CRONACA VERA - UN 48ENNE SI È PRESENTATO AL COMANDO DEI CARABINIERI DI MODENA CON IL CADAVERE DELLA MOGLIE NELL'AUTO - IL CORPO DELLA DONNA, UNA 41 ANNI DI ORIGINI RUSSE, ERA NEL BAGAGLIAIO E AVEVA LA TESTA COPERTA DA UN SACCHETTO DI PLASTICA, LEGATO CON UN FILO ELETTRICO - RIMOSSO IL SACCHETTO, È STATA TROVATA UNA CINTURA STRETTA AL COLLO - I DUE SI STAVANO SEPARANDO: DIETRO L'OMICIDIO CI SAREBBE UNO SCAZZO PER LA CONTESA DEI FIGLI...

-

Condividi questo articolo


ARTICOLI CORRELATI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

VA IN CASERMA CON IL CADAVERE DELLA MOGLIE UCCISA IN AUTO

carabinieri carabinieri

(ANSA) - Un uomo si è presentato nella notte al comando dei carabinieri di Modena con il cadavere della moglie, una donna di 41 anni, nell'auto. Si tratterebbe di un femminicidio e il responsabile sarebbe lo stesso marito.

 

LA MOGLIE MORTA NEL FURGONE A MODENA, IL MARITO ARRESTATO

(ANSA) - È stato arrestato in quasi flagranza per omicidio aggravato l'uomo italiano di 48 anni che nella tarda sera di ieri si è presentato al comando provinciale dei carabinieri di Modena dichiarando, al militare di servizio in caserma, di aver trasportato il cadavere della moglie in un furgone.

 

Ne dà notizia la Procura di Modena. La donna, 40enne italiana di origine russa, era nel bagagliaio e aveva il capo coperto da un sacchetto nero di plastica stretto al collo con un filo elettrico plastificato. Rimosso il sacchetto, è stata trovata una cintura stretta al collo.

 

VIOLENZA DOMESTICA VIOLENZA DOMESTICA

L'uomo ha parcheggiato il furgone all'esterno della struttura militare. Personale specializzato dell'Arma ha aperto il veicolo, "con modalità idonee a non compromettere le fonti di prova" sottolinea la Procura, constatando la presenza nel bagagliaio del cadavere rannicchiato. E' poi intervenuto il medico legale per il sopralluogo. L'uomo è stato arrestato sulla base delle fonti di prova acquisite e portato in carcere, in attesa dell'udienza di convalida davanti al Gip. 

 

DONNA UCCISA, COL MARITO LA CONTESA SULL'AFFIDO DEI FIGLI

(ANSA) - Ci sarebbe una storia di figli contesi dietro all'omicidio della 40enne italiana di origini russe, per cui ieri sera a Modena è stato arrestato il marito 48enne che si è presentato in caserma con il cadavere della donna nel bagagliaio del furgone. La vittima, è emerso dalle prime indagini, aveva avviato davanti all'Autorità giudiziaria di Innsbruck (Austria) una procedura per regolamentare l'affidamento prevalente dei due figli minori e l'esercizio del diritto di visita.

Andrea Paltrinieri Andrea Paltrinieri

 

Il 17 maggio 2023 era stata decisa la collocazione prevalente nell'abitazione della madre e il diritto di visita del padre. A gennaio 2024 l'indagato aveva fatto ricorso al tribunale civile di Modena per separazione con addebito a carico della donna, contestando la giurisdizione austriaca.

 

Il tribunale modenese, informa la Procura, ritenendo di non dover assumere provvedimenti temporanei urgenti, essendoci già una decisione di un giudice straniero comunitario, decisione riconoscibile in Italia, ha assunto la causa in decisione a maggio 2024 sulla questione preliminare della giurisdizione (cioé sulla competenza territoriale). A febbraio di quest'anno la vittima aveva presentato un'altra istanza al tribunale di Innsbruck, per ottenere l'affidamento esclusivo dei due figli.

violenza domestica 6 violenza domestica 6

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

CRACK, ALLA FINE TUTTO CROLLERÀ (GIORGIA COMPRESA) - “MONTE DI PIETÀ”, LABIRINTICA E IMPIETOSA MOSTRA DELLO SVIZZERO CHRISTOPH BUCHEL ALLA FONDAZIONE PRADA DI VENEZIA, È UN PRECIPIZIO NELL’ABISSO DEL DENARO. LÀ DOVE COLLASSA LA NOSTRA PATOLOGICA COMPULSIONE DI ACCUMULARE TUTTO E DI PIÙ, TRA CELEBRITÀ DIVORATE DALLA POLVERE DELL OBLIO E STILISTI RIDOTTI A BARZELLETTA, LÀ, IN UN MONDO-PALUDE CHE HA SUCCHIATO TUTTO, TIZIANO E CANALETTO, “MERDA D’ARTISTA” DI MANZONI E LE TELE-VENDITE DI WANNA MARCHI, CARRI ARMATI E BORSETTE TAROCCATE PRADA, L’IMMAGINE CHIAMATA AD ACCOMPAGNARCI ALL’ULTIMA MINZIONE DELL’UMANITÀ, APPOGGIATA DAVANTI AL BAGNO, SOPRA UNA SCATOLA PRONTA PER ESSERE SPEDITA VIA, È LEI, GIORGIA DEI MIRACOLI CHE SORRIDE INCORNICIATA…

DAGOREPORT - FEDEZ E FABIO MARIA DAMATO OUT: MISSIONE COMPIUTA PER MARINA DI GUARDO! LA MAMMA DI CHIARA FERRAGNI IN QUESTI MESI HA RIPETUTO A CHIUNQUE CHE IL PANDORO-GATE E LE SUE CONSEGUENZE ERANO TUTTA COLPA DI FABIO MARIA DAMATO E DI FEDEZ. LA SIGNORA AGGIUNGEVA SOVENTE, CON IMBARAZZO DEGLI ASTANTI, CHE CHIARA AVREBBE DOVUTO SUBITO DIVORZIARE. E COSÌ SARÀ – D’ALTRONDE, CHIARA HA DATO DA VIVERE A TUTTA LA FAMIGLIA MATRIARCALE: DALL’IMPROVVISATA SCRITTRICE MARINA ALLE SORELLE INFLUENCER DI SECONDA FASCIA. DI COSA VIVREBBERO SE LA STELLA DI FAMIGLIA SMETTESSE DI BRILLARE?