L’AUTISTA DEL CAMION CHE HA CAUSATO LA STRAGE A NIZZA E’ ERA UN 31ENNE FRANCO-TUNISINO - IL SUO PROFILO NON ERA NOTO AI SERVIZI SEGRETI MA ALLA POLIZIA PER PICCOLI REATI E RISSA - A BORDO DEL CAMION AVEVA ARMI DI GROSSO CALIBRO MA FINTE

L’uomo non era mai stato indagato o interrogato per terrorismo o come integralista - Le indagini sono ancora in corso per capire la presenza di eventuali complici. L’ufficio del procuratore di Parigi ha aperto un’inchiesta per “omicidio e tentato omicidio in un gruppo organizzato legato a un’impresa terroristica”... -

Condividi questo articolo


Raffaella Cagnazzo per www.corriere.it

 

Strage di Nizza - il tir dell attacco Strage di Nizza - il tir dell attacco

Ha cercato il massacro l’attentatore che la sera del 14 luglio ha investito centinaia di persone assiepate sul lungomare. La polizia è cauta nel diffondere la sua identità. Poche le notizie che trapelano dagli inquirenti. Un documento di identità di un franco-tunisino, 31enne, residente a Nizza, è stato trovato all’interno del camion utilizzato per la strage. Ed è questo il primo profilo che emerge dell’assalitore, l’uomo che ha listato a lutto la festa per eccellenza della Francia.

 

NEL CAMION, CARTA D’IDENTITÀ DI UN FRANCO-TUNISINO

Strage di Nizza - il tir dell attacco Strage di Nizza - il tir dell attacco

Al 31enne indicato sulla carta d’identità trovata, secondo France Info, corrisponde il profilo di un uomo non noto ai servizi segreti, ma alla polizia per reati di violenza minore, in particolare una recente lite. Alle spalle, insomma, una storia fatta di piccoli reati. Ma non era mai stato indagato o interrogato per terrorismo o come integralista. Le indagini sono ancora in corso per capire la presenza di eventuali complici. L’ufficio del procuratore di Parigi ha aperto un’inchiesta per «omicidio e tentato omicidio in un gruppo organizzato legato a un’impresa terroristica».

 

A BORDO, ARMI «FITTIZIE»

strage di nizza 64 strage di nizza 64

L’autista del camion ha falciato chiunque trovasse sulla sua strada, procedendo per due chilometri a zig-zag tra la folla, e ha sparato più volte con una pistola prima di essere ucciso dalla polizia. A bordo del camion la polizia ha trovato armi di grosso calibro ma, si è saputo da fonti vicini alle indagini, tutte false: armi «fittizie» e una granata «non operativa».

strage di nizza 63 strage di nizza 63 STRAGE DI NIZZA - IL TIR SI LANCIA SULLA FOLLA STRAGE DI NIZZA - IL TIR SI LANCIA SULLA FOLLA

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ANCHE I DRAGHI, OGNI TANTO, COMMETTONO UN ERRORE. SBAGLIÒ NEL 2022 CON LA CIECA CORSA AL COLLE, E SBAGLIA OGGI A DARE FIN TROPPO ADITO, CON LE USCITE PUBBLICHE, ALLE CONTINUE VOCI CHE LO DANNO IN CORSA PER LA PRESIDENZA DELLA COMMISSIONE EUROPEA - CHIAMATO DA URSULA PER REALIZZARE UN DOSSIER SULLA COMPETITIVITÀ DELL’UNIONE EUROPEA, IL COMPITO DI ILLUSTRARLO TOCCAVA A LEI. “MARIOPIO” INVECE NON HA RESISTITO ALLE SIRENE DEI MEDIA, CHE TANTO LO INCENSANO, ED È SALITO IN CATTEDRA SQUADERNANDO I DIFETTI DELL’UNIONE E LE NECESSARIE RIFORME, OFFRENDOSI COME L'UOMO SALVA-EUROPA - UN GRAVE ERRORE DI OPPORTUNITÀ POLITICA (LO STESSO MACRON NON L’HA PRESA BENE) - IL DESTINO DI DRAGHI È NELLE MANI DI MACRON, SCHOLZ E TUSK. SE DOPO IL 9 GIUGNO...

DAGOREPORT – BENVENUTI ALLA PROVA DEL “NOVE”! DOPO LA COSTOSA OPERAZIONE SUL ''BRAND AMADEUS'' (UN INVESTIMENTO DI 100 MILIONI DI DOLLARI IN 4 ANNI), A DISCOVERY NON VOGLIONO STRAFARE. E RESTERANNO FERMI, IN ATTESA DI VEDERE COSA SUCCEDERA' NELLA RAI DI ROSSI-MELONI - ''CORE BUSINESS' DEL CANALE NOVE: ASCOLTI E PUBBLICITÀ, QUINDI DENTRO LE SMORFIE E I BACETTI DI BARBARELLA D'URSO E FUORI L’INFORMAZIONE (L’IPOTESI MENTANA NON ESISTE) - LA RESPONSABILE DEI CONTENUTI DI DISCOVERY, LAURA CARAFOLI, PROVO' AD AGGANCIARE FIORELLO GIA' DOPO L'ULTIMO SANREMO, MA L'INCONTRO NON ANDO' A BUON FINE (TROPPE BIZZE DA ARTISTA LUNATICO). ED ALLORA È NATA L’IPOTESI AMADEUS, BRAVO ''ARTIGIANO" DI UNA TV INDUSTRIALE... 

DAGOREPORT – L’INSOFFERENZA DI AMADEUS VERSO LA RAI È ESPLOSA DURANTE IL FESTIVAL DI SANREMO 2024, QUANDO IL DG RAI GIAMPAOLO ROSSI, SU PRESSIONE DEI MELONI DI PALAZZO CHIGI, PROIBI' AI RAPPRESENTANTI DELLA PROTESTA ANTI-GOVERNATIVA DEI TRATTORI DI SALIRE SUL PALCO DELL'ARISTON - IL CONDUTTORE AVEVA GIÀ LE PALLE PIENE DI PRESSIONI POLITICHE E RACCOMANDAZIONI PRIVATE (IL PRANZO CON PINO INSEGNO, LE OSPITATE DI HOARA BORSELLI E POVIA SONO SOLO LA PUNTA DELLA CAPPELLA) E SI È LANCIATO SUI DOLLARONI DI DISCOVERY – L’OSPITATA “SEGRETA” DI BENIGNI-MATTARELLA A SANREMO 2023, CONSIDERATA DAI FRATELLINI D’ITALIA UN "COMIZIO" CONTRO IL PREMIERATO DELLA DUCETTA, FU L'INIZIO DELLA ROTTURA AMADEUS-PRESTA…