PER ESPATRIARE, COME MISTER ZHANG…