CIRO GRILLO E I TRE AMICI ACCUSATI DI VIOLENZA SESSUALE SCEGLIERANNO IL RITO ORDINARIO IN CASO DI RINVIO A GIUDIZIO: I RAGAZZI RISCHIANO FINO A 12 ANNI - LA DECISIONE VERRÀ COMUNICATA NELLE PROSSIME ORE AL GIUDICE DELL'UDIENZA PRELIMINARE DI TEMPIO PAUSANIA - I PM, DOPO AVERE CHIUSO L'INDAGINE UNA PRIMA VOLTA, NEL NOVEMBRE 2020, UN ANNO E MEZZO DOPO LA DENUNCIA, HANNO POI RIAPERTO L'INCHIESTA E CHIUSA DOPO POCHE SETTIMANE CON LA RICHIESTA DI RINVIO A GIUDIZIO…

-

Condividi questo articolo


Da https://www.ilmessaggero.it

 

CIRO GRILLO CIRO GRILLO

Ciro Grillo e i suoi tre amici accusati di violenza sessuale di gruppo nei confronti di una studentessa italo-norvegese il 17 luglio 2018 nella casa di Beppe Grillo sceglieranno il rito ordinario in caso di rinvio a giudizio. La decisione verrà comunicata nelle prossime ore al giudice dell'udienza preliminare di Tempio Pausania. Lo apprende l'Ansa da fonti vicine ai ragazzi. Rischiano pene fino a 12 anni.

 

Ciro Grillo, la scelta del rito ordinario

I legali dei quattro (Enrico Grillo, Romano Raimondo, Gennaro Velle, Ernesto Monteverde, Alessandro Vaccaro e Mariano Mameli) hanno preso la decisione dopo diverse riunioni visto che in due avrebbero preferito il rito abbreviato.

 

La vicenda e l'indagine

CIRO GRILLO - LA VILLETTA DI CALA DI VOLPE DOVE SI SAREBBE CONSUMATO LO STUPRO CIRO GRILLO - LA VILLETTA DI CALA DI VOLPE DOVE SI SAREBBE CONSUMATO LO STUPRO

I fatti risalgono a due anni fa, in Costa Smeralda quando, secondo il racconto di una delle due ragazze, dopo una serata in un locale di Porto Cervo, a casa del figlio di Beppe Grillo, dove fu invitata, sarebbe stata violentata. Lo stupro avrebbe riguardato solo lei, mentre all'amica, come emergerebbe da alcune fotografie e da un video, i quattro avrebbero appoggiato i genitali sul viso, mentre la ragazza dormiva. I pm, dopo avere chiuso l'indagine una prima volta, nel novembre 2020, un anno e mezzo dopo la denuncia, hanno poi riaperto l'inchiesta e chiusa dopo poche settimane con la richiesta di rinvio a giudizio per violenza sessuale di gruppo. Accuse sempre respinte dagli imputati che parlano di «sesso consenziente».

ciro grillo ciro grillo ciro grillo 9 ciro grillo 9 EDOARDO CAPITTA EDOARDO CAPITTA FRANCESCO CORSIGLIA FRANCESCO CORSIGLIA FRANCESCO CORSIGLIA FRANCESCO CORSIGLIA ciro e beppe grillo ciro e beppe grillo CIRO GRILLO CIRO GRILLO LE TAPPE DELLA NOTTATA DEL PRESUNTO STUPRO DI GRUPPO LE TAPPE DELLA NOTTATA DEL PRESUNTO STUPRO DI GRUPPO

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

LE OLGETTINE RESTANO DOVE SONO, CIOE' IN TRIBUNALE - I GIUDICI RESPINGONO LE ISTANZE DELLE DIFESE DELLE 'EX OLGETTINE', IMPUTATE NEL PROCESSO RUBY TER CON BERLUSCONI, CHE HANNO CHIESTO L'IMMEDIATO PROSCIOGLIMENTO DALLE ACCUSE DI FALSA TESTIMONIANZA, CONTESTATE ASSIEME ALLA CORRUZIONE IN ATTI GIUDIZIARI - LE ISTANZE SONO STATE PRESENTATE SULLA BASE DELL'ORDINANZA CON CUI IL COLLEGIO IL 3 NOVEMBRE HA DICHIARATO INUTILIZZABILI I VERBALI DELLE DEPOSIZIONI DI 18 GIOVANI, RESE NEI PROCESSI RUBY E RUBY BIS…

sport

cafonal

viaggi

salute