DIE HARD – UN EX POLIZIOTTO RUSSO VIVE DA DIECI ANNI CON UN PROIETTILE CONFICCATO NEL CERVELLO – NEL 2010 UNA GANG DI RAPINATORI UCCISE UN SUO COLLEGA E POI GLI SPARÒ ALLA TESTA. I MEDICI GLI AVEVANO DETTO CHE AVEVA UNA POSSIBILITÀ SU UN MILIONE DI SOPRAVVIVERE. LUI INVECE CE L’HA FATTA E HA UNA VITA QUASI NORMALE, SE SI ESCLUDE UN FASTIDIOSO MAL DI TESTA…

-

Condividi questo articolo

 

 

vladimir krutov vladimir krutov

 

 

DAGONEWS

Un ex poliziotto russo  vive da dieci anni con un proiettile conficcato nel cervello. L’uomo si chiama Vladimir Krutov e adesso ha 36 anni. Nel 2010 una gang di rapinatori lo ferì a San Pietroburgo, e uccise il suo collega Dmitri Voronin. I medici lo davano per spacciato: “hai una possibilità su un milione di sopravvivere”. Invece lui ce l’ha fatta e ora racconta la sua storia.

 

il proiettile nel cervello di vladimir krutov il proiettile nel cervello di vladimir krutov

“Erano in tre, prima abbiamo provato a prenderli, mi ricordo che Dmitri a un certo punto urlò che erano armati. Ci hanno picchiato ripetutamente e poi sono riusciti a prenderci le manette e bloccarci. Hanno sparato a lui, due colpi, ho sentito qualcosa di molto caldo addosso, poi dopo 5 secondi un altro sparo e il buio. Mi sono risvegliato nove giorni dopo in ospedale, quando sono uscito dal coma”.

 

dmitry voronin dmitry voronin

I medici ancora sono stupefatti dal fatto che Vladimir sia riuscito a sopravvivere. Due mesi dopo l’intervento Vladimir è uscito sano e salvo dall’ospedale, dopo che i medici avevano deciso che rimuovere il proiettile l’avrebbe ucciso. Adesso vive con una pensione di invalidità, si è sposato un anno e mezzo fa con Marina e ha una figlia di 5 mesi, Varvara. Insomma, ha una vita quasi normale, se non fosse per quel proiettile: non posso volare n[ fare la sauna, e ogni tanto mi vengono dei forti mal di testa…”

vladimir krutov con la moglie marina vladimir krutov con la moglie marina vladimir krutov con la figlia varvara vladimir krutov con la figlia varvara

 

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

LA VERSIONE DI MUGHINI - "ELEGGERE SARRI A CAPRO ESPIATORIO È TROPPO FACILE. I PROBLEMI DELLA JUVE ODIERNA SONO NUMEROSI. LI HA AGGRAVATI UNA CAMPAGNA ACQUISTI NON FELICE. E LA ROSA DELLA JUVE E’ LA PIU’ VECCHIA DELLA SERIE A - E’ STATO PAZZESCO CREDERE (E CHE LO CREDESSERO DUE UOMINI ESPERTISSIMI DI CALCIO QUALI FABIO PARATICI E PAVEL NEDVED) CHE SARRI FACESSE ALLA JUVE QUEL CHE AVEVA FATTO A NAPOLI. INSEGNARE CALCIO A TIPINI COME RONALDO, BONUCCI, PJANIC, DYBALA? E DIFATTI…" - IL FUTURO? SIMONE INZAGHI O IL RITORNO DI ALLEGRI...

cafonal

viaggi

salute