UN BAMBINO CON GREMBIULE E MASCHERINA DAVANTI ALLA SCUOLA CHIUSA: LA FOTO DI UNA MAMMA DI SALERNO IMPAZZA SUL WEB -  DOPO L’ORDINANZA DEL GOVERNATORE DE LUCA, CHE PREVEDE LA CHIUSURA DI SCUOLE E UNIVERSITÀ IN CAMPANIA, LO SCATTO SCATENA UN PANDEMONIO. "UN BAMBINO SENZA SCUOLA È UNA STRETTA AL CUORE". MA C’E’ CHI SOTTOLINEA: “LA CHIUSURA DELLE SCUOLE ERA NECESSARIA, IN BALLO C’È LA SALUTE. LE PROTESTE NON SERVONO”

-

Condividi questo articolo

Enrico Galletti per corriere.it

 

FOTO DI UN BIMBO DAVANTI ALLA SCUOLA CHIUSA FOTO DI UN BIMBO DAVANTI ALLA SCUOLA CHIUSA

Un bambino con il suo banchetto, la scuola chiusa, l’ingresso sbarrato. Lui fermo, seduto e in silenzio con il suo grembiule e la mascherina. Dopo l’ordinanza del governatore De Luca, che prevede la chiusura di scuole e università in Campania, c’è una foto che sta facendo il giro del web: un alunno seduto su una sedia, dietro a un piccolo banco, è solo davanti al suo istituto, le elementari Matteo Mari, nella zona orientale di Salerno. «Protesta civile e silenziosa di un bambino e un gruppo di mamme per l’ordinanza regionale che ieri sera ha chiuso le scuole», recita il post di un giornalista campano che sta ricevendo migliaia di commenti e condivisioni.

vincenzo de luca vincenzo de luca ZINGARETTI E DE LUCA ZINGARETTI E DE LUCA

 

In realtà lo scatto è stato realizzato da una delle mamme che in queste ore stanno organizzando una mobilitazione per opporsi alla chiusura delle scuole, fissata con l’ordinanza regionale fino al 30 ottobre.

 

Protesta che scatterà domani mattina alle 9.30 davanti alla prefettura di Salerno. Intanto, sotto la foto diventata virale, il web si divide. «Un bambino senza scuola è una stretta al cuore», scrive qualcuno. «Questo ragazzo ha manifestato la sua ribellione con un fare da adulto», si legge nei commenti. Ma c’è chi dice: «La chiusura delle scuole era necessaria, in ballo c’è la salute. Le proteste non servono».

de luca de luca

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

CI SCRIVE TRENITALIA E AMMETTE CHE LE ESIGENZE DI MOBILITÀ DEL PERIODO NATALIZIO ''NON POSSONO ESSERE SEMPLICEMENTE RIMODULATE SULLA BASE DELLE ESPERIENZE DEGLI ANNI PASSATI, MA IMPONGONO UNA APPROFONDITA VALUTAZIONE DEL MUTATO CONTESTO''. QUINDI QUEST'ANNO I BIGLIETTI PER I TRENI NATALIZI SARANNO DISPONIBILI ''A PARTIRE DAGLI INIZI DI NOVEMBRE'', CON VARIE SETTIMANE DI RITARDO RISPETTO AL SOLITO. SEMPRE CHE IN QUESTI GIORNI NON SIA IL GOVERNO A SCONVOLGERE I PIANI DI VIAGGIO DEGLI ITALIANI…

salute