DEVI GENERARE, DEGENERATO! - UNA COPPIA INDIANA HA FATTO CAUSA ALL'UNICO FIGLIO PERCHE' INCAPACE DI DARGLI UN NIPOTE - I DUE CONIUGI SOSTENGONO DI ESSERE VITTIME DI "AGONIA MENTALE E MOLESTIE" PERCHE', DOPO AVER SPESO OGNI CENTESIMO PER CRESCERE IL RAGAZZO, FORMARLO COME PILOTA E ORGANIZZARGLI UN SONTUOSO MATRIMONIO, LUI E LA MOGLIE SI SONO CONCENTRATI SUL LAVORO INVECE CHE SULLA FAMIGLIA - COSI' GLI HANNO CHIESTO INDIETRO TUTTI I SOLDI...

-

Condividi questo articolo


 

Dagotraduzione dal Daily Mail

 

Sajneev Prasad e la moglie Sadhana Sajneev Prasad e la moglie Sadhana

Una coppia indiana in pensione ha fatto causa al figlio chiedendogli oltre 580.000 euro perché colpevole di avergli provocato una «agonia mentale» non avendogli dato un nipote.

 

Sajneev Prasd, 61 anni, e la moglie Sadhana, 57, hanno presentato il ricorso contro il figlio Shrey Sagar e la moglie Shubhangi, sposi dal 2016 ma rimasti senza prole. I due coniugi senior hanno detto di aver pagato il loro sontuoso matrimonio, e anche la luna di miele in Thailandia. E di aver finanziato gli studi del figlio negli Stati Uniti per farlo diventare un pilota.

 

Nel 2007 Shrey è tornato in India dagli Usa e da allora lavoro come pilota, ma vive separatamente da Shubhangi. La madre e il padre hanno regalato alla coppia un’Audi del valore di 75.000 euro e hanno pagato per il loro lussuoso ricevimento di nozze in un hotel a cinque stelle. Sostengono di aver speso 310 mila euro per il figlio da quando è nato.

 

Matrimonio di Shrey nel 2016 Matrimonio di Shrey nel 2016

Ora vogliono indietro quell’importo più altre 25 milioni di rupie per danni. «Abbiamo ucciso i nostri sogni per allevarlo» ha detto Sajneev a The National World. «Diventare nonno è il sogno di ogni genitore. Aspettiamo da anni di diventare nonni».

 

«Avevamo cercato di convincere nostro figlio e sua moglie, ma non hanno prestato attenzione alle nostre richieste. Abbiamo il cuore spezzato dal fatto che moriremo senza vedere [un] nipote».  Sajneev ha scritto nel ricorso presentato in tribunale: «Mio figlio è sposato da sei anni ma non stanno ancora pianificando un bambino. Almeno se abbiamo un nipote con cui passare del tempo, il nostro dolore diventerà sopportabile».

 

matrimonio indiano matrimonio indiano

«Abbiamo dovuto prendere un prestito per costruire la nostra casa e ora stiamo attraversando molte difficoltà finanziarie. Anche mentalmente siamo abbastanza disturbati perché viviamo da soli».

 

L'accusa presentata al tribunale distrettuale di Haridwar è stata elencata come «agonia mentale e molestie». È tecnicamente etichettato come un caso di «violenza domestica».

 

L'avvocato dell'accusa Arvind Kumar Srivastava ha affermato che la petizione sarà esaminata dal tribunale dell'India settentrionale il 17 maggio, secondo quanto riportato dall'AFP. Shrey e Shubhangi verranno quindi formalmente contattati.

 

matrimonio indiano matrimonio indiano

L'India ha un forte sistema familiare e molte generazioni tra cui nonni, nipoti, zie e zii spesso vivono nella stessa famiglia. Tuttavia, negli ultimi anni la tendenza è cambiata, e le giovani coppie preferiscono allontanarsi dai genitori o dai fratelli e le mogli - come in questo caso - scegliendo di lavorare piuttosto che concentrarsi sull'avere figli e stare a casa.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

ZAN! ZAN! SANNA MARIN NON SOLO COME RISORSA ORMONALE – L’ARRAPAMENTO ITALICO PER LA FASCINOSA PREMIER FINLANDESE HA COLPITO CONCITA DE GREGORIO (LA GUARDIANA DEL PRETORIO): ‘’QUI LE DONNE DI 37 ANNI LE USIAMO AL MASSIMO COME CANDIDATE DI BANDIERA DA USARE PER MOSTRARE CHE LE ABBIAMO MESSE IN ROSA, POI SCOMPAIONO E COMINCIANO A GIOCARE I MASCHI” – E POI NOTA CHE “SANNA È CRESCIUTA CON DUE MADRI (LA SUA BIOLOGICA, LA NUOVA COMPAGNA DI LEI) E HA PER QUESTO PROVATO, DICE, "UN SENSO DI INVISIBILITÀ" PERCHÉ "DELLE FAMIGLIE ARCOBALENO NON SI PARLAVA". PENSATE, NEPPURE IN FINLANDIA…”

business

SIAMO ALLE SOLITE: I TEDESCHI BLOCCANO L’INTESA SUI DAZI AL PETROLIO RUSSO! - IL GOVERNO DI BERLINO È SCETTICO (EUFEMISMO) RISPETTO ALLA PROPOSTA AMERICANA, PORTATA DAL SEGRETARIO AL TESORO USA, JANET YELLEN, AL G7 DEI MINISTRI DELLE FINENZE - È STATA LA STESSA YELLEN AD AMMETTERE: “NON È EMERSA UNA STRATEGIA CHIARA SUI DAZI” - LO STALLO CONTINUA ANCHE IN EUROPA, CON L’UNGHERIA CHE SI OPPONE AL SESTO ROUND DI SANZIONI CHE COLPIREBBERO IL GREGGIO (E SCHOLZ NON È COSÌ DISPIACIUTO)

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute