1. CHE NE HANNO FATTO, GIULIO E FRANCESCA OCCHIONERO, DEGLI 87 GIGA DI DATI SENSIBILI TRAFUGATI IN SEI ANNI? TRAFFICAVANO IN PROPRIO O PER CONTO DI QUALCUNO? E SE SI', DI CHI?

2. LEI SI FORMA NELLA SECONDA METÀ DEGLI ANNI '90 IN UNA SOCIETÀ DELL'IRI IN MATERIE COME IL "DATA PRIVACY" E IL "SECURITY MANAGEMENT". LUI SI MUOVE IN UN AMPIO SISTEMA DI RELAZIONI ED E' LEGATO A UBALDO LIVOLSI, IL FINANZIERE SICILIANO CUI BERLUSCONI DEVE LA SALVEZZA DI FININVEST. L'UOMO CHE INVENTÒ IL MARCHIO MEDIASET E LA SUA QUOTAZIONE 

3. BISIGNANI SPIFFERA: “SECONDO ME DIETRO GLI OCCHIONERO CI SONO I SERVIZI STRANIERI. NESSUNO, SENZA UN CERTO APPARATO, PUÒ CARPIRE INFORMAZIONI A CAPI DI GOVERNO...”

Condividi questo articolo


1 - L'INGEGNERE E LA MARATONETA LA RETE DI FRATELLO E SORELLA INTORNO AI POTENTI D'ITALIA

Carlo Bonini per “la Repubblica”

 

FRANCESCA OCCHIONERO FRANCESCA OCCHIONERO

Chi diavolo sono davvero Giulio e Francesca Occhionero? E soprattutto, che ne hanno fatto o intendevano farsene degli 87 gigabyte di dati sensibili trafugati in sei anni? E poi: trafficavano in proprio o per conto terzi? E quanto pesano in questa storia le frenesie massoniche di lui, iscritto alla loggia in chiaro numero 773 del Grande Oriente d' Italia "Paolo Ungari- Nicola Ricciotti Pensiero e Azione" di cui ambiva a diventare "Maestro Venerabile" fino al punto di immaginare una diaspora in una confraternita nuova di zecca che avrebbe dovuto vedere la luce in quel di Fiumicino?

 

Vedremo che, come in un gioco di matrioske, la storia di Giulio e il suo sistema di relazioni somiglia a una macchina del tempo sullo sfondo del quale si indovina il profilo della alta nomenclatura di Stato e un vecchio arnese degli albori del berlusconismo, Ubaldo Livolsi, ex amministratore delegato di Fininvest e una condanna nel 2012 per concorso nella bancarotta di Finpart. Ma andiamo con ordine.

MEL SEMBLER GIULIO OCCHIONERO MEL SEMBLER GIULIO OCCHIONERO

 

Partendo dalla parte in chiaro di questa faccenda. Giulio e Francesca, fratello e sorella, 48 anni lei, 45 lui, solide radici negli Stati Uniti (lei è nata a Medford, in Oregon) e residenza a Londra, hanno curriculum da coppia siamese e un tipo di mestiere che, se si deve stare ai profili professionali postati su Linkedin, ha a che fare con l'asset management, la gestione di risorse aziendali.

 

«Da circa quindici anni - scrive Francesca di sé - ha ricoperto ruoli direzionali all' interno di diverse società e in consigli di amministrazione, occupandosi e maturando quindi esperienza sia nei settori tipicamente connessi allo start up di nuove aziende, alla gestione aziendale in genere (gestione del personale, dell' amministrazione, del contenzioso legal-societario, amministrativo e giuslavoristico) che in quelli più direttamente legati alla gestione delle relazioni con la clientela».

 

francesca maria occhionero francesca maria occhionero

Più o meno tutto e niente. O, se si preferisce, tutto e il suo contrario. Perché, grattando un po' la superficie, si scopre che questa signora che posa ad appassionata runner nel suo profilo Facebook, si forma nella seconda metà degli anni '90 in una società dell' Iri in materie come il "data privacy" e il "security management", per poi mettersi a lavorare dal 2001 in avanti insieme al fratello. Che gioca su mille tavoli.

 

Giulio, che è un brillante ingegnere e ama accompagnarsi e farsi vedere con un' amica russa, si definisce infatti un analista finanziario quantistico. È esperto in modelli matematici e gestione del rischio e offre i suoi servizi attraverso una società inglese, la "Westlands securities srl Limited" con sede a Malta.

 

Una scatola controllata da altre due società, la off-shore "Omerik Limited" delle isole Turks e Caicos e la offshore "Harsen Corporation" con sede nel Delaware. La Westlands ha un portafoglio clienti assai singolare. Per dire, offre consulenza agli inizi degli anni 2000 al Governo americano per la realizzazione di infrastrutture nel porto di Taranto. E, in quello stesso periodo, attraverso la "Quantitative finance group" lavora anche con il Dipartimento di Matematica applicata dell' università di Roma "La Sapienza" a modelli di trading che verranno adottati da una banca come Montepaschi.

giulio occhionero giulio occhionero

 

Giulio, insomma, è un tipo sveglio e svelto. Sua sorella, ne è il braccio. È dirigente della Westlands per 12 anni (fino a quando la società cessa, nel 2013), e per qualche ragione, però, con il fratello condivide anche poltrone nel consiglio di amministrazione di una società immobiliare, la Rogest, riferibile a Salvatore Buzzi (Mafia Capitale). Giulio, soprattutto, dal 2011, trascorre il suo tempo a trafficare con le sue due passioni. I software spia e la massoneria.

 

Che regalano un' altra curiosa coincidenza. Uno degli account di posta elettronica usati da Occhionero per lo "scarico" dei dati esfiltrati dal suo software spia coincide con quello cui, 5 anni fa, faceva capo il software spia utilizzato dal computer di Luigi Bisignani intercettato dalla magistratura napoletana nella famosa inchiesta P4.

francesca maria occhionero francesca maria occhionero

 

Raggiunto telefonicamente, Bisignani, che per la P4 patteggiò una pena a 1 anno e 7 mesi, dice: «Roba da pazzi. Non riesco neanche più a incazzarmi. Occhionero? Con quel cognome me lo ricorderei. Non ho la più pallida idea di chi sia e sfido chiunque a dimostrare il contrario. Né ho la più pallida idea di come mai il software spia di questo signore presenti quella coincidenza con quello che venne trovato nel mio Pc e che io non so neppure cosa sia, visto che non distinguo un dominio da una mail».

 

E tuttavia, in questa storia, l'odore di grembiuli, compassi e di un immarcescibile mondo di massoneria italiana trova conferma nelle parole di una qualificata fonte della nostra Intelligence: «Vedremo dove arriveremo. Ma Occhionero non è un fungo spuntato all' improvviso. Nella loggia Paolo Ungari c'è l' alta burocrazia di Stato. E lui, Giulio, è legato a un signore che si chiama Ubaldo Livolsi». Già, Livolsi, il finanziere siciliano cui Silvio Berlusconi deve la salvezza di Fininvest. L' uomo che inventò il marchio Mediaset e la sua quotazione in borsa. Roba di un altro secolo che, evidentemente, però, non finisce mai.

ALFREDO DANESI GIULIO OCCHIONERO ALFREDO DANESI GIULIO OCCHIONERO

 

2 - BISIGNANI: «IO NON C'ENTRO DIETRO CI SONO SERVIZI STRANIERI»

Dal “Corriere della Sera”

 

«Occhionero? Io non so chi sia». Luigi Bisignani risponde alle domande con una risata: «Non ho la più pallida idea del perché abbiano infilato il mio nome dentro quell' ordinanza». C' è scritto che lei controllava l'onorevole Papa e le Fiamme Gialle... «È un riferimento incredibile - replica il faccendiere, finito nel 2011 nell' inchiesta P4 -. Non ho mai spiato nessuno, infatti è una cosa che nelle carte dei pm Curcio e Woodcock non è mai emersa».

francesca maria occhionero francesca maria occhionero

 

E gli indirizzi email che coincidono? «Non ne so nulla». Quindi non è vero che la centrale di cyberspionaggio gestita da Occhionero aveva punti di contatto con il sistema a lei attribuito dalle cronache? «È una palla che non esiste. Quello spiato ero io, con un trojan che mi avevano messo nel pc. Da allora uso solo l'iPad». Ma da autore di tre spy story, Bisignani azzarda: «Dietro ci sono i servizi stranieri». Come lo sa? «Non lo so, lo immagino. Nessuno, senza un apparato ben attrezzato, può carpire informazioni a capi di governo».

luigi bisignani luigi bisignani

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"? 

E ORA LA MELONA, RIMASTA CON UN PUGNO DI POLVERE IN MANO, CHE FA? ALL’EVITA PERON DE’ NOANTRI NON RESTA CHE ATTACCARSI ALLA GIACCHETTA DI CICCIO TAJANI PER LA PARTITA DEI COMMISSARI (PROBABILMENTE PERÒ, NON OTTERRÀ DI MEGLIO CHE LA DELEGA ALLA COESIONE) – LA DUCETTA ERA TORMENTATA DAI DUBBI SUL VOTO ALLA VON DER LEYEN, MA POI HA CEDUTO ALLA FIAMMA MAGICA DI FAZZOLARI E ARIANNA, IDEOLOGICAMENTE CONTRARIA. L’HANNO MANDATA A SBATTERE PER LA PAURA DI PERDERE IL 6% RAPPRESENTATO DALLO ZOCCOLO DURO E PURO DI VECCHI ARNESI FASCI CHE ANCORA POPOLA FDI – LA POVERA URSULA CI HA PROVATO IN TUTTI I MODI: NEL SUO DISCORSO HA PARLATO APERTAMENTE DEL PATTO SUI MIGRANTI, MA DI FRONTE ALLA FOLLE RICHIESTA ITALIANA DI OTTENERE UNA VICEPRESIDENZA, HA DOVUTO FARE PIPPA – PS: CHI SONO I DUE FRATELLI D’ITALIA CHE HANNO VOTATO SÌ A VON DER LEYEN?